C.E.I.:

Salmi 34-35

34,1 Di Davide.
Signore, giudica chi mi accusa,
combatti chi mi combatte.
2 Afferra i tuoi scudi
e sorgi in mio aiuto.
3 Vibra la lancia e la scure
contro chi mi insegue,
dimmi: «Sono io la tua salvezza».
4 Siano confusi e coperti di ignominia
quelli che attentano alla mia vita;
retrocedano e siano umiliati
quelli che tramano la mia sventura.
5 Siano come pula al vento
e l'angelo del Signore li incalzi;
6 la loro strada sia buia e scivolosa
quando li insegue l'angelo del Signore.
7 Poiché senza motivo mi hanno teso una rete,
senza motivo mi hanno scavato una fossa.
8 Li colga la bufera improvvisa,
li catturi la rete che hanno tesa,
siano travolti dalla tempesta.
9 Io invece esulterò nel Signore
per la gioia della sua salvezza.
10 Tutte le mie ossa dicano:
«Chi è come te, Signore,
che liberi il debole dal più forte,
il misero e il povero dal predatore?».
11 Sorgevano testimoni violenti,
mi interrogavano su ciò che ignoravo,
12 mi rendevano male per bene:
una desolazione per la mia vita.
13 Io, quand'erano malati, vestivo di sacco,
mi affliggevo col digiuno,
riecheggiava nel mio petto la mia preghiera.
14 Mi angustiavo come per l'amico, per il fratello,
come in lutto per la madre mi prostravo nel dolore.
15 Ma essi godono della mia caduta, si radunano,
si radunano contro di me per colpirmi all'improvviso.
Mi dilaniano senza posa,
16 mi mettono alla prova, scherno su scherno,
contro di me digrignano i denti.
17 Fino a quando, Signore, starai a guardare?
Libera la mia vita dalla loro violenza,
dalle zanne dei leoni l'unico mio bene.
18 Ti loderò nella grande assemblea,
ti celebrerò in mezzo a un popolo numeroso.
19 Non esultino su di me i nemici bugiardi,
non strizzi l'occhio chi mi odia senza motivo.
20 Poiché essi non parlano di pace,
contro gli umili della terra tramano inganni.
21 Spalancano contro di me la loro bocca;
dicono con scherno: «Abbiamo visto con i nostri occhi!».
22 Signore, tu hai visto, non tacere;
Dio, da me non stare lontano.
23 Dèstati, svègliati per il mio giudizio,
per la mia causa, Signore mio Dio.
24 Giudicami secondo la tua giustizia, Signore mio Dio,
e di me non abbiano a gioire.
25 Non pensino in cuor loro: «Siamo soddisfatti!».
Non dicano: «Lo abbiamo divorato».
26 Sia confuso e svergognato chi gode della mia sventura,
sia coperto di vergogna e d'ignominia chi mi insulta.
27 Esulti e gioisca chi ama il mio diritto,
dica sempre: «Grande è il Signore
che vuole la pace del suo servo».
28 La mia lingua celebrerà la tua giustizia,
canterà la tua lode per sempre.

35,1 Al maestro del coro. Di Davide servo del Signore.
2 Nel cuore dell'empio parla il peccato,
davanti ai suoi occhi non c'è timor di Dio.
3 Poiché egli si illude con se stesso
nel ricercare la sua colpa e detestarla.
4 Inique e fallaci sono le sue parole,
rifiuta di capire, di compiere il bene.
5 Iniquità trama sul suo giaciglio,
si ostina su vie non buone,
via da sé non respinge il male.
6 Signore, la tua grazia è nel cielo,
la tua fedeltà fino alle nubi;
7 la tua giustizia è come i monti più alti,
il tuo giudizio come il grande abisso:
uomini e bestie tu salvi, Signore.
8 Quanto è preziosa la tua grazia, o Dio!
Si rifugiano gli uomini all'ombra delle tue ali,
9 si saziano dell'abbondanza della tua casa
e li disseti al torrente delle tue delizie.
10 È in te la sorgente della vita,
alla tua luce vediamo la luce.
11 Concedi la tua grazia a chi ti conosce,
la tua giustizia ai retti di cuore.
12 Non mi raggiunga il piede dei superbi,
non mi disperda la mano degli empi.
13 Ecco, sono caduti i malfattori,
abbattuti, non possono rialzarsi.

Nuova Riveduta:

Salmi 34-35

Espressioni di lode per la liberazione
1S 21:10-15 (Sl 33:18-22; 84:11-12; 91) 1P 3:9-12; Pr 14:26-27
34,1 Di Davide, quando si finse pazzo davanti ad Abimelec e, scacciato da lui, se ne andò.
Io benedirò il SIGNORE in ogni tempo;
la sua lode sarà sempre nella mia bocca.
2 Io mi glorierò nel SIGNORE;
gli umili l'udranno e si rallegreranno.
3 Celebrate con me il SIGNORE,
esaltiamo il suo nome tutti insieme.
4 Ho cercato il SIGNORE, ed egli m'ha risposto;
m'ha liberato da tutto ciò che m'incuteva terrore.
5 Quelli che lo guardano sono illuminati,
nei loro volti non c'è delusione.
6 Quest'afflitto ha gridato, e il SIGNORE l'ha esaudito;
l'ha salvato da tutte le sue disgrazie.
7 L'angelo del SIGNORE si accampa intorno a quelli che lo temono,
e li libera.
8 Provate e vedrete quanto il SIGNORE è buono!
Beato l'uomo che confida in lui.
9 Temete il SIGNORE, o voi che gli siete consacrati,
poiché nulla viene a mancare a quelli che lo temono.
10 I leoncelli soffrono penuria e fame,
ma nessun bene manca a quelli che cercano il SIGNORE.
11 Venite, figlioli, ascoltatemi;
io v'insegnerò il timor del SIGNORE.
12 Chi è l'uomo che desidera la vita
e che brama lunghi giorni per poter gioire del bene?
13 Trattieni la tua lingua dal male e le tue labbra da parole bugiarde.
14 Allontànati dal male e fa' il bene;
cerca la pace e adoperati per essa.
15 Gli occhi del SIGNORE sono sui giusti
e i suoi orecchi sono attenti al loro grido.
16 Il volto del SIGNORE è contro quelli che fanno il male
per cancellare dalla terra il loro ricordo.
17 I giusti gridano e il SIGNORE li ascolta;
li libera da tutte le loro disgrazie.
18 Il SIGNORE è vicino a quelli che hanno il cuore afflitto,
salva gli umili di spirito.
19 Molte sono le afflizioni del giusto;
ma il SIGNORE lo libera da tutte.
20 Egli preserva tutte le sue ossa;
non se ne spezza neanche uno.
21 La malvagità farà perire il malvagio,
quelli che odiano il giusto saranno considerati colpevoli.
22 Il SIGNORE riscatta la vita dei suoi servi,
nessuno di quelli che confidano in lui sarà considerato colpevole.

Preghiera di Davide a causa dei suoi nemici
1S 24 (Sl 7; 59; 70; 109; 140) Es 23:22
35,1 Di Davide.
O SIGNORE, contendi contro i miei avversari,
combatti contro quelli che mi combattono.
2 Prendi il piccolo scudo e il grande scudo, e vieni in mio aiuto.
3 Tira fuori la lancia e chiudi la via ai miei persecutori;
dimmi: «Sono io la tua salvezza».
4 Siano confusi e svergognati
quelli che cercano di togliermi la vita;
si ritirino e siano umiliati
quelli che meditano la mia rovina.
5 Siano come pula al vento,
e l'angelo del SIGNORE li scacci.
6 Sia la loro via tenebrosa e sdrucciolevole,
e l'angelo del SIGNORE li insegua.
7 Poiché, senza motivo, m'hanno teso di nascosto la loro rete,
senza motivo hanno scavato una fossa per togliermi la vita.
8 Sventura li colga all'improvviso e siano presi nella rete ch'essi hanno nascosta;
cadano nella trappola preparata per me.
9 Allora l'anima mia esulterà nel SIGNORE,
mi rallegrerò della sua salvezza.
10 Tutte le mie ossa diranno: «O SIGNORE, chi è simile a te
che liberi il povero da chi è più forte di lui,
il povero e il bisognoso da chi vuol derubarlo?»
11 Si alzano contro di me perfidi testimoni;
mi interrogano su cose delle quali non so nulla.
12 Mi rendono male per bene;
desolata è l'anima mia.
13 Eppure, io, quand'erano malati,
vestivo il cilicio,
affliggevo l'anima mia con il digiuno,
e pregavo con il capo chino sul petto.
14 Camminavo triste come per la perdita d'un amico, d'un fratello,
andavo chino e oscuro in volto,
come uno che pianga sua madre.
15 Ma, quando io vacillo, essi si rallegrano, si radunano;
si raduna contro di me gente abietta che io non conosco;
mi lacerano senza posa.
16 Quei profani, come buffoni da mensa,
digrignano i denti contro di me.
17 O Signore, fino a quando starai a guardare?
Allontana l'anima mia dalla loro malvagità,
l'unica mia, da quelle belve.
18 Io ti celebrerò nella grande assemblea,
ti loderò in mezzo a un popolo numeroso.
19 Non si rallegrino di me quelli che a torto mi sono nemici,
né strizzino l'occhio quelli che m'odiano senza motivo.
20 Poiché non parlano di pace,
anzi meditano inganni contro la gente pacifica del paese.
21 Aprono larga la bocca contro di me
e dicono: «Ah, ah! Abbiamo visto con i nostri occhi».
22 Anche tu hai visto, o SIGNORE;
non tacere!
O Signore, non allontanarti da me.
23 Risvègliati, dèstati per farmi giustizia,
o mio Dio, mio Signore, per difendere la mia causa.
24 Giudica secondo la tua giustizia,
o SIGNORE, Dio mio;
fa' ch'essi non si rallegrino di me,
25 che non dicano in cuor loro:
«Ah, ecco il nostro desiderio!»
Che non dicano: «Lo abbiamo divorato».
26 Siano tutti insieme svergognati e confusi
quelli che si rallegrano dei miei mali;
siano ricoperti di vergogna e disonore
quelli che s'innalzano superbi contro di me.
27 Cantino e si rallegrino
quelli che si compiacciono della mia giustizia,
e possano sempre dire: «Glorificato sia il SIGNORE
che vuole la pace del suo servo!»
28 La mia lingua celebrerà la tua giustizia,
esprimerà la tua lode per sempre.

Nuova Diodati:

Salmi 34-35

Cantico di lode all'Eterno per la liberazione ottenuta
34,1 [Salmo di Davide, quando si finse pazzo davanti ad Abimelek, che lo scacciò via ed egli se ne andò.] Io benedirò l'Eterno in ogni tempo; la sua lode sarà sempre sulla mia bocca. 2 L'anima mia si glorierà nell'Eterno; gli umili l'udranno e si rallegreranno. 3 Magnificate con me l'Eterno, ed esaltiamo tutti insieme il suo nome. 4 Io ho cercato l'Eterno, ed egli mi ha risposto e mi ha liberato da tutti i miei spaventi. 5 Essi hanno guardato a lui e sono stati illuminati, e le loro facce non sono svergognate. 6 Quest'afflitto ha gridato, e l'Eterno lo ha esaudito e l'ha salvato da tutte le sue avversità. 7 L'Angelo dell'Eterno si accampa attorno a quelli che lo temono e li libera. 8 Gustate e vedete quanto l'Eterno è buono; beato l'uomo che si rifugia in lui. 9 Temete l'Eterno, voi suoi santi, poiché nulla manca a quelli che lo temono. 10 I leoncelli soffrono penuria e fame, ma quelli che cercano l'Eterno non mancano di alcun bene. 11 Venite, figlioli, ascoltatemi; io vi insegnerò il timore dell'Eterno. 12 Qual è l'uomo che desidera la vita, e che ama lunghi giorni per vedere il bene? 13 Trattieni la tua lingua dal male e le tue labbra dal dire menzogne. 14 Allontanati dal male e fa' il bene, cerca la pace e procacciala. 15 Gli occhi dell'Eterno sono sui giusti, e i suoi orecchi sono attenti al loro grido. 16 La faccia dell'Eterno è contro quelli che fanno il male, per sradicare la loro memoria dalla terra. 17 I giusti gridano e l'Eterno li ascolta e li libera da tutte le loro sventure. 18 L'Eterno è vicino a quelli che hanno il cuore rotto e salva quelli che hanno lo spirito affranto. 19 Molte sono le afflizioni del giusto, ma l'Eterno lo libera da tutte. 20 Egli preserva tutte le sue ossa, e nessuno di esse è spezzato. 21 La malvagità ucciderà il malvagio, e quelli che odiano il giusto saranno distrutti. 22 L'Eterno riscatta la vita dei suoi servi, e nessuno di quelli che si rifugiano in lui sarà distrutto.

Richiesta dell'intervento di Dio contro i malvagi
35,1 [Di Davide.] O Eterno, contendi con quelli che contendono con me; combatti con quelli che combattono contro di me. 2 Prendi lo scudo e la corazza e levati in mio aiuto. 3 Tira fuori la lancia e sbarra il passo a quelli che mi perseguitano; dì all'anima mia: «Io sono la tua salvezza». 4 Siano confusi e svergognati quelli che cercano la mia vita; voltino le spalle e siano confusi quelli che tramano del male contro di me. 5 Siano come pula al vento e l'angelo dell'Eterno li scacci. 6 Sia la loro via tenebrosa e sdrucciolevole, e l'Angelo dell'Eterno li insegua. 7 Poiché senza motivo mi hanno teso di nascosto la loro rete; senza motivo mi hanno scavato una fossa. 8 Un'improvvisa rovina piombi loro addosso, siano presi nella rete che hanno nascosto e cadano nella fossa che hanno preparato per la mia rovina. 9 Allora l'anima mia esulterà nell'Eterno e si rallegrerà nella sua salvezza. 10 Tutte le mie ossa diranno: «O Eterno, chi è pari a te, che liberi il misero da chi è più forte di lui, il misero e il bisognoso da chi lo deruba?». 11 Testimoni spietati si levano contro di me e mi domandano cose delle quali non so nulla. 12 Mi rendono male per bene, lasciando così sconsolata la mia vita. 13 Eppure, quando erano infermi, io mi vestivo di cilicio e affliggevo l'anima mia col digiuno, e pregavo col capo chino sul petto. 14 Andavo in giro, come se si trattasse di un amico o di mio fratello; andavo tutto ricurvo per il dolore, come uno che faccia cordoglio di sua madre. 15 Ma, quando io ho inciampato, essi si sono rallegrati e si sono radunati insieme; si sono radunati contro di me dei calunniatori, che io non conoscevo; mi hanno lacerato senza posa. 16 Assieme a dei malvagi buffoni da mensa, digrignano i denti contro di me. 17 O Signore, fino a quando starai a guardare? Salva la mia vita dalle devastazioni da loro ordite, l'unico mio bene dalle zanne dei leoni. 18 Io ti celebrerò nella grande assemblea, ti loderò in mezzo a un popolo numeroso. 19 Non si rallegrino di me quelli che a torto mi sono nemici, non strizzino l'occhio quelli che mi odiano senza motivo, 20 perché essi non parlano mai di pace, ma tramano inganni contro la gente pacifica del paese. 21 Sì, allargano la loro bocca contro di me e dicono: «Ah, ah! L'abbiamo visto con i nostri occhi». 22 O Eterno, tu hai visto queste cose, non tacere; o Signore, non allontanarti da me. 23 Risvegliati e destati, per farmi giustizia e per difendere la mia causa, o DIO mio e Signore mio. 24 Giudicami secondo la tua giustizia, o Eterno, DIO mio, e fa' che essi non si rallegrino di me, 25 e non dicano in cuor loro: «Ah, proprio come volevamo»; e non dicano: «L'abbiamo divorato». 26 Siano svergognati e confusi tutti quelli che si rallegrano del mio male; siano coperti di vergogna e di vituperio quelli che si esaltano contro di me. 27 Cantino e si rallegrino quelli che hanno a cuore la mia giusta causa e dicano del continuo: «Magnificato sia l'Eterno, che vuole la pace del suo servo». 28 La mia lingua celebrerà la tua giustizia e canterà la tua lode tutto il giorno.


Nuovo brano:

Brano da visualizzare: 

Bibbia(Da http://www.laparola.net/)