C.E.I.:

Numeri 12,11-13

11 Aronne disse a Mosè: «Signor mio, non addossarci la pena del peccato che abbiamo stoltamente commesso, 12 essa non sia come il bambino nato morto, la cui carne è già mezzo consumata quando esce dal seno della madre». 13 Mosè gridò al Signore: «Guariscila, Dio!».

Nuova Riveduta:

Numeri 12,11-13

11 Aaronne disse a Mosè: «Ti prego, mio signore, non farci portare la pena di un peccato che abbiamo stoltamente commesso, e di cui siamo colpevoli. 12 Ti prego, che lei non sia come il bimbo nato morto, la cui carne è già mezzo consumata quando esce dal seno materno!» 13 Mosè gridò al SIGNORE, dicendo: «Guariscila, o Dio, te ne prego!»

Nuova Diodati:

Numeri 12,11-13

11 Aaronne disse a Mosè: «Deh, signor mio, non addossare su di noi la colpa che abbiamo stoltamente commesso e il peccato che abbiamo fatto. 12 Deh, non permettere che ella sia come uno morto, la cui carne è già mezza consumata quando esce dal grembo di sua madre!». 13 Così Mosè gridò all'Eterno, dicendo: «Guariscila, o Dio, te ne prego!».


Nuovo brano:

Brano da visualizzare: 

Bibbia(Da http://www.laparola.net/)