Nuova Riveduta:

Atti 18:22

giunto a Cesarea, salì a Gerusalemme e, salutata la chiesa, scese ad Antiochia.

C.E.I.:

Atti 18:22

Giunto a Cesarèa, si recò a salutare la Chiesa di Gerusalemme e poi scese ad Antiochia.

Nuova Diodati:

Atti 18:22

Sbarcato a Cesarea, salì a Gerusalemme; e, dopo aver salutato la chiesa, scese ad Antiochia.

Riveduta 2020:

Atti 18:22

Sbarcato a Cesarea, salì a Gerusalemme e, salutata la chiesa, scese ad Antiochia.

La Parola è Vita:

Atti 18:22

La prima fermata fu al porto di Cesarèa, da dove raggiunse Gerusalemme. Dopo aver salutato la chiesa locale, proseguì per Antiochia.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Atti 18:22

E sbarcato a Cesarea, salì a Gerusalemme, e salutata la chiesa, scese ad Antiochia.

Martini:

Atti 18:22

E sbarcato a Cesarea, si portò a salutare la Chiesa, e andò ad Antiochia.

Diodati:

Atti 18:22

Ed essendo disceso in Cesarea, salì in Gerusalemme; poi, dopo aver salutata la chiesa, scese in Antiochia.

Commentario:

Atti 18:22

Antiochia

di cui è qui parola, è, naturalmente, l'Antiochia di Siria

Riflessioni

1. "Compi i tuoi voti fatti all'Altissimo!" dice il Salmista Salmi 50:14. I voti che l'Eterno gradisce, nella nuova economia evangelica, sono i voti che sgorgano dal ravvedimento, alla fede, dal bisogno di consacrarsi più interamente a Lui. I voti che Dio disdegna e tiene in conto di "legno, fieno e paglia" 1Corinzi 3:12, sono i voti fatti per paura dell'inferno o per guadagnarsi il cielo. Gran libertà regna in quest'ordine di cose, come Paolo dimostra col suo esempio Atti 18:18; ma questa libertà dev'esser sempre in armonia con lo Spirito di Cristo. Dov'è lo Spirito del Signore quivi è la vera libertà 2Corinzi 3:17.

2. Se piace a Dio!... Atti 18:21. Non è una formula vana; non sono delle parole; non è il Dio volendo, che spesso noi scriviamo per abitudine nei nostri biglietti e nelle nostre lettere, pensando chi sa a che cosa; è il se piace a Dio dell'uomo che vive realmente, all'ombra della Provvidenza (Vedi 1Corinzi 4:19). È il se piace a Dio scritto nello spirito di Giacomo 4:13-15.

3. Paolo è il tipo del servitore di Dio, che vive interamente agli ordini del suo Signore. L'odio dei nemici non lo intimidisce Atti 18:19: l'amor fraterno non riesce a trattenerlo Atti 18:20; le distanze non lo spaventano Atti 18:21; niuna soavità di luogo lo induce a fermarsi più di quello che il Signore abbia determinato Atti 18:22. Il "cibo" di Paolo, come pel suo Maestro, non è di fare la sua propria volontà, ma di fare quella di Colui che l'ha mandato Giovanni 4:34.

Riferimenti incrociati:

Atti 18:22

At 8:40; 10:1,24; 11:11; 18:22; 23:23
At 25:1,9
At 18:21; 11:22; 15:4; 21:17-19
At 11:19-27; 13:1; 14:26; 15:23,30,35

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata