Nuova Riveduta:

Efesini 3:10

affinché i principati e le potenze nei luoghi celesti conoscano oggi, per mezzo della chiesa, la infinitamente varia sapienza di Dio,

C.E.I.:

Efesini 3:10

perché sia manifestata ora nel cielo, per mezzo della Chiesa, ai Principati e alle Potestà la multiforme sapienza di Dio,

Nuova Diodati:

Efesini 3:10

affinché, per mezzo della chiesa, nel tempo presente sia manifestata ai principati e alle potestà, nei luoghi celesti, la multiforme sapienza di Dio,

Riveduta 2020:

Efesini 3:10

affinché i principati e le potenze nei luoghi celesti conoscano oggi, per mezzo della Chiesa, la infinitamente varia sapienza di Dio,

La Parola è Vita:

Efesini 3:10

E per quale ragione? Per dimostrare, per mezzo della sua Chiesa composta da Ebrei e pagani, a tutte le potenze del cielo gli infiniti aspetti della sua sapienza.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Efesini 3:10

affinché nel tempo presente, ai principati ed alle potestà, ne' luoghi celesti, sia data a conoscere, per mezzo della Chiesa, la infinitamente varia sapienza di Dio,

Martini:

Efesini 3:10

Onde adesso per mezzo della Chiesa sia conosciuta dai principati, e dalle potestà ne' cieli la moltiforme sapienza di Dio,

Diodati:

Efesini 3:10

acciocchè nel tempo presente sia data a conoscere ai principati, e alle podestà, ne' luoghi celesti, per la chiesa, la molto varia sapienza di Dio,

Commentario:

Efesini 3:10

Affinchè oggi, finalmente, i principati e le potestà nei cieli imparassero a conoscere, per mezzo della Chiesa, la svariatissima sapienza di Dio.

L'affinchè non si riferisce a quel che precede immediatamente, ma a tutto il precedente contesto generale. L'apostolo non ha voluto dire: «Il mistero è stato da secoli nascosto in Dio... affinchè oggi, finalmente, ecc.», ma ha voluto dire invece: «A me è stata data questa grazia di evangelizzare... Efesini 3:8 e di mettere in luce in che consista questa dispensazione Efesini 3:9, affinchè oggi, finalmente, i principati ecc. Efesini 3:10.

I principati e le potestà

Qui la fantasia degli espositori antichi s'è sbrigliata. E chi ha visto in «questi principati» e in queste «potestà» le autorità terrene in generale; chi i rettori giudei, in ispecie; chi i sacerdoti pagani; chi le autorità della Chiesa; e tutto questo per non ammettere il grandioso concetto dell'apostolo, che la sapienza di Dio, come si estrinseca nell'opera della redenzione, è oggetto di ammirazione anche in mezzo alle intelligenze celesti. Per quel che concerne i «principati e le potestà», vedi Efesini 3:21. Per il nei cieli, ch'è locale, vedi Efesini 1:3,20.

Per mezzo della Chiesa.

La chiesa, che è la riunione, la collettività dei salvati, è la maestra delle intelligenze celesti. Ella non è un'idea, un'astrazione, ma un glorioso fatto concreto che con la propria esistenza è prova e dimostrazione di quella sapienza divina che si estrinseca in un piano di salvazione che non abbraccia nè pochi nè molti, ma che abbraccia tutti. «La svariatissima sapienza di Dio», dice l'apostolo, perchè è una sapienza che si estrinseca in una immensa varietà di forme e di modi, che rimane pur sempre ineffabilmente armonica e perfetta.

Riferimenti incrociati:

Efesini 3:10

Eso 25:17-22; Sal 103:20; 148:1,2; Is 6:2-4; Ez 3:12; 1P 1:12; Ap 5:9-14
Ef 1:21; Rom 8:38; Col 1:16; 1P 3:22
Ef 1:3
Ef 1:8; Sal 104:24; Mat 11:25-27; Rom 11:33; 1Co 1:24; 2:7; 1Ti 3:16; Ap 5:12

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata