Nuova Riveduta:

Romani 15:19

con la potenza di segni e di prodigi, con la potenza dello Spirito Santo. Così da Gerusalemme e dintorni fino all'Illiria ho predicato dappertutto il vangelo di Cristo,

C.E.I.:

Romani 15:19

con la potenza di segni e di prodigi, con la potenza dello Spirito. Così da Gerusalemme e dintorni fino all'Illiria, ho portato a termine la predicazione del vangelo di Cristo.

Nuova Diodati:

Romani 15:19

con potenza di segni e di prodigi, con la potenza dello Spirito di Dio; così, da Gerusalemme e nei dintorni fino all'Illiria, ho compiuto il servizio dell'evangelo di Cristo,

Riveduta 2020:

Romani 15:19

con potenza di segni e prodigi, con potenza dello Spirito Santo. Così, da Gerusalemme e dintorni fino all'Illiria, ho predicato dovunque l'Evangelo di Cristo,

La Parola è Vita:

Romani 15:19

e dei miracoli fatti per mezzo mio, segni della potenza dello Spirito Santo. In questo modo ho portato dappertutto il Vangelo di Cristo, da Gerusalemme e dintorni fino all'Illiria.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Romani 15:19

con potenza di segni e di miracoli, con potenza dello Spirito Santo. Così da Gerusalemme e dai luoghi intorno fino all'Illiria, ho predicato dovunque l'Evangelo di Cristo,

Martini:

Romani 15:19

Con la virtù de' miracoli, e de' prodigj, con la virtù dello Spirito santo: talmente che da Gerusalemme, e da' paesi all'intorno sino all'Illirico tutto ho ripieno del Vangelo di Cristo.

Diodati:

Romani 15:19

con potenza di segni e di prodigi; con la virtù dello Spirito di Dio; talchè, da Gerusalemme, e da' luoghi d'intorno infino all'Illirico, io ho compiuto il servigio dell'evangelo di Cristo.

Commentario:

Romani 15:19

E infatti, aggiunge:

con potenza di segni e prodigi.

«I miracoli sono detti segni in ragione del, senso che Dio vi annette e che gli uomini vi devono discernere; prodigi perchè spiccano nettamente sullo sfondo del corso ordinario della natura e delle sue leggi» (Godet). Anche altrove Paolo mentova i miracoli da lui operati (2Corinzi 12:12; cfr. Atti 14:3,10; 15:12; 16:16; 19:11; ecc.). Che Paolo e Luca si siano ambedue illusi, come dei poveri esaltati?

con potenza dello Spirito di Dio

(o semplicemente: di Spirito) operante in me ed in coloro che mi ascoltavano Colossesi 1:29; 1Tessalonicesi 1:5. Lo Spirito che Cristo dà è la vera potenza che rende il ministerio efficace, con o senza miracoli esterni.

Talchè, da Gerusalemme e dai luoghi intorno fino all'Illiria, ho predicato dovunque l'Evangelo di Cristo;

Sostenuto e benedetto da Dio, egli aveva potuto, in una ventina d'anni compier l'ufficio suo di banditore del Vangelo nell'Oriente dell'impero. In Gerusalemme egli avea predicato solo occasionalmente Atti 9:29; Galati 1:18; Atti 12:25; 15:4; Galati 2:2, ma nomina quella città perchè era stata il punto di partenza della evangelizzazione. Fra i luoghi circonvicini sono da annoverare l'Arabia, ove avea passato tre anni; Damasco e le contrade della Siria e della Cilicia Galati 1:17-21; Atti 9:20-21. L'espressione και κυκγω (e intorno) viene da parecchi moderni congiunta, non con Gerusalemme, ma con quel che segue; e significherebbe che, da Gerusalemme, e abbracciando una cerchia sempre più vasta, fino all'Illiria, Paolo avea compiuto il suo ministerio. L'uso della locuzione nei Vangeli e nell'Apocalisse Marco 3:34; 6:6,36; Luca 9:12; Apocalisse 4:6, ecc. non sta in favore di questo senso e lo scopo di Paolo pare esser qui di precisare gli estremi limiti, orientale e occidentale, del campo missionario da lui finora coperto. Egli stesso dà il commento della locuzione in Atti 26:20. Spingendosi verso Occidente, aveva ormai evangelizzata l'Asia Minore, la Macedonia e l'Acaia coi suoi due grandi centri di Atene e di Corinto; anzi era arrivato fino all'Illiria. Questa regione, che comprendeva l'Albania, la Dalmazia, la Bosnia e l'Erzegovina attuali, non è mentovata negli Atti, come non lo è neppure l'Arabia. Paolo ha dovuto visitare quella contrada durante uno degli ultimi suoi soggiorni in Macedonia. Da Berea o da Tessalonica la distanza dall'Illirico era breve. L'espressione del testo: compiere l'Evangelo (cfr. Colossesi 1:25), si ha da intendere in relazione con quella del Romani 15:16 e vale: disimpegnare pienamente l'ufficio suo di banditore del Vangelo. Quell'ufficio di pioniere o di conquistatore, Paolo lo stimava compiuto quando avea piantato saldamente la bandiera del Vangelo nei centri più importanti. Da quei punti, doveva poi la luce irradiare gradatamente nelle contrade circostanti mercè l'opera delle chiese ivi fondate. Così infatti avveniva.

Riferimenti incrociati:

Romani 15:19

At 14:10; 15:12; 16:18; 19:11,12; 2Co 12:12; Ga 3:5; Eb 2:4
Mat 12:28; At 1:8; 1Co 12:4-11; 1P 1:12
Rom 15:24; At 9:28,29; 13:4,5,14,51; 14:6,20,25; 16:6-12; 17:10,15; 18:1,19; 19:1; 20:2,6
Rom 1:14-16; At 20:20; Col 1:25; 2Ti 4:17

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata