Nuova Riveduta:

2Corinzi 11:7

Ho forse commesso peccato quando, abbassando me stesso perché voi foste innalzati, vi ho annunciato il vangelo di Dio gratuitamente?

C.E.I.:

2Corinzi 11:7

O forse ho commesso una colpa abbassando me stesso per esaltare voi, quando vi ho annunziato gratuitamente il vangelo di Dio?

Nuova Diodati:

2Corinzi 11:7

Ho forse io commesso peccato abbassando me stesso affinché voi foste innalzati, per il fatto che vi ho annunziato l'evangelo di Dio gratuitamente?

Riveduta 2020:

2Corinzi 11:7

Ho io commesso peccato quando, abbassando me stesso perché voi foste innalzati, vi ho annunciato l'Evangelo di Dio gratuitamente?

La Parola è Vita:

2Corinzi 11:7

È forse una colpa, se vi ho annunciato gratis il Vangelo di Dio? Mi sono sminuito ai vostri occhi, facendovi sentire superiori per questo?

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

2Corinzi 11:7

Ho io commesso peccato quando, abbassando me stesso perché voi foste innalzati, v'ho annunziato l'evangelo di Dio gratuitamente?

Martini:

2Corinzi 11:7

Peccai forse, quando umiliai me stesso per esaltare voi? Quando vi annunziai il vangelo di Dio gratuitamente?

Diodati:

2Corinzi 11:7

Ho io commesso peccato, in ciò che mi sono abbassato me stesso, acciocchè voi foste innalzati? inquanto che gratuitamente vi ho evangelizzato l'evangelo di Dio?

Commentario:

2Corinzi 11:7

Quello però che avea dovuto colpire i Corinzi nella condotta di Paolo era stata la sua abnegazione, il suo disinteresse. Mentre i rètori e filosofi esigevano salarii altissimi dai loro discepoli, Paolo. Il dottor dei Gentili, si era sobbarcato alle fatiche del lavoro manuale per provvedere al sostentamento suo e dei suoi collaboratori. Pare appena credibile che anche in questo la sua condotta sia stata malevolmente interpretata, ma il tono in cui allude qui e in 2Corinzi 11:13-18 al disinteresse da lui mostrato, ci fa persuasi che anche la sua nobile abnegazione era stata presentata come una tacita confessione della inferiorità del suo apostolato, o quanto meno si era considerato il fabbricar tende come una occupazione poco dignitosa per un apostolo e poco decorosa anche per la chiesa. Gli avversarii avevano dovuto imitare l'Apostolo e menavano alto vanto della loro rinunzia, più o meno volontaria, ad un salario ufficiale, cercando, a quel che pare, di rifarsi in altro modo del mancato guadagno Cfr. 2Corinzi 20; 1Corinzi 9:12. Queste considerazioni spiegano il modo in cui Paolo tocca del suo disinteresse.

Ho io forse commesso un peccato quando, abbassando me stesso affinchè voi foste innalzati, vi ho annunziato gratuitamente l'Evangelo di Dio?

L'umiliar sè stesso abbraccia qui il sottoporsi a gravi privazioni e ad un faticoso lavoro manuale, lui l'Apostolo di Cristo così altamente onorato per altri riguardi. Questo aveva egli fatto affine di meglio riuscire a trarre i Corinzi dall'abisso di tenebre e di peccato ov'essi giacevano ed innalzarli alla conoscenza ed alla comunione di Cristo. L'Evangelo è di Dio perchè Dio ne è l'autore.

Riferimenti incrociati:

2Corinzi 11:7

2Co 10:1; 12:13; At 18:1-3; 20:34; 1Co 4:10-12; 9:6,12,14-18; 1Te 2:9; 2Te 3:8

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata