C.E.I.:

Amos 4,8-11

8 due, tre città si muovevano titubanti
verso un'altra città per bervi acqua,
senza potersi dissetare:
e non siete ritornati a me,
dice il Signore.
9 Vi ho colpiti con ruggine e carbonchio,
vi ho inaridito i giardini e le vigne;
i fichi, gli oliveti li ha divorati la cavalletta:
e non siete ritornati a me,
dice il Signore.
10 Ho mandato contro di voi la peste,
come un tempo contro l'Egitto;
ho ucciso di spada i vostri giovani,
mentre i vostri cavalli diventavano preda;
ho fatto salire il fetore dei vostri campi
fino alle vostre narici:
e non siete ritornati a me,
dice il Signore.
11 Vi ho travolti
come Dio aveva travolto Sòdoma e Gomorra;
eravate come un tizzone
strappato da un incendio:
e non siete ritornati a me
dice il Signore.

Geremia 5,3

Signore, i tuoi occhi non cercano forse la fedeltà?
Tu li hai percossi, ma non mostrano dolore;
li hai fiaccati, ma rifiutano di comprendere la correzione.
Hanno indurito la faccia più di una rupe,
non vogliono convertirsi.

Nuova Riveduta:

Amos 4,8-11

8 Due, tre città si trascinavano verso un'altra città per bere acqua,
e non potevano dissetarsi;
ma voi non siete tornati a me», dice il SIGNORE.
9 «Vi ho colpito con ruggine e carbonchio;
le locuste hanno divorato
i vostri numerosi giardini, le vostre vigne, i vostri fichi, i vostri ulivi;
ma voi non siete tornati a me», dice il SIGNORE.
10 «Ho mandato la peste in mezzo a voi come in Egitto;
ho ucciso i vostri giovani con la spada
e ho catturato i vostri cavalli;
vi ho fatto salire al naso il fetore dei vostri accampamenti;
ma voi non siete tornati a me», dice il SIGNORE.
11 «Vi ho sconvolti,
come Dio sconvolse Sodoma e Gomorra,
e voi siete stati come un tizzone strappato dal fuoco;
ma voi non siete tornati a me», dice il SIGNORE.

Geremia 5,3

SIGNORE, i tuoi occhi non cercano forse la fedeltà?
Tu li colpisci, e quelli non sentono nulla;
tu li consumi, e quelli rifiutano di ricevere la correzione;
essi hanno reso il loro volto più duro della roccia,
rifiutano di convertirsi.

Nuova Diodati:

Amos 4,8-11

8 Così due o tre città vagavano verso un'altra città per bere acqua, senza potersi dissetare; ma voi non siete tornati a me», dice l'Eterno. 9 «Vi ho colpito con il carbonchio e con la ruggine. Il bruco ha divorato i vostri numerosi giardini, le vostre vigne, i vostri fichi e i vostri ulivi, ma voi non siete tornati a me», dice l'Eterno. 10 «Ho mandato fra voi la peste, come avevo fatto in Egitto; ho ucciso i vostri giovani con la spada assieme ai vostri cavalli catturati; ho fatto salire il fetore dei vostri accampamenti nelle vostre stesse narici, ma non siete ritornati a me» dice l'Eterno. 11 «Vi ho travolti, come Sodoma e Gomorra, e voi siete stati come un tizzone strappato da un incendio, ma non siete ritornati a me», dice l'Eterno.

Geremia 5,3

O Eterno, non sono i tuoi occhi per la verità? Tu li hai colpiti, ma non hanno sentito alcun dolore; li hai consumati, ma hanno rifiutato di ricevere la correzione. Essi hanno indurito la loro faccia più della roccia e hanno rifiutato di ritornare.


Nuovo brano:

Brano da visualizzare: 

Bibbia(Da http://www.laparola.net/)