Nuova Riveduta:

Galati 1:7

ché poi non c'è un altro vangelo, però ci sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il vangelo di Cristo.

C.E.I.:

Galati 1:7

In realtà, però, non ce n'è un altro; solo che vi sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il vangelo di Cristo.

Nuova Diodati:

Galati 1:7

il quale non è un altro evangelo; ma vi sono alcuni che vi turbano e vogliono pervertire l'evangelo di Cristo.

Riveduta 2020:

Galati 1:7

Il quale poi non è un altro vangelo, ma ci sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire l'Evangelo di Cristo.

La Parola è Vita:

Galati 1:7

Infatti, non c'è altra via all'infuori di quella che vi ho indicato; esistono invece certi individui che vi confondono le idee e cercano di cambiare la verità del messaggio di salvezza di Cristo.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Galati 1:7

Il quale poi non è un altro vangelo; ma ci sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire l'Evangelo di Cristo.

Martini:

Galati 1:7

Sebbene non ve n'è altro, ma vi sono alcuni, che vi sconturbano, e voglion capivoltare il Vangelo di Cristo.

Diodati:

Galati 1:7

Non che ce ne sia un altro; ma vi sono alcuni che vi turbano, e vogliono pervertir l'evangelo di Cristo.

Commentario:

Galati 1:7

il quale poi non è un altro evangelo; soltanto, vi sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire l'Evangelo di Cristo.

In realtà non c'è che un solo evangelo, come non c'è che una via di salvazione, un solo Dio il Padre, un unico Signore e Salvatore, una fede, una speranza. Quindi non si può chiamar evangelo quel che predicano i giudaizzanti sebbene essi diano la loro dottrina per la sola autentica dottrina di Cristo mettendo innanzi il fatto che Cristo aveva osservata la legge, che non era venuto ad abolir la legge ed i profeti, che gli apostoli e la chiesa di Gerusalemme non s'erano bruscamente separati dal tempio ecc. Ma siccome essi mutavano sostanzialmente la condizione della salvezza col porre al posto della fede od accanto ad essa l'osservanza della legge mosaica Galati 2:16; Atti 15:1, così Paolo definisce la loro dottrina un sovvertimento del vangelo di Cristo.

Chi sono quei pochi che turbano le chiese? Manifestamente degli emissari giudaizzanti i quali recano lo scompiglio nelle menti e nelle coscienze dei Galati che hanno accettato per genuino il vangelo predicato da Paolo. Essi, invece dipingono Paolo come un apostolo spurio che predica un vangelo spurio al quale manca qualcosa di essenziale. Questi dottori erano venuti dal di fuori, probabilmente da Antiochia o da Gerusalemme, ma senza mandato od autorizzazione degli apostoli, poichè questi alla Conferenza di Gerusalemme avevano dato la mano di associazione a Paolo ed ai suoi compagni. «Sappiamo, scrive il Godet (Introd. Epp. Paul. 226), che c'era a Gerusalemme un partito opposto agli stessi apostoli, partito che aveva avuto la peggio nella Conferenza ma che non si dava per vinto: erano coloro che facevano colpa a Pietro d'essere entrato da Cornelio Atti 11, quelli che Luca chiama, Atti 11:2, «quei della circoncisione» ovvero «alcuni della setta dei Farisei che avevano creduto» Atti 15:5. Essi erano senza dubbio del numero di quei «sacerdoti che avevano ubbidito alla fede» Atti 6:9. Miravano a togliere agli apostoli senza cultura e poveri la direzione della res christiana, per farla servire ai loro fini, cioè alla propagazione nel mondo intero del mosaismo unito alla croce. Era questa linea di condotta in cui il cristianesimo non era più che un mezzo per fondare il regno universale del giudaismo, che Paolo caratterizzava quando chiamava quegli uomini dei "falsi fratelli" Galati 2:4... Non è difficile capire con quali argomenti fossero giunti a smuovere i Galati. Il Cristo è stato promesso ad Israele: per aver parte alla sua salvazione bisogna dunque farsi israelita; si diventa israelita mediante la circoncisione, dunque...». Ed è appunto questo far della circoncisione la condizione assoluta della salvezza che Paolo considera come un tentativo di sovvertire ( μεταστρεψαι) di rovesciare l'Evangelo di Cristo ossia l'evangelo che Cristo ha proclamato e di cui egli stesso è l'oggetto essenziale. Lo sovvertono perchè, se la salvezza dipende dall'osservanza di pratiche legali, non è più per grazia e l'opera di Cristo diventa vana Galati 5:2-4.

Riferimenti incrociati:

Galati 1:7

Ga 2:4; 4:17; 5:10,12; 6:12,13,17; At 15:1-5,24; 20:30; Rom 16:17,18; 2Co 11:13
Ga 5:10,12; Ger 23:26; Mat 24:24; At 13:10; 15:1,24; 2Co 2:17; 4:2; 1Ti 4:1-3; 2Ti 2:18; 3:8,9; 4:3,4; Tit 1:10,11; 2P 2:1-3; 1G 2:18,19,26; 4:1; 2G 1:7,10; Giuda 1:4; Ap 2:2,6,14,15,20; 12:9; 13:14; 19:20; 20:3

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata