Preghiera

Questa espressione appare in 142 versetti (i versetti 1-50 sono mostrati):

Mostra i versetti 51-100

Giudici 13,9

Dio ascoltò la preghiera di Manoach e l'angelo di Dio tornò ancora dalla donna, mentre stava nel campo; ma Manoach suo marito non era con lei.

Giudic 13,9 in tutte le versioni Mostra capitolo

1Samuele 1,10

Essa era afflitta e innalzò la preghiera al Signore, piangendo amaramente.

1Sam 1,10 in tutte le versioni Mostra capitolo

1Samuele 1,12

Mentre essa prolungava la preghiera davanti al Signore, Eli stava osservando la sua bocca.

1Sam 1,12 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Samuele 7,27

Poiché tu, Signore degli eserciti, Dio d'Israele, hai fatto una rivelazione al tuo servo e gli hai detto: Io ti edificherò una casa! perciò il tuo servo ha trovato l'ardire di rivolgerti questa preghiera.

2Sam 7,27 in tutte le versioni Mostra capitolo

1Re 8,28

Volgiti alla preghiera del tuo servo e alla sua supplica, Signore mio Dio; ascolta il grido e la preghiera che il tuo servo oggi innalza davanti a te!

1Re 8,28 in tutte le versioni Mostra capitolo

1Re 8,29

Siano aperti i tuoi occhi notte e giorno verso questa casa, verso il luogo di cui hai detto: Lì sarà il mio nome! Ascolta la preghiera che il tuo servo innalza in questo luogo.

1Re 8,29 in tutte le versioni Mostra capitolo

1Re 8,45

ascolta dal cielo la loro preghiera e la loro supplica e rendi loro giustizia.

1Re 8,45 in tutte le versioni Mostra capitolo

1Re 8,49

tu ascolta dal cielo, luogo della tua dimora, la loro preghiera e la loro supplica e rendi loro giustizia.

1Re 8,49 in tutte le versioni Mostra capitolo

1Re 8,52

Siano attenti i tuoi occhi alla preghiera del tuo servo e del tuo popolo Israele e ascoltali in quanto ti chiedono,

1Re 8,52 in tutte le versioni Mostra capitolo

1Re 8,54

Quando Salomone ebbe finito di rivolgere al Signore questa preghiera e questa supplica, si alzò davanti all'altare del Signore, dove era inginocchiato con le palme tese verso il cielo,

1Re 8,54 in tutte le versioni Mostra capitolo

1Re 9,3

Il Signore gli disse: «Ho ascoltato la preghiera e la supplica che mi hai rivolto; ho santificato questa casa, che tu hai costruita perché io vi ponga il mio nome per sempre; i miei occhi e il mio cuore saranno rivolti verso di essa per sempre.

1Re 9,3 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Re 19,4

Forse il Signore tuo Dio ha udito le parole del gran coppiere, che il re d'Assiria suo signore ha inviato a insultare il Dio vivente e lo castigherà per le parole che il Signore tuo Dio ha udito. Innalza ora una preghiera per quelli che ancora sopravvivono».

2Re 19,4 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Re 19,20

Allora Isaia figlio di Amoz mandò a dire a Ezechia: «Dice il Signore, Dio di Israele: Ho udito quanto hai chiesto nella tua preghiera riguardo a Sennàcherib re d'Assiria.

2Re 19,20 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Re 20,5

«Torna indietro e riferisci a Ezechia, principe del mio popolo: Dice il Signore, Dio di Davide tuo padre: Ho udito la tua preghiera e visto le tue lacrime; ecco io ti guarirò; il terzo giorno salirai al tempio.

2Re 20,5 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Cronache 6,19

Tuttavia volgiti alla preghiera del tuo servo e alla sua supplica, Signore mio Dio; ascolta il grido e la preghiera che il tuo servo innalza a te.

2Cr 6,19 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Cronache 6,20

Siano i tuoi occhi aperti verso questa casa, giorno e notte, verso il luogo dove hai promesso di porre il tuo nome, per ascoltare la preghiera che il tuo servo innalza in questo luogo.

2Cr 6,20 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Cronache 6,29

ogni preghiera e ogni supplica fatta da un individuo o da tutto il tuo popolo Israele, in seguito alla prova del castigo e del dolore, con le mani tese verso questo tempio,

2Cr 6,29 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Cronache 6,35

ascolta dal cielo la loro preghiera e la loro supplica e rendi loro giustizia.

2Cr 6,35 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Cronache 6,39

tu ascolta dal cielo, luogo della tua dimora, la loro preghiera e la loro supplica e rendi loro giustizia. Perdona al tuo popolo che ha peccato contro di te.

2Cr 6,39 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Cronache 6,40

Ora, mio Dio, i tuoi occhi siano aperti e le tue orecchie attente alla preghiera innalzata in questo luogo.

2Cr 6,40 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Cronache 7,12

Il Signore apparve di notte a Salomone e gli disse: «Ho ascoltato la tua preghiera; mi sono scelto questo luogo come casa di sacrificio.

2Cr 7,12 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Cronache 7,15

Ora i miei occhi sono aperti e i miei orecchi attenti alla preghiera fatta in questo luogo.

2Cr 7,15 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Cronache 30,27

I sacerdoti e i leviti si levarono a benedire il popolo; la loro voce fu ascoltata e la loro preghiera raggiunse la santa dimora di Dio nel cielo.

2Cr 30,27 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Cronache 33,18

Le altre gesta di Manàsse, la sua preghiera a Dio e le parole che i veggenti gli comunicarono a nome del Signore Dio di Israele, ecco sono descritte nelle gesta dei re di Israele.

2Cr 33,18 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Cronache 33,19

La sua preghiera e come fu esaudito, tutta la sua colpa e la sua infedeltà, le località ove costruì alture, eresse pali sacri e statue prima della sua umiliazione, ecco sono descritte negli atti di Cozai.

2Cr 33,19 in tutte le versioni Mostra capitolo

Neemia 1,6

siano i tuoi orecchi attenti, i tuoi occhi aperti per ascoltare la preghiera del tuo servo; io prego ora davanti a te giorno e notte per gli Israeliti, tuoi servi, confessando i peccati, che noi Israeliti abbiamo commesso contro di te; anch'io e la casa di mio padre abbiamo peccato.

Ne 1,6 in tutte le versioni Mostra capitolo

Neemia 1,11

Signore, siano i tuoi orecchi attenti alla preghiera del tuo servo e alla preghiera dei tuoi servi, che desiderano temere il tuo nome; concedi oggi buon successo al tuo servo e fagli trovare benevolenza davanti a questo uomo».
Io allora ero coppiere del re.

Ne 1,11 in tutte le versioni Mostra capitolo

Neemia 11,17

Mattania figlio di Mica, figlio di Zabdi, figlio di Asaf, il capo della salmodia, che intonava le lodi durante la preghiera; Bakbukia che gli veniva secondo tra i suoi fratelli; Abda figlio di Sammua, figlio di Galal, figlio di Ieditun.

Ne 11,17 in tutte le versioni Mostra capitolo

Tobia 3,1

Con l'animo affranto dal dolore, sospirai e piansi. Poi presi a dire questa preghiera di lamento:

Tob 3,1 in tutte le versioni Mostra capitolo

Tobia 3,16

In quel medesimo momento la preghiera di tutti e due fu accolta davanti alla gloria di Dio

Tob 3,16 in tutte le versioni Mostra capitolo

Tobia 12,8

Buona cosa è la preghiera con il digiuno e l'elemosina con la giustizia. Meglio il poco con giustizia che la ricchezza con ingiustizia. Meglio è praticare l'elemosina che mettere da parte oro.

Tob 12,8 in tutte le versioni Mostra capitolo

Tobia 12,12

Sappiate dunque che, quando tu e Sara eravate in preghiera, io presentavo l'attestato della vostra preghiera davanti alla gloria del Signore. Così anche quando tu seppellivi i morti.

Tob 12,12 in tutte le versioni Mostra capitolo

Tobia 13,1

Allora Tobi scrisse questa preghiera di esultanza e disse:

Tob 13,1 in tutte le versioni Mostra capitolo

Giuditta 9,12

Sì, sì, Dio del padre mio e di Israele tua eredità, Signore del cielo e della terra, creatore delle acque, re di tutte le tue creature, ascolta la mia preghiera;

Giudit 9,12 in tutte le versioni Mostra capitolo

Giuditta 12,6

Essa fece dire ad Oloferne: «Comandi il mio signore che lascino uscire la tua serva per la preghiera».

Giudit 12,6 in tutte le versioni Mostra capitolo

Giuditta 13,3

Allora Giuditta ordinò all'ancella di stare fuori della sua tenda e di aspettare che uscisse, come aveva fatto ogni giorno; aveva detto infatti che sarebbe uscita per la sua preghiera e anche con Bagoa aveva parlato in questo senso.

Giudit 13,3 in tutte le versioni Mostra capitolo

Giuditta 13,10

la quale la mise nella bisaccia dei viveri e uscirono tutt'e due, secondo il loro uso, per la preghiera; attraversarono il campo, fecero un giro nella valle, poi salirono sul monte verso Betulia e giunsero alle porte della città.

Giudit 13,10 in tutte le versioni Mostra capitolo

Ester 4,17

Mardocheo se ne andò e fece quanto Ester gli aveva ordinato.
Poi pregò il Signore, ricordando tutte le sue gesta, e disse:
«Signore, Signore re, sovrano dell'universo, tutte le cose sono sottoposte al tuo potere e nessuno può opporsi a te nella tua volontà di salvare Israele.
Tu hai fatto il cielo e la terra e tutte le meraviglie che si trovano sotto il firmamento. Tu sei il Signore di tutte le cose e nessuno può resistere a te, Signore.
Tu conosci tutto; tu sai, Signore, che non per orgoglio, non per superbia né per vanagloria ho fatto il gesto di non prostrarmi davanti al superbo Amàn, perché avrei anche baciato la pianta dei suoi piedi per la salvezza d'Israele.
Ma ho fatto ciò per non porre la gloria di un uomo al di sopra della gloria di Dio; non mi prostrerò mai davanti a nessuno se non davanti a te, che sei il mio Signore, e non farò così per superbia.
Ora, Signore Dio, Re, Dio di Abramo, risparmia il tuo popolo! Perché mirano a distruggerci e bramano di far perire quella che è la tua eredità dai tempi antichi.
Non trascurare la porzione che per te stesso hai liberato dal paese d'Egitto. Ascolta la mia preghiera e sii propizio alla tua eredità; cambia il nostro lutto in gioia, perché vivi possiamo cantare inni al tuo nome, Signore, e non lasciare scomparire la bocca di quelli che ti lodano».
Tutti gli Israeliti gridavano con tutta la forza, perché la morte stava davanti ai loro occhi.
Anche la regina Ester cercò rifugio presso il Signore, presa da un'angoscia mortale. Si tolse le vesti di lusso e indossò gli abiti di miseria e di lutto; invece dei superbi profumi si riempì la testa di ceneri e di immondizie. Umiliò molto il suo corpo e con i capelli sconvolti si muoveva dove prima era abituata agli ornamenti festivi. Poi supplicò il Signore e disse:
«Mio Signore, nostro re, tu sei l'unico! Vieni in aiuto a me che sono sola e non ho altro soccorso se non te, perché un grande pericolo mi sovrasta.
Io ho sentito fin dalla mia nascita, in seno alla mia famiglia, che tu, Signore, hai scelto Israele da tutte le nazioni e i nostri padri da tutti i loro antenati come tua eterna eredità, e hai fatto loro secondo quanto avevi promesso. Ora abbiamo peccato contro di te e ci hai messi nelle mani dei nostri nemici, per aver noi dato gloria ai loro dèi. Tu sei giusto, Signore!
Ma ora non si sono accontentati dell'amarezza della nostra schiavitù, hanno anche posto le mani sulle mani dei loro idoli, giurando di abolire l'oracolo della tua bocca, di sterminare la tua eredità, di chiudere la bocca di quelli che ti lodano e spegnere la gloria del tuo tempio e il tuo altare, di aprire invece la bocca delle nazioni a lodare gli idoli vani e a proclamare per sempre la propria ammirazione per un re di carne.
Non consegnare, Signore, il tuo scettro a dèi che neppure esistono. Non abbiano a ridere della nostra caduta; ma volgi contro di loro questi loro progetti e colpisci con un castigo esemplare il primo dei nostri persecutori.
Ricordati, Signore; manifèstati nel giorno della nostra afflizione e a me da' coraggio, o re degli dèi e signore di ogni autorità. Metti nella mia bocca una parola ben misurata di fronte al leone e volgi il suo cuore all'odio contro colui che ci combatte, allo sterminio di lui e di coloro che sono d'accordo con lui.
Quanto a noi, salvaci con la tua mano e vieni in mio aiuto, perché sono sola e non ho altri che te, Signore!
Tu hai conoscenza di tutto e sai che io odio la gloria degli empi e detesto il letto dei non circoncisi e di qualunque straniero. Tu sai che mi trovo nella necessità, che detesto l'emblema della mia fastosa posizione che cinge il mio capo nei giorni in cui devo fare comparsa; lo detesto come un panno immondo e non lo porto nei giorni in cui mi tengo appartata. La tua serva non ha mangiato alla tavola di Amàn né ha onorato il banchetto del re né bevuto il vino delle libazioni. La tua serva da quando ha cambiato condizione fino ad oggi, non ha gioito di nulla, se non di te, Signore, Dio di Abramo.
Dio, che su tutti eserciti la forza, ascolta la voce dei disperati e liberaci dalla mano dei malvagi; libera me dalla mia angoscia!».

Est 4,17 in tutte le versioni Mostra capitolo

1Maccabei 3,46

Si radunarono dunque e vennero in Masfa di fronte a Gerusalemme, perché nei tempi antichi Masfa era stato luogo di preghiera in Israele.

1Macc 3,46 in tutte le versioni Mostra capitolo

1Maccabei 4,30

Quando vide l'imponente accampamento, innalzò questa preghiera: «Benedetto sei tu, o salvatore d'Israele, tu che hai fiaccato l'impeto del potente per mezzo del tuo servo Davide e hai fatto cadere l'esercito degli stranieri nelle mani di Giònata, figlio di Saul e del suo scudiero;

1Macc 4,30 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Maccabei 1,23

I sacerdoti si posero allora in preghiera, mentre il sacrificio veniva consumato, e con i sacerdoti tutti gli altri: Giònata intonava, gli altri continuavano in coro insieme a Neemia.

2Macc 1,23 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Maccabei 1,24

La preghiera era formulata in questo modo: Signore, Signore Dio, creatore di tutto, tremendo e potente, giusto e misericordioso, tu solo re e buono,

2Macc 1,24 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Maccabei 10,25

Gli uomini del Maccabeo al suo avvicinarsi, si cosparsero il capo di polvere per la preghiera a Dio e, cintisi i fianchi di sacco,

2Macc 10,25 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Maccabei 10,27

Terminata la preghiera, presero le armi e uscirono dalla città per un bel tratto. Quando furono vicini ai nemici, si fermarono.

2Macc 10,27 in tutte le versioni Mostra capitolo

2Maccabei 12,42

ricorsero alla preghiera, supplicando che il peccato commesso fosse pienamente perdonato. Il nobile Giuda esortò tutti quelli del popolo a conservarsi senza peccati, avendo visto con i propri occhi quanto era avvenuto per il peccato dei caduti.

2Macc 12,42 in tutte le versioni Mostra capitolo

Giobbe 15,4

Tu anzi distruggi la religione
e abolisci la preghiera innanzi a Dio.

Giob 15,4 in tutte le versioni Mostra capitolo

Giobbe 16,17

Non c'è violenza nelle mie mani
e pura è stata la mia preghiera.

Giob 16,17 in tutte le versioni Mostra capitolo

Giobbe 30,24

Ma qui nessuno tende la mano alla preghiera,
né per la sua sventura invoca aiuto.

Giob 30,24 in tutte le versioni Mostra capitolo

Salmi 4,2

Quando ti invoco, rispondimi, Dio, mia giustizia:
dalle angosce mi hai liberato;
pietà di me, ascolta la mia preghiera.

Sal 4,2 in tutte le versioni Mostra capitolo

Salmi 6,10

Il Signore ascolta la mia supplica,
il Signore accoglie la mia preghiera.

Sal 6,10 in tutte le versioni Mostra capitolo

Dimensione testo:

Mostra i versetti 51-100


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata