Genesi 33

1 Capitolo 33

Schema del capitolo

Gli incontri amichevoli di Giacobbe e di Esaù.

(1-16)

Giacobbe viene a Succot e Salem, egli costruisce un altare.

(17-20)

Versi 1-16

Giacobbe, avendo affidato il suo caso a Dio per mezzo della preghiera, continuò per la sua strada. Accada quel che accada, niente può essere rifiutato a colui il cui cuore è fondato sulla fede in Dio. Giacobbe si inchinò davanti a Esaù. Un comportamento modesto e arrendevole caccia la collera. Esaù abbracciò Giacobbe. Dio ha i cuori di tutti gli uomini nelle sue mani e può usarli quando e come piace a Lui. Non è vano avere fede in Dio e gridare a Lui nei momenti di difficoltà. E quando i modi di un uomo soddisfano il Signore Egli fa in modo che anche i suoi nemici siano in pace con lui. Esaù ricevette Giacobbe come un fratello e c'era molta tenerezza fra loro. Esaù domandò: "Chi sono quelli con te?". A questa semplice domanda, Giacobbe parlò come a se stesso, come un uomo i cui occhi sono sempre volti verso il Signore. Giacobbe insistette nei confronti di Esaù, sebbene la sua paura fosse finita ed egli accettò il suo regalo. È bello vedere che la fede rende gli uomini generosi, col cuore liberale e le mani aperte. Ma Giacobbe rifiutò l'accompagnamento di Esaù: è sempre meglio non essere troppo intimi con gli empi che cercano la nostra partecipazione alle loro vanità o che almeno chiudiamo un occhio alle loro deridendo così la nostra religione. Altri saranno un'insidia per noi o ci offenderanno. Dobbiamo preferire di perdere tutte le cose piuttosto che mettere in pericolo le nostre anime e rinunciare a Cristo se veramente lo amiamo. E notando l'attenzione tenera di Giacobbe per la sua famiglia e per le sue greggi, egli ci ricorda il buon Pastore delle nostre anime, che prende in braccio gli agnellini e li accosta al suo petto conducendo dolcemente quelli che sono ancora giovani Isaia 40:11. Come genitori, insegnanti o pastori, dovremmo tutti seguire il suo esempio.

17 Versi 17-20

Giacobbe non festeggiò con ringraziamenti di rito le benedizioni che Dio gli aveva accorato, ma gli rese ringraziamenti di cuore. Anche egli mantenne la religione e il culto di Dio nella sua famiglia. Dove abbiamo una tenda, Dio deve avere un altare. Giacobbe dedicò questo altare in onore di El-elohe-Israel, Dio, il Dio di Israele, in onore di Dio, dell'unico Dio vero e in onore del Dio di Israele, di quel Dio che fece un patto con lui. Il Dio di Israele è la gloria di Israele. Benedetto sia il suo nome perché egli è ancora il Dio potente, il Dio di Israele. Possiamo lodare il suo nome e rallegrarci nel suo amore nel nostro pellegrinare qui su questa terra e un giorno per sempre nella Canaan celeste.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata