C.E.I.:

1Tessalonicesi 4,4

che ciascuno sappia mantenere il proprio corpo con santità e rispetto,

Giobbe 31,1

Avevo stretto con gli occhi un patto
di non fissare neppure una vergine.

1Corinzi 7,34

e si trova diviso! Così la donna non sposata, come la vergine, si preoccupa delle cose del Signore, per essere santa nel corpo e nello spirito; la donna sposata invece si preoccupa delle cose del mondo, come possa piacere al marito.

Nuova Riveduta:

1Tessalonicesi 4,4

che ciascuno di voi sappia possedere il proprio corpo in santità e onore,

Giobbe 31,1

Conclusione di Giobbe: non ha nulla da rimproverarsi
(Gb 23:1-12; 29:1-17; 42:1-7)(Sl 7:3-5; 17:1-5)
«Io avevo stretto un patto con i miei occhi;
io non avrei fissato lo sguardo sopra una vergine.

1Corinzi 7,34

e i suoi interessi sono divisi. La donna senza marito o vergine si dà pensiero delle cose del Signore, per essere consacrata a lui nel corpo e nello spirito; mentre la sposata si dà pensiero delle cose del mondo, come potrebbe piacere al marito.

Nuova Diodati:

1Tessalonicesi 4,4

che ciascuno di voi sappia possedere il suo vaso in santità ed onore,

Giobbe 31,1

Giobbe afferma la sua morale integrità
«Io avevo stretto un patto con i miei occhi; come potevo quindi fissare lo sguardo su una vergine?

1Corinzi 7,34

Vi è differenza tra la donna sposata e la vergine; quella che non è sposata, si preoccupa delle cose del Signore per essere santa nel corpo e nello spirito, ma la sposata si preoccupa delle cose del mondo, del come possa piacere al marito.


Nuovo brano:

Brano da visualizzare: 

Bibbia(Da http://www.laparola.net/)