Nuova Riveduta:

1Timoteo 5:17

(1Te 5:12-13; 1Co 9:7-14) Le 19:15, 17
Gli anziani che tengono bene la presidenza siano reputati degni di doppio onore, specialmente quelli che si affaticano nella predicazione e nell'insegnamento;

C.E.I.:

1Timoteo 5:17

I presbiteri che esercitano bene la presidenza siano trattati con doppio onore, soprattutto quelli che si affaticano nella predicazione e nell'insegnamento.

Nuova Diodati:

1Timoteo 5:17

I diritti degli anziani; consigli vari
Gli anziani che esercitano bene la presidenza siano reputati degni di un doppio onore, principalmente quelli che si affaticano nella parola e nell'insegnamento.

Riveduta 2020:

1Timoteo 5:17

Onorare gli anziani; istruzioni varie
Gli anziani che tengono bene la presidenza siano reputati degni di doppio onore, specialmente quelli che faticano nella predicazione e nell'insegnamento,

La Parola è Vita:

1Timoteo 5:17

I responsabili, che fanno bene il proprio lavoro, devono essere ricompensati e tenuti in massima considerazione, specialmente quelli che lavorano duramente, insegnando e predicando.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

1Timoteo 5:17

Dei diritti degli anziani. Precetti varî
Gli anziani che tengon bene la presidenza, siano reputati degni di doppio onore, specialmente quelli che faticano nella predicazione e nell'insegnamento;

Martini:

1Timoteo 5:17

I preti, che governano bene, sian riputati meritevoli di doppio onore: massimamente quelli, che si affaticano nel parlare, e nell'insegnare.

Diodati:

1Timoteo 5:17

GLI anziani, che fanno bene l'ufficio della presidenza, sien reputati degni di doppio onore; principalmente quelli che faticano nella parola e nella dottrina.

Commentario:

1Timoteo 5:17

Sezione C. 1Timoteo 5:17-25. CONDOTTA DA TENERE RIGUARDO AGLI ANZIANI.

La transizione dalle disposizioni relative al reclutamento ed al sostentamento delle vedove anziane, a quelle che riguardano gli anziani, è facile e naturale. In 1Timoteo 3 l'apostolo ha enumerato i requisiti necessari per l'esercizio dell'ufficio; ma se la chiesa deve domandar molto al presbitero, essa deve del pari ricordarsi dei suoi proprii doveri verso di lui e trattarlo in modo degno ed equo. Paolo tocca qui:

1. del dovere di usare dei riguardi speciali, includenti il sostentamento, verso l'anziano che si consacra completamente al bene della chiesa 1Timoteo 5:17-18.

2. del dovere relativo agli anziani accusati o colpevoli 1Timoteo 5:19-21.

3. del dovere di procedere con circospezione quando si tratta di introdurre nell'ufficio un nuovo anziano, onde non dover ricorrere troppo spesso a misure disciplinari 1Timoteo 5:22-25.

1Timoteo 5:17-18. I riguardi dovuti ai presbiteri più meritevoli.

Gli anziani che presiedono bene siano reputati degni di doppio onore, soprattutto quelli che faticano nella parola e nell'Insegnamento.

Già in 1Tessalonicesi 5:12 Paolo esorta i cristiani a riconoscere e ad amare di speciale amore "quelli che faticano fra loro, e li presiedono nel Signore e li ammoniscono". Parimenti in Romani 12:8 esorta "colui che presiede" a farlo con diligenza. Cfr. Ebrei 13:7. Il termine di sovraintendente adoperato in 1Timoteo 3 caratterizza ugualmente la funzione generale del presbiterato ch'è quella del governare, del condurre, del presiedere la congregazione cristiana. Ma fra i presbiteri ci sono delle attitudini diverse come ci sono dei gradi diversi di attività spesa a benefizio della chiesa. Quelli che posseggono doni più utili e che consacrano le loro forze ed il loro tempo all'opera di Dio, quelli che presiedono bene, cioè che adempiono il loro ufficio in modo più distinto e più completo, devono essere reputati degni di doppio onore per parte della chiesa. Questo onore ch'è dovuto a tutti gli anziani, ma che spetta in misura più abbondante ad alcuni è, senza dubbio, di natura morale. La chiesa deve dei riguardi rispettosi ed amorevoli a chi si consacra al suo bene; ma questi riguardi si manifestano anche nella premura e nella generosità colle quali la chiesa provvede al loro sostentamento. L'onorare a parole un uomo di Dio e lasciarlo dibattersi nelle necessità materiali sarebbe sfacciata ipocrisia. Nell'onore è dunque incluso l'onorario, come nell'onore dovuto alle vedove derelitte e povere era incluso il sostentamento. Lo prova il v. seguente ove, a conferma del dovere di "onorare", sono recate considerazioni che si riferiscono all'onorario. Il doppio non va inteso in senso aritmetico; ma i riguardi devono essere proporzionati alle fatiche di ciascun presbitero e, fra tutti, si devono onorare quelli che faticano nella parola e, nell'insegnamento. Tutti gli anziani sono preposti al governo della, chiesa e devono aver qualche attitudine all'insegnamento 1Timoteo 3:2; ma ve ne sono fra loro i cui doni di parola sono più cospicui e che all'esercizio di quei doni consacrano il loro tempo e le lor fatiche. Sono gli anziani catechisti, evangelisti, predicatori. Parola, che ha senso più comprensivo 1Corinzi 1:5 e insegnamento che si applica all'istruzione sistematica dei membri di chiesa, dei catecumeni e della gioventù, sono la sfera del loro lavoro faticoso. Incontriamo qui, in seno al collegio degli anziani, una incipiente distinzione derivante dalla diversità dei doni posseduti. Tutti gli anziani governano la chiesa, non tutti faticano nell'insegnamento evangelico il quale richiede gran parte del tempo di chi vi si consacra. Ma siamo lungi ancora dallo stato ecclesiastico del 2° secolo allorchè uno solo fra i presbiteri, col titolo di vescovo, era responsabile del governo della chiesa. Quanto al dovere della comunità cristiana di provvedere al sostentamento di chi le consacra le proprie forze ed i doni ricevuti, esso è inculcato esplicitamente in Galati 6:6 e più ampiamente esposto in 1Corinzi 9 (cfr. 1Tessalonicesi 5:12-13). A meglio stabilirlo con una parola divina, Paolo reca qui un passo del Deuteronomio 25:4 ov'è questione di buoi, ma dov'è insegnato un principio di umanità e di giustizia la cui applicazione è universale.

Riferimenti incrociati:

1Timoteo 5:17

1Ti 5:1
1Ti 3:5; Mat 24:25; Lu 12:42; Rom 12:8; 1Te 5:12,13; Eb 13:7,17,24
1Ti 5:3; At 28:10; Rom 15:27; 1Co 9:5-14; Ga 6:6; Fili 2:29
2Re 2:9; Is 40:2; Ger 16:18; 17:18; Zac 9:12
1Ti 4:10; Mat 9:37,38; Lu 10:1,2,7; Giov 4:38; At 20:35; Rom 16:12; 1Co 3:9; 15:10; 16:16; 2Co 6:1; Fili 2:16; 4:3; 2Ti 2:6
1Ti 4:6,16; 2Ti 4:2

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata