Genesi 36

Capitolo 36

Esaù e i suoi discendenti.

I racconti contenuti in questo capitolo ci mostrano la fedeltà di Dio alla promessa fatta ad Abraamo. Esaù è qui chiamato Edom, quel nome che tiene vivo il ricordo di avere venduto la sua primogenitura per una porzione di minestra. Esaù continuò ad usare profanamente i doni divini. Nella prosperità e nell'onore i figli di Dio spesso subentrano a coloro che, essendo lontani da Dio, le fanno accrescere. Possiamo supporre che fosse una prova di fede per Israele il fatto di sentire parlare della fastosità e del potere dei re di Edom, mentre essi erano ancora schiavi in Egitto, ma quelli che si aspettano grandi cose da Dio, devono sapere aspettare: I tempi di Dio sono i tempi migliori. Il monte Seir è chiamato terra di loro proprietà. Canaan era in questo momento solo la terra promessa. Seir era in possesso degli Edomiti. I figli di questo mondo hanno tutto a disposizione, Lu 16:25, mentre i figli di Dio hanno tutto in speranza e quasi niente a disposizione. Ma, considerato tutto ciò, è meglio avere Canaan in promessa che il monte Seir in possesso.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata