Nuova Riveduta:

1Corinzi 12:28

E Dio ha posto nella chiesa in primo luogo degli apostoli, in secondo luogo dei profeti, in terzo luogo dei dottori, poi miracoli, poi doni di guarigioni, assistenze, doni di governo, diversità di lingue.

C.E.I.:

1Corinzi 12:28

Alcuni perciò Dio li ha posti nella Chiesa in primo luogo come apostoli, in secondo luogo come profeti, in terzo luogo come maestri; poi vengono i miracoli, poi i doni di far guarigioni, i doni di assistenza, di governare, delle lingue.

Nuova Diodati:

1Corinzi 12:28

E Dio ne ha costituiti alcuni nella chiesa in primo luogo come apostoli, in secondo luogo come profeti, in terzo luogo come dottori; poi ha ordinato le potenti operazioni; quindi i doni di guarigione, i doni di assistenza e di governo e la diversità di lingue.

Riveduta 2020:

1Corinzi 12:28

E Dio ha costituito nella chiesa in primo luogo degli apostoli; in secondo luogo dei profeti; in terzo luogo dei dottori; poi i miracoli; poi i doni di guarigione, le assistenze, i doni di governo, la diversità delle lingue.

La Parola è Vita:

1Corinzi 12:28

Ecco alcune parti che Dio ha costituito nella sua Chiesa, che è il suo corpo:
prima di tutto gli apostoli,
poi i profeti, cioè quelli che annunciano la parola di Dio,
i maestri,
quelli che compiono miracoli,
quelli che hanno il dono di guarire le malattie,
quelli che assistono i malati,
quelli che hanno capacità organizzative
e quelli che parlano in lingue sconosciute.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

1Corinzi 12:28

E Dio ha costituito nella Chiesa primieramente degli apostoli; in secondo luogo dei profeti; in terzo luogo de' dottori; poi, i miracoli; poi i doni di guarigione, le assistenze, i doni di governo, la diversità delle lingue.

Martini:

1Corinzi 12:28

E alcuni ha Dio costituiti nella Chiesa in primo luogo Apostoli, in secondo luogo profeti, terzo dottori, di poi le podestà, poscia i doni delle guarigioni, i sovvenimenti, i governi, le lingue di ogni genere, e le interpretazioni delle favelle.

Diodati:

1Corinzi 12:28

E Iddio ne ha costituiti nella chiesa alcuni, prima apostoli, secondamente profeti, terzamente dottori; poi ha ordinate le potenti operazioni; poi i doni delle guarigioni, i sussidii, i governi, le diversità delle lingue.

Commentario:

1Corinzi 12:28

E Dio ha costituiti gli uni nella chiesa.

s'intende qui nel senso più largo: la chiesa universale,

primieramente apostoli, secondariamente profeti, in terzo luogo dottori...

Paolo principia la sua frase come se volesse dire: gli uni apostoli, gli altri, ecc. Ma poi introdotto ch'egli ha il «primieramente» continua col 2o e col 3o. Sebbene il titolo di apostoli sia dato talvolta a uomini come Barnaba. Giacomo il giusto, Andronico ed altri, pare doversi qui intendere nel senso più stretto dei testimoni della risurrezione di Gesù. Sono mentovati in primo luogo per la importanza del loro ufficio. «Dopo il testimone dei fatti, viene l'interprete ispirato di essi (il profeta); e dopo questi, l'insegnante non ispirato» (Edwards). I dottori sono coloro che espongono, in modo sistematico, la verità cristiana. Il loro ufficio richiede lavoro, riflessione, preparazione sotto la guida dello Spirito; poichè essi non parlano, come i profeti, sotto l'impulso subitaneo dello Spirito rivelatore. Ai dottori si appartiene la «parola di sapienza e la parola di conoscenza» di cui a 1Corinzi 12:8. Il loro ufficio è mentovato ugualmente nelle enumerazioni Romani 12:7 e Efesini 4:11. Nelle Epistole pastorali Paolo richiede dal vescovo (sorvegliante) la capacità d'insegnare (1Timoteo 3:2; Tito 1:9; cfr. 1Timoteo 5:17-18).

poi le potenti operazioni

lett. «le potenze». Nel rimanente dell'enumerazione Paolo tralascia il numero d'ordine perchè non c'è più tra gli ultimi doni una marcata gradazione in fatto d'importanza. Parimente, Per abbreviare, indica i doni in forma astratta, Perchè ciascun di essi accenna ad una categoria colle sue varie ramificazioni.

Le assistenze

o «soccorsi» (per il verbo originale cfr. Luca 1:54; Atti 20:35) comprendono le varie forme di assistenza ai malati, ai poveri, alle vedove, agli orfani, ai perseguitati Romani 12:6-8; Atti 6; 1Timoteo 5. Queste assistenze erano uno dei «ministerii» di 1Corinzi 12:5. Ne erano specialmente incaricati i diaconi e le diaconesse.

I governi

sono i doni necessari alla direzione ed all'amministrazione della chiesa. Li dovevano possedere gli anziani chiamati a reggere le chiese, e che son detti ancora «conduttori», «sorveglianti», «presidenti», «pastori» Romani 12:7; 1Tessalonicesi 5:12; Ebrei 13:7,17.

Riferimenti incrociati:

1Corinzi 12:28

1Co 12:7-11; Lu 6:14; At 13:1-3; 20:28; Rom 12:6-8; Ef 2:20; 3:5; 4:11-13; Eb 13:17,24; 1P 5:1-4
Nu 11:17
Rom 12:8; 1Ti 5:17; Eb 13:17,24
1Co 12:10; At 2:8-11

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata