C.E.I.:

Salmi 120-135

120,1 Canto delle ascensioni.
Alzo gli occhi verso i monti:
da dove mi verrà l'aiuto?
2 Il mio aiuto viene dal Signore,
che ha fatto cielo e terra.
3 Non lascerà vacillare il tuo piede,
non si addormenterà il tuo custode.
4 Non si addormenterà, non prenderà sonno,
il custode d'Israele.
5 Il Signore è il tuo custode,
il Signore è come ombra che ti copre,
e sta alla tua destra.
6 Di giorno non ti colpirà il sole,
né la luna di notte.
7 Il Signore ti proteggerà da ogni male,
egli proteggerà la tua vita.
8 Il Signore veglierà su di te, quando esci e quando entri,
da ora e per sempre.

121,1 Canto delle ascensioni. Di Davide.
Quale gioia, quando mi dissero:
«Andremo alla casa del Signore».
2 E ora i nostri piedi si fermano
alle tue porte, Gerusalemme!
3 Gerusalemme è costruita
come città salda e compatta.
4 Là salgono insieme le tribù,
le tribù del Signore,
secondo la legge di Israele,
per lodare il nome del Signore.
5 Là sono posti i seggi del giudizio,
i seggi della casa di Davide.
6 Domandate pace per Gerusalemme:
sia pace a coloro che ti amano,
7 sia pace sulle tue mura,
sicurezza nei tuoi baluardi.
8 Per i miei fratelli e i miei amici
io dirò: «Su di te sia pace!».
9 Per la casa del Signore nostro Dio,
chiederò per te il bene.

122,1 Canto delle ascensioni. Di Davide.
A te levo i miei occhi,
a te che abiti nei cieli.
2 Ecco, come gli occhi dei servi
alla mano dei loro padroni;
come gli occhi della schiava,
alla mano della sua padrona,
così i nostri occhi sono rivolti al Signore nostro Dio,
finché abbia pietà di noi.
3 Pietà di noi, Signore, pietà di noi,
già troppo ci hanno colmato di scherni,
4 noi siamo troppo sazi
degli scherni dei gaudenti,
del disprezzo dei superbi.

123,1 Canto delle ascensioni. Di Davide.
Se il Signore non fosse stato con noi,
- lo dica Israele -
2 se il Signore non fosse stato con noi,
quando uomini ci assalirono,
3 ci avrebbero inghiottiti vivi,
nel furore della loro ira.
4 Le acque ci avrebbero travolti;
un torrente ci avrebbe sommersi,
5 ci avrebbero travolti
acque impetuose.
6 Sia benedetto il Signore,
che non ci ha lasciati
in preda ai loro denti.
7 Noi siamo stati liberati come un uccello
dal laccio dei cacciatori:
il laccio si è spezzato
e noi siamo scampati.
8 Il nostro aiuto è nel nome del Signore
che ha fatto cielo e terra.

124,1 Canto delle ascensioni.
Chi confida nel Signore è come il monte Sion:
non vacilla, è stabile per sempre.
2 I monti cingono Gerusalemme:
il Signore è intorno al suo popolo
ora e sempre.
3 Egli non lascerà pesare lo scettro degli empi
sul possesso dei giusti,
perché i giusti non stendano le mani
a compiere il male.
4 La tua bontà, Signore, sia con i buoni
e con i retti di cuore.
5 Quelli che vanno per sentieri tortuosi
il Signore li accomuni alla sorte dei malvagi.
Pace su Israele!

125,1 Canto delle ascensioni.
Quando il Signore ricondusse i prigionieri di Sion,
ci sembrava di sognare.
2 Allora la nostra bocca si aprì al sorriso,
la nostra lingua si sciolse in canti di gioia.
Allora si diceva tra i popoli:
«Il Signore ha fatto grandi cose per loro».
3 Grandi cose ha fatto il Signore per noi,
ci ha colmati di gioia.
4 Riconduci, Signore, i nostri prigionieri,
come i torrenti del Negheb.
5 Chi semina nelle lacrime
mieterà con giubilo.
6 Nell'andare, se ne va e piange,
portando la semente da gettare,
ma nel tornare, viene con giubilo,
portando i suoi covoni.

126,1 Canto delle ascensioni. Di Salomone.
Se il Signore non costruisce la casa,
invano vi faticano i costruttori.
Se il Signore non custodisce la città,
invano veglia il custode.
2 Invano vi alzate di buon mattino,
tardi andate a riposare
e mangiate pane di sudore:
il Signore ne darà ai suoi amici nel sonno.
3 Ecco, dono del Signore sono i figli,
è sua grazia il frutto del grembo.
4 Come frecce in mano a un eroe
sono i figli della giovinezza.
5 Beato l'uomo che ne ha piena la faretra:
non resterà confuso quando verrà a trattare
alla porta con i propri nemici.

127,1 Canto delle ascensioni.
Beato l'uomo che teme il Signore
e cammina nelle sue vie.
2 Vivrai del lavoro delle tue mani,
sarai felice e godrai d'ogni bene.
3 La tua sposa come vite feconda
nell'intimità della tua casa;
i tuoi figli come virgulti d'ulivo
intorno alla tua mensa.
4 Così sarà benedetto l'uomo
che teme il Signore.
5 Ti benedica il Signore da Sion!
Possa tu vedere la prosperità di Gerusalemme
per tutti i giorni della tua vita.
6 Possa tu vedere i figli dei tuoi figli.
Pace su Israele!

128,1 Canto delle ascensioni.
Dalla giovinezza molto mi hanno perseguitato,
- lo dica Israele -
2 dalla giovinezza molto mi hanno perseguitato,
ma non hanno prevalso.
3 Sul mio dorso hanno arato gli aratori,
hanno fatto lunghi solchi.
4 Il Signore è giusto:
ha spezzato il giogo degli empi.
5 Siano confusi e volgano le spalle
quanti odiano Sion.
6 Siano come l'erba dei tetti:
prima che sia strappata, dissecca;
7 non se ne riempie la mano il mietitore,
né il grembo chi raccoglie covoni.
8 I passanti non possono dire:
«La benedizione del Signore sia su di voi,
vi benediciamo nel nome del Signore».

129,1 Canto delle ascensioni.
Dal profondo a te grido, o Signore;
2 Signore, ascolta la mia voce.
Siano i tuoi orecchi attenti
alla voce della mia preghiera.
3 Se consideri le colpe, Signore,
Signore, chi potrà sussistere?
4 Ma presso di te è il perdono:
e avremo il tuo timore.
5 Io spero nel Signore,
l'anima mia spera nella sua parola.
6 L'anima mia attende il Signore
più che le sentinelle l'aurora.
7 Israele attenda il Signore,
perché presso il Signore è la misericordia
e grande presso di lui la redenzione.
8 Egli redimerà Israele
da tutte le sue colpe.

130,1 Canto delle ascensioni. Di Davide.
Signore, non si inorgoglisce il mio cuore
e non si leva con superbia il mio sguardo;
non vado in cerca di cose grandi,
superiori alle mie forze.
2 Io sono tranquillo e sereno
come bimbo svezzato in braccio a sua madre,
come un bimbo svezzato è l'anima mia.
3 Speri Israele nel Signore,
ora e sempre.

131,1 Canto delle ascensioni.
Ricordati, Signore, di Davide,
di tutte le sue prove,
2 quando giurò al Signore,
al Potente di Giacobbe fece voto:
3 «Non entrerò sotto il tetto della mia casa,
non mi stenderò sul mio giaciglio,
4 non concederò sonno ai miei occhi
né riposo alle mie palpebre,
5 finché non trovi una sede per il Signore,
una dimora per il Potente di Giacobbe».
6 Ecco, abbiamo saputo che era in Efrata,
l'abbiamo trovata nei campi di Iàar.
7 Entriamo nella sua dimora,
prostriamoci allo sgabello dei suoi piedi.
8 Alzati, Signore, verso il luogo del tuo riposo,
tu e l'arca della tua potenza.
9 I tuoi sacerdoti si vestano di giustizia,
i tuoi fedeli cantino di gioia.
10 Per amore di Davide tuo servo
non respingere il volto del tuo consacrato.
11 Il Signore ha giurato a Davide
e non ritratterà la sua parola:
«Il frutto delle tue viscere
io metterò sul tuo trono!
12 Se i tuoi figli custodiranno la mia alleanza
e i precetti che insegnerò ad essi,
anche i loro figli per sempre
sederanno sul tuo trono».
13 Il Signore ha scelto Sion,
l'ha voluta per sua dimora:
14 «Questo è il mio riposo per sempre;
qui abiterò, perché l'ho desiderato.
15 Benedirò tutti i suoi raccolti,
sazierò di pane i suoi poveri.
16 Rivestirò di salvezza i suoi sacerdoti,
esulteranno di gioia i suoi fedeli.
17 Là farò germogliare la potenza di Davide,
preparerò una lampada al mio consacrato.
18 Coprirò di vergogna i suoi nemici,
ma su di lui splenderà la corona».

132,1 Canto delle ascensioni. Di Davide.
Ecco quanto è buono e quanto è soave
che i fratelli vivano insieme!
2 È come olio profumato sul capo,
che scende sulla barba,
sulla barba di Aronne,
che scende sull'orlo della sua veste.
3 È come rugiada dell'Ermon,
che scende sui monti di Sion.
Là il Signore dona la benedizione
e la vita per sempre.

133,1 Canto delle ascensioni.
Ecco, benedite il Signore,
voi tutti, servi del Signore;
voi che state nella casa del Signore
durante le notti.
2 Alzate le mani verso il tempio
e benedite il Signore.
3 Da Sion ti benedica il Signore,
che ha fatto cielo e terra.

134,1 Alleluia.
Lodate il nome del Signore,
lodatelo, servi del Signore,
2 voi che state nella casa del Signore,
negli atri della casa del nostro Dio.
3 Lodate il Signore: il Signore è buono;
cantate inni al suo nome, perché è amabile.
4 Il Signore si è scelto Giacobbe,
Israele come suo possesso.
5 Io so che grande è il Signore,
il nostro Dio sopra tutti gli dèi.
6 Tutto ciò che vuole il Signore,
egli lo compie in cielo e sulla terra,
nei mari e in tutti gli abissi.
7 Fa salire le nubi dall'estremità della terra,
produce le folgori per la pioggia,
dalle sue riserve libera i venti.
8 Egli percosse i primogeniti d'Egitto,
dagli uomini fino al bestiame.
9 Mandò segni e prodigi
in mezzo a te, Egitto,
contro il faraone e tutti i suoi ministri.
10 Colpì numerose nazioni
e uccise re potenti:
11 Seon, re degli Amorrèi,
Og, re di Basan,
e tutti i regni di Cànaan.
12 Diede la loro terra in eredità a Israele,
in eredità a Israele suo popolo.
13 Signore, il tuo nome è per sempre;
Signore, il tuo ricordo per ogni generazione.
14 Il Signore guida il suo popolo,
si muove a pietà dei suoi servi.
15 Gli idoli dei popoli sono argento e oro,
opera delle mani dell'uomo.
16 Hanno bocca e non parlano;
hanno occhi e non vedono;
17 hanno orecchi e non odono;
non c'è respiro nella loro bocca.
18 Sia come loro chi li fabbrica
e chiunque in essi confida.
19 Benedici il Signore, casa d'Israele;
benedici il Signore, casa di Aronne;
20 Benedici il Signore, casa di Levi;
voi che temete il Signore, benedite il Signore.
21 Da Sion sia benedetto il Signore.
che abita a Gerusalemme. Alleluia.

135,1 Alleluia.
Lodate il Signore perché è buono:
perché eterna è la sua misericordia.
2 Lodate il Dio degli dèi:
perché eterna è la sua misericordia.
3 Lodate il Signore dei signori:
perché eterna è la sua misericordia.
4 Egli solo ha compiuto meraviglie:
perché eterna è la sua misericordia.
5 Ha creato i cieli con sapienza:
perché eterna è la sua misericordia.
6 Ha stabilito la terra sulle acque:
perché eterna è la sua misericordia.
7 Ha fatto i grandi luminari:
perché eterna è la sua misericordia.
8 Il sole per regolare il giorno:
perché eterna è la sua misericordia;
9 la luna e le stelle per regolare la notte:
perché eterna è la sua misericordia.
10 Percosse l'Egitto nei suoi primogeniti:
perché eterna è la sua misericordia.
11 Da loro liberò Israele:
perché eterna è la sua misericordia;
12 con mano potente e braccio teso:
perché eterna è la sua misericordia.
13 Divise il mar Rosso in due parti:
perché eterna è la sua misericordia.
14 In mezzo fece passare Israele:
perché eterna è la sua misericordia.
15 Travolse il faraone e il suo esercito nel mar Rosso:
perché eterna è la sua misericordia.
16 Guidò il suo popolo nel deserto:
perché eterna è la sua misericordia.
17 Percosse grandi sovrani
perché eterna è la sua misericordia;
18 uccise re potenti:
perché eterna è la sua misericordia.
19 Seon, re degli Amorrei:
perché eterna è la sua misericordia.
20 Og, re di Basan:
perché eterna è la sua misericordia.
21 Diede in eredità il loro paese;
perché eterna è la sua misericordia;
22 in eredità a Israele suo servo:
perché eterna è la sua misericordia.
23 Nella nostra umiliazione si è ricordato di noi:
perché eterna è la sua misericordia;
24 ci ha liberati dai nostri nemici:
perché eterna è la sua misericordia.
25 Egli dà il cibo ad ogni vivente:
perché eterna è la sua misericordia.
26 Lodate il Dio del cielo:
perché eterna è la sua misericordia.

Nuova Riveduta:

Salmi 120-135

Sofferenza del deportato
Ed 4; Sl 12
120,1 Canto dei pellegrinaggi.
Nella mia angoscia ho invocato il SIGNORE,
ed egli m'ha risposto.
2 Signore, libera l'anima mia dalle labbra bugiarde,
dalla lingua ingannatrice.
3 Che ti sarà dato e che ti sarà aggiunto,
lingua ingannatrice?
4 Frecce appuntite di guerriero,
con carboni di ginepro.
5 Misero me che soggiorno in Mesec
e abito fra le tende di Chedar!
6 L'anima mia troppo a lungo ha dimorato con chi odia la pace!
7 Io sono per la pace; ma, quando parlo,
essi sono per la guerra.

Soccorso e protezione di Dio
Sl 91; De 33:27; 1S 2:9; Is 27:3
121,1 Canto dei pellegrinaggi.
Alzo gli occhi verso i monti...
Da dove mi verrà l'aiuto?
2 Il mio aiuto vien dal SIGNORE,
che ha fatto il cielo e la terra.
3 Egli non permetterà che il tuo piede vacilli;
colui che ti protegge non sonnecchierà.
4 Ecco, colui che protegge Israele non sonnecchierà né dormirà.
5 Il SIGNORE è colui che ti protegge;
il SIGNORE è la tua ombra;
egli sta alla tua destra.
6 Di giorno il sole non ti colpirà,
né la luna di notte.
7 Il SIGNORE ti preserverà da ogni male;
egli proteggerà l'anima tua.
8 Il SIGNORE ti proteggerà, quando esci e quando entri,
ora e sempre.

Auguri di pace per Gerusalemme
De 16:16; Sl 84
122,1 Canto dei pellegrinaggi.
Di Davide
.
Mi sono rallegrato quando m'hanno detto:
«Andiamo alla casa del SIGNORE».
2 I nostri passi si sono fermati alle tue porte, o Gerusalemme;
3 Gerusalemme, che sei costruita come una città ben compatta,
4 dove salgono le tribù, le tribù del SIGNORE,
secondo la legge imposta a Israele,
per celebrare il nome del SIGNORE.
5 Qua infatti furono eretti i troni per il giudizio,
i troni della casa di Davide.
6 Pregate per la pace di Gerusalemme!
Quelli che ti amano vivano tranquilli.
7 Ci sia pace all'interno delle tue mura
e tranquillità nei tuoi palazzi!
8 Per amore dei miei fratelli e dei miei amici,
io dirò: «La pace sia dentro di te!»
9 Per amore della casa del SIGNORE,
del nostro Dio,
io cercherò il tuo bene.

Preghiera per il popolo oppresso
(Ne 2:19-20; 4:1-4) Sl 120
123,1 Canto dei pellegrinaggi.
A te alzo gli occhi,
a te che siedi nei cieli!
2 Ecco, come gli occhi dei servi guardano la mano del loro padrone,
come gli occhi della serva guardano la mano della sua padrona,
così gli occhi nostri sono rivolti al SIGNORE,
al nostro Dio,
finché egli abbia pietà di noi.
3 Abbi pietà di noi,
SIGNORE, abbi pietà di noi,
perché siamo più che sazi di disprezzo.
4 L'anima nostra è più che sazia dello scherno degli orgogliosi e del disprezzo dei superbi.

Il Signore protegge e libera i suoi fedeli
Ne 4:7, ecc.; Et 1-8; Sl 129; 21:1; 118:8-14
124,1 Canto dei pellegrinaggi.
Di Davide
.
Se il SIGNORE non fosse stato in nostro favore,
- lo dica pure Israele -
2 se il SIGNORE non fosse stato in nostro favore,
quando gli uomini ci assalirono,
3 essi ci avrebbero inghiottiti vivi,
talmente erano furiosi contro di noi;
4 allora le acque ci avrebbero sommersi,
il torrente sarebbe passato sull'anima nostra;
5 allora sarebbero passate sull'anima nostra le acque tempestose.
6 Benedetto sia il SIGNORE
che non ci ha abbandonati in preda ai loro denti!
7 L'anima nostra è scampata come un uccello dal laccio dei cacciatori:
il laccio è stato spezzato e noi siamo scampati.
8 Il nostro aiuto è nel nome del SIGNORE,
che ha fatto il cielo e la terra.

Il Signore protegge il suo popolo
Gr 17:7-8; Sl 34:7-22; Is 26:3; 2Cr 16:9
125,1 Canto dei pellegrinaggi.
Quelli che confidano nel SIGNORE
sono come il monte di Sion,
che non può vacillare,
ma sta saldo in eterno.
2 Gerusalemme è circondata dai monti;
e così il SIGNORE circonda il suo popolo,
ora e per sempre.
3 Lo scettro dell'empio non rimarrà per sempre sull'eredità dei giusti,
affinché i giusti non tendano le loro mani verso il male.
4 O SIGNORE, fa' del bene ai buoni e ai retti di cuore.
5 Ma quanti deviano per sentieri tortuosi,
il SIGNORE li disperderà insieme ai malfattori.
Pace sia sopra Israele.

Preghiera per la restaurazione d'Israele
Ed 1; Sl 85; Ap 7:9, ecc.; 2Cr 15:7
126,1 Canto dei pellegrinaggi.
Quando il SIGNORE fece tornare i reduci di Sion,
ci sembrava di sognare.
2 Allora spuntarono sorrisi sulle nostre labbra
e canti di gioia sulle nostre lingue.
Allora si diceva tra le nazioni:
«Il SIGNORE ha fatto cose grandi per loro».
3 Il SIGNORE ha fatto cose grandi per noi,
e noi siamo nella gioia.
4 SIGNORE, fa' tornare i nostri deportati,
come torrenti nel deserto del Neghev.
5 Quelli che seminano con lacrime,
mieteranno con canti di gioia.
6 Se ne va piangendo
colui che porta il seme da spargere,
ma tornerà con canti di gioia quando porterà i suoi covoni.

La casa costruita dal Signore
Pr 10:22; Sl 128
127,1 Canto dei pellegrinaggi.
Di Salomone
.
Se il SIGNORE non costruisce la casa,
invano si affaticano i costruttori;
se il SIGNORE non protegge la città,
invano vegliano le guardie.
2 Invano vi alzate di buon mattino e tardi andate a riposare
e mangiate pane tribolato;
egli dà altrettanto a quelli che ama,
mentre essi dormono.
3 Ecco, i figli sono un dono che viene dal SIGNORE;
il frutto del grembo materno è un premio.
4 Come frecce nelle mani di un prode,
così sono i figli della giovinezza.
5 Beati coloro che ne hanno piena la faretra!
Non saranno confusi
quando discuteranno con i loro nemici alla porta.

La famiglia benedetta
Sl 112; 127:3-4
128,1 Canto dei pellegrinaggi.
Beato chiunque teme il SIGNORE
e cammina nelle sue vie!
2 Allora mangerai della fatica delle tue mani,
sarai felice e prospererai.
3 Tua moglie sarà come vigna fruttifera,
nell'intimità della tua casa;
i tuoi figli come piante d'olivo intorno alla tua tavola.
4 Ecco così sarà benedetto
l'uomo che teme il SIGNORE.
5 Il SIGNORE ti benedica da Sion!
Possa tu vedere la prosperità di Gerusalemme
tutti i giorni della tua vita.
6 Possa tu vedere i figli dei tuoi figli.
Pace sia sopra Israele.

Ricordo dell'oppressione
Sl 124; 122:6-9; La 3:59-66
129,1 Canto dei pellegrinaggi.
Molte volte mi hanno oppresso fin dalla mia gioventù
- lo dica pure Israele -
2 molte volte mi hanno oppresso fin dalla mia gioventù;
eppure non hanno potuto vincermi.
3 Degli aratori hanno arato sul mio dorso,
vi hanno tracciato i loro lunghi solchi.
4 Il SIGNORE è giusto;
egli ha spezzato le funi degli empi.
5 Siano confusi e voltino le spalle quanti odiano Sion!
6 Siano come l'erba dei tetti,
che secca prima di crescere!
7 Non se ne riempie la mano il mietitore,
né le braccia chi lega i covoni;
8 e i passanti non dicono:
«La benedizione del SIGNORE sia su di voi;
noi vi benediciamo nel nome del SIGNORE!»

Attesa dell'intervento di Dio
Sl 69; 143 (La 3:22-32; Mi 7:7, 18-20) Is 30:18
130,1 Canto dei pellegrinaggi.
O SIGNORE, io grido a te da luoghi profondi!
2 Signore, ascolta il mio grido;
siano le tue orecchie attente al mio grido d'aiuto!
3 Se tieni conto delle colpe, Signore,
chi potrà resistere?
4 Ma presso di te è il perdono,
perché tu sia temuto.
5 Io aspetto il SIGNORE, l'anima mia lo aspetta;
io spero nella sua parola.
6 L'anima mia anela al Signore
più che le guardie non anelino al mattino,
più che le guardie al mattino.
7 O Israele, spera nel SIGNORE,
poiché presso il SIGNORE è la misericordia
e la redenzione abbonda presso di lui.
8 Egli redimerà Israele
da tutte le sue colpe.

Pace in Dio
Mt 11:29; Ro 12:3, 16; 1P 5:5-6; Fl 2:1-11
131,1 Canto dei pellegrinaggi.
Di Davide
.
SIGNORE, il mio cuore non è orgoglioso
e i miei occhi non sono altèri;
non aspiro a cose troppo grandi e troppo alte per me.
2 In verità l'anima mia è calma e tranquilla.
Come un bimbo divezzato sul seno di sua madre,
così è tranquilla in me l'anima mia.
3 O Israele, spera nel SIGNORE,
ora e per sempre.

Ricordo delle promesse di Dio a Davide
2Cr 6:3-17, 41-42; Is 32:8; Mt 6:33
132,1 Canto dei pellegrinaggi.
Ricòrdati, SIGNORE,
di Davide,
di tutte le sue fatiche,
2 quand'egli giurò al SIGNORE
e fece voto al Potente di Giacobbe, dicendo:
3 «Certo, non entrerò nella mia casa,
né salirò sul mio letto;
4 non darò sonno ai miei occhi,
né riposo alle mie palpebre,
5 finché abbia trovato un luogo per il SIGNORE,
una dimora per il Potente di Giacobbe».
6 Ecco, abbiamo saputo che l'arca era in Efrata:
l'abbiamo trovata nei campi di Iaar.
7 Andiamo nella dimora del SIGNORE,
adoriamo davanti allo sgabello dei suoi piedi!
8 Àlzati, SIGNORE, vieni al luogo del tuo riposo,
tu e l'arca della tua potenza.
9 I tuoi sacerdoti siano rivestiti di giustizia,
e gioiscano i tuoi fedeli.
10 Per amor di Davide, tuo servo,
non respingere il volto del tuo unto.
11 Il SIGNORE ha fatto a Davide questo giuramento di verità,
e non lo revocherà:
«Io metterò sul tuo trono un tuo discendente.
12 Se i tuoi figli osserveranno il mio patto
e la testimonianza che insegnerò loro,
anche i loro figli per sempre
sul tuo trono staranno seduti».
13 Poiché il SIGNORE ha scelto Sion,
l'ha desiderata per sua dimora.
14 «Questo è il mio luogo di riposo in eterno;
qui abiterò, perché l'ho desiderata.
15 Io benedirò largamente le sue provviste,
sazierò di pane i suoi poveri.
16 I suoi sacerdoti li rivestirò di salvezza
e i suoi fedeli esulteranno di gran gioia.
17 Qua farò crescere la potenza di Davide
e vi terrò accesa una lampada per il mio unto.
18 I suoi nemici li coprirò di vergogna,
ma su di lui fiorirà la sua corona».

L'amore fraterno
At 4:32; Fl 2:1-4
133,1 Canto dei pellegrinaggi.
Di Davide
.
Ecco quant'è buono e quant'è piacevole
che i fratelli vivano insieme!
2 È come olio profumato che, sparso sul capo,
scende sulla barba, sulla barba d'Aaronne,
che scende fino all'orlo dei suoi vestiti;
3 è come la rugiada dell'Ermon,
che scende sui monti di Sion;
là infatti il SIGNORE ha ordinato che sia la benedizione,
la vita in eterno.

Invito alla lode
1Cr 9:33; Sl 84:4; De 10:8
134,1 Canto dei pellegrinaggi.
Ecco, benedite il SIGNORE,
voi tutti,
servi del SIGNORE,
che state nella casa del SIGNORE durante la notte!
2 Alzate le vostre mani verso il santuario
e benedite il SIGNORE!
3 Il SIGNORE ti benedica da Sion,
egli che ha fatto il cielo e la terra.

Il Dio vero e gli idoli
Sl 136; 115
135,1 Alleluia. Lodate il nome del SIGNORE.
Lodatelo, servi del SIGNORE,
2 che state nella casa del SIGNORE,
nei cortili della casa del nostro Dio.
3 Lodate il SIGNORE, perché il SIGNORE è buono;
salmeggiate al suo nome, perché è amabile.
4 Poiché il SIGNORE ha scelto per sé Giacobbe,
e Israele per suo speciale possesso.
5 Sì, io conosco che il SIGNORE è grande
e che il nostro Signore è al di sopra di tutti gli dèi.
6 Il SIGNORE fa tutto ciò che gli piace,
in cielo e in terra,
nei mari e in tutti gli oceani.
7 Egli fa salire le nuvole dalle estremità della terra,
provoca i lampi per la pioggia,
sprigiona il vento dai suoi depositi.
8 Egli percosse i primogeniti d'Egitto,
così degli uomini come degli animali.
9 Operò segni e prodigi in mezzo a te,
o Egitto,
sul faraone e su tutti i suoi servi.
10 Egli percosse grandi nazioni
e uccise re potenti:
11 Sicon, re degli Amorei,
Og, re di Basan,
e tutti i regni di Canaan.
12 E diede il loro paese in eredità, in eredità a Israele, suo popolo.
13 SIGNORE, il tuo nome dura per sempre;
la memoria di te, o SIGNORE, dura per ogni generazione.
14 Poiché il SIGNORE farà giustizia al suo popolo
e avrà compassione dei suoi servi.
15 Gl'idoli delle nazioni sono argento e oro,
opera di mano d'uomo.
16 Hanno bocca e non parlano;
hanno occhi e non vedono;
17 hanno orecchi e non odono
e non hanno respiro alcuno nella loro bocca.
18 Siano simili a loro quelli che li fanno,
tutti quelli che in essi confidano.
19 Casa d'Israele,
benedite il SIGNORE!
Casa d'Aaronne,
benedite il SIGNORE!
20 Casa di Levi, benedite il SIGNORE!
Voi che temete il SIGNORE, benedite il SIGNORE!
21 Sia benedetto da Sion il SIGNORE,
che abita in Gerusalemme!
Alleluia.

Nuova Diodati:

Salmi 120-135

Preghiera per esser liberato dagli inganni
120,1 [Canto dei pellegrinaggi.] Nella mia angoscia ho gridato all'Eterno, ed egli mi ha risposto. 2 O Eterno, liberami dalle labbra bugiarde e dalla lingua ingannatrice. 3 Che ti sarà dato o che ti sarà aggiunto, o lingua bugiarda? 4 Frecce acuminate di un prode, con carboni di ginepro. 5 Me infelice che abito in Mescek, e dimoro fra le tende di Kedar! 6 Troppo a lungo ho dimorato con quelli che odiano la pace. 7 Io sono per la pace; essi invece, quando parlo, sono per la guerra.

Dio protegge e veglia sul suo popolo
121,1 [Canto dei pellegrinaggi.] Io alzo gli occhi ai monti: da dove mi verrà l'aiuto? 2 Il mio aiuto viene dall'Eterno, che ha fatto i cieli e la terra. 3 Egli non permetterà che il tuo piede vacilli, colui che ti protegge non sonnecchierà. 4 Ecco, colui che protegge Israele non sonnecchia e non dorme. 5 L'Eterno è colui che ti protegge, l'Eterno è la tua ombra, egli è alla tua destra. 6 Di giorno il sole non ti colpirà, né la luna di notte. 7 L'Eterno ti custodirà da ogni male; egli custodirà la tua vita. 8 L'Eterno custodirà il tuo uscire e il tuo entrare, ora e sempre.

Preghiera per la pace di Gerusalemme
122,1 [Canto dei pellegrinaggi. Di Davide.] Io mi sono rallegrato quando mi dissero: «Andiamo alla casa dell'Eterno». 2 I nostri piedi si sono fermati entro le tue porte, o Gerusalemme. 3 Gerusalemme è costruita come una città ben compatta, 4 dove salgono le tribù, le tribù dell'Eterno, per celebrare il nome dell'Eterno. 5 Poiché là sono posti i troni per il giudizio, i troni della casa di Davide. 6 Pregate per la pace di Gerusalemme: prosperino quelli che ti amano. 7 Ci sia pace entro le tue mura e prosperità nei tuoi palazzi. 8 Per amore dei miei fratelli e dei miei amici ora dirò: «Sia pace in te». 9 Per amore della casa dell'Eterno, il nostro DIO, io cercherò il tuo bene.

Supplica motivata dal disprezzo dei superbi
123,1 [Canto dei pellegrinaggi.] A te alzo i miei occhi, a te che siedi nei cieli. 2 Ecco, come gli occhi dei servi sono rivolti alla mano dei loro padroni e gli occhi della serva alla mano della sua padrona, così i nostri occhi sono rivolti all'Eterno, DIO nostro, finché egli abbia pietà di noi. 3 Abbi pietà di noi o Eterno, abbi pietà di noi, perché siamo oltremodo sazi di disprezzo. 4 L'anima nostra è oltremodo sazia dello scherno degli arroganti e del disprezzo dei superbi.

Lode per la protezione e aiuto ricevuto
124,1 [Canto dei pellegrinaggi. Di Davide.] Se l'Eterno non fosse stato dalla nostra parte, dica pure Israele: 2 «Se l'Eterno non fosse stato dalla nostra parte, quando gli uomini si levarono contro di noi, 3 essi ci avrebbero inghiottiti vivi, tanto divampò la loro ira contro di noi; 4 allora le acque ci avrebbero sommerso e il torrente ci sarebbe passato sopra, 5 allora le acque rigonfie ci sarebbero passate sopra». 6 Benedetto sia l'Eterno, che non ci ha dati in preda ai loro denti. 7 L'anima nostra è scampata come un uccello dal laccio dell'uccellatore; il laccio si è spezzato e noi siamo scampati. 8 Il nostro aiuto è nel nome dell'Eterno, che ha fatto i cieli e la terra.

Sicurezza di chi confida in Dio
125,1 [Canto dei pellegrinaggi.] Quelli che confidano nell'Eterno sono come il monte Sion, che non può essere smosso, ma rimane in eterno. 2 Come Gerusalemme è circondata dai monti, così l'Eterno sta intorno al suo popolo, ora e per sempre. 3 Poiché lo scettro dell'empietà non riposerà per sempre sull'eredità dei giusti, perché i giusti non stendano le loro mani a compiere il male. 4 O Eterno, fa' del bene ai buoni e a quelli che sono retti di cuore. 5 Ma quelli che vanno dietro a vie tortuose, l'Eterno li farà andare con gli operatori d'iniquità. Pace sia su Israele.

Inno di gioia per il ritorno dalla cattività
126,1 [Canto dei pellegrinaggi.] Quando l'Eterno fece ritornare i prigionieri di Sion, ci sembrava di sognare. 2 Allora la nostra bocca si riempì di riso e la nostra lingua di canti di gioia, allora si diceva fra le nazioni: «L'Eterno ha fatto cose grandi per loro». 3 L'Eterno ha fatto cose grandi per noi, e siamo pieni di gioia. 4 Fa' ritornare i nostri prigionieri, o Eterno, come i torrenti nel sud. 5 Quelli che seminano con lacrime, mieteranno con canti di gioia. 6 Ben va piangendo colui che porta il seme da spargere, ma tornerà con canti di gioia portando i suoi covoni.

La sicurezza e la prosperità vengono da Dio
127,1 [Canto dei pellegrinaggi. Di Salomone.] Se l'Eterno non edifica la casa, invano vi si affaticano gli edificatori; se l'Eterno non custodisce la città, invano vegliano le guardie. 2 È vano per voi alzarvi di buon'ora e andare tardi a riposare e mangiare il pane di duro lavoro, perché ai suoi diletti egli dà riposo. 3 Ecco, i figli sono una eredità che viene dall'Eterno; il frutto del grembo è un premio. 4 Come frecce nella mano di un prode, così sono i figli della propria giovinezza. 5 Beato l'uomo che ne ha la sua faretra piena! Essi non saranno confusi quando discuteranno coi loro nemici alla porta.

Benedizioni sulla famiglia di chi teme il Signore
128,1 [Canto dei pellegrinaggi.] Beato chiunque teme l'Eterno e cammina nelle sue vie. 2 Allora mangerai della fatica delle tue mani, sarai felice e godrai prosperità. 3 Tua moglie sarà come una vite fruttifera nell'intimità della tua casa, i tuoi figli come piante d'olivo intorno alla tua mensa! 4 Ecco, così sarà benedetto l'uomo che teme l'Eterno. 5 L'Eterno ti benedica da Sion, e possa tu vedere la prosperità di Gerusalemme tutti i giorni della tua vita. 6 Sì, possa tu vedere i figli dei tuoi figli. Sia pace sopra Israele.

Richiesta dell'intervento divino contro quelli che odiano Sion
129,1 [Canto dei pellegrinaggi.] Molto mi hanno oppresso fin dalla mia giovinezza, dica pure Israele: 2 «Molto mi hanno oppresso fin dalla mia giovinezza, ma non mi hanno potuto vincere. 3 Gli aratori hanno arato sul mio dorso, vi hanno tracciato i loro lunghi solchi». 4 L'Eterno è giusto; egli ha reciso le funi degli empi. 5 Siano tutti confusi e voltino le spalle coloro che odiano Sion! 6 Siano come l'erba dei tetti, che si secca prima di crescere; 7 non ne riempie la mano il mietitore, né le braccia chi lega i covoni; 8 e i passanti non dicono: «La benedizione dell'Eterno sia su di voi; noi vi benediciamo nel nome dell'Eterno».

Fiducia nel perdono e nell'intervento del Signore
130,1 [Canto dei pellegrinaggi.] Da luoghi profondi io grido a te, o Eterno. 2 O Signore, ascolta il mio grido; siano le tue orecchie attente alla voce delle mie suppliche. 3 Se tu dovessi tener conto delle colpe, o Eterno, chi potrebbe resistere, o Signore? 4 Ma presso di te vi è perdono, affinché tu sia temuto. 5 Io aspetto l'Eterno, l'anima mia l'aspetta; io spero nella sua parola. 6 L'anima mia attende il Signore, più che le guardie il mattino, sì, più che le guardie il mattino. 7 O Israele, spera nell'Eterno, perché presso l'Eterno vi è misericordia e presso di lui vi è redenzione completa. 8 Egli redimerà Israele da tutte le sue iniquità.

Abbandono fiducioso nel Signore
131,1 [Canto dei pellegrinaggi. Di Davide.] O Eterno, il mio cuore non è orgoglioso e i miei occhi non sono alteri, e non mi occupo di cose troppo grandi e troppo alte per me. 2 Ho veramente calmato e acquetato la mia anima, come un bambino svezzato sul seno di sua madre; la mia anima dentro di me è come un bambino svezzato. 3 O Israele, spera nell'Eterno, ora e per sempre.

Zelo di Davide per il Tempio e per l'arca; le promesse fattegli da Dio
132,1 [Canto dei pellegrinaggi.] Ricordati, o Eterno, di Davide e di tutte le sue fatiche, 2 come egli giurò all'Eterno e fece voto al Potente di Giacobbe, dicendo: 3 «Non entrerò nella tenda della mia casa, né salirò sul mio letto; 4 non darò sonno ai miei occhi né riposo alle mie palpebre, 5 finché abbia trovato un luogo per l'Eterno, una dimora per il Potente di Giacobbe». 6 Ecco, ne abbiamo sentito parlare in Efratah, l'abbiamo trovata nei campi di Jaar. 7 Andiamo nella sua dimora, adoriamo davanti allo sgabello dei suoi piedi. 8 Levati, o Eterno, e vieni al luogo del tuo riposo, tu e l'arca della tua forza. 9 I tuoi sacerdoti siano rivestiti di giustizia, e cantino di gioia i tuoi santi. 10 Per amore di Davide, tuo servo, non respingere il volto del tuo unto. 11 L'Eterno ha giurato a Davide in verità e non cambierà: «Io metterò sul tuo trono un frutto delle tue viscere. 12 Se i tuoi figli osserveranno il mio patto e i miei precetti, che insegnerò loro, anche i loro figli sederanno per sempre sul tuo trono». 13 Poiché l'Eterno ha scelto Sion, egli l'ha desiderata per sua dimora: 14 «Questo è il mio luogo di riposo per sempre; qui abiterò, perché l'ho desiderato. 15 Benedirò largamente le sue provviste, sazierò di pane i suoi poveri; 16 rivestirò i suoi sacerdoti di salvezza, esulteranno i suoi santi con grida di gioia. 17 Qui farò crescere la potenza di Davide e provvederò una lampada al mio unto. 18 Coprirò di vergogna i suoi nemici, ma su di lui fiorirà la sua corona».

Eccellenza dell'unità fra i fratelli
133,1 [Canto dei pellegrinaggi. Di Davide.] Ecco, quanto è buono e quanto è piacevole, che i fratelli dimorino assieme nell'unità! 2 È come l'olio prezioso sparso sul capo, che scende sulla barba di Aaronne, che scende fino all'orlo delle sue vesti. 3 È come la rugiada dell'Hermon, che scende sui monti di Sion, perché èche l'Eterno ha posto la benedizione, la vita in eterno.

Invito a lodare il Signore
134,1 [Canto dei pellegrinaggi.] Ecco, benedite l'Eterno, voi tutti servi dell'Eterno, che state nella casa dell'Eterno durante la notte. 2 Alzate le vostre mani verso il santuario e benedite l'Eterno. 3 Ti benedica l'Eterno da Sion, egli che ha fatto i cieli e la terra.

Invito a lodare il Signore per le sue grandi opere. Vanità degli idoli
135,1 Alleluia. Lodate il nome dell'Eterno, lodatelo, o servi dell'Eterno, 2 che state nella casa dell'Eterno, nei cortili della casa del nostro DIO. 3 Lodate l'Eterno, perché l'Eterno è buono; cantate lodi al suo nome, perché è amabile. 4 Poiché l'Eterno ha scelto per sé Giacobbe, e Israele per suo particolare tesoro. 5 Sì, io riconosco che l'Eterno è grande e che il nostro Signore è al di sopra di tutti gli dèi. 6 L'Eterno fa tutto ciò che gli piace, in cielo e in terra, nei mari e in tutti gli abissi. 7 Egli fa salire i vapori dall'estremità della terra, produce i lampi per la pioggia, fa uscire il vento dai suoi depositi. 8 Egli percosse i primogeniti d'Egitto, tanto degli uomini come degli animali; 9 mandò segni e prodigi in mezzo a te, o Egitto, sul Faraone e su tutti i suoi servi. 10 Egli percosse grandi nazioni e uccise re potenti: 11 Sihon, re degli Amorei, Og, re di Bashan, e tutti i regni di Canaan. 12 E diede i loro paesi in eredità, in eredità a Israele, suo popolo. 13 O Eterno, il tuo nome dura per sempre; il tuo ricordo, o Eterno, d'età in età. 14 Poiché l'Eterno farà giustizia al suo popolo e avrà compassione dei suoi servi. 15 Gli idoli delle nazioni sono argento e oro, opera di mano d'uomo: 16 hanno bocca ma non parlano, hanno occhi ma non vedono, 17 hanno orecchi ma non odono; non hanno fiato nella loro bocca. 18 Simili ad essi sono quelli che li fanno, chiunque in essi confida. 19 Casa d'Israele, benedici l'Eterno; casa di Aaronne, benedici l'Eterno. 20 Casa di Levi, benedici l'Eterno; voi che temete l'Eterno, benedite l'Eterno. 21 Da Sion sia benedetto l'Eterno, che abita in Gerusalemme. Alleluia.


Nuovo brano:

Brano da visualizzare: 

Bibbia(Da http://www.laparola.net/)