Nuova Riveduta:

Romani 16:1

Saluti ed esortazione all'amore fraterno
3Gv 5-8 (At 18:2-3, 18, 26; 1Co 16:19-20)
Vi raccomando Febe, nostra sorella, che è diaconessa della chiesa di Cencrea,

C.E.I.:

Romani 16:1

Vi raccomando Febe, nostra sorella, diaconessa della Chiesa di Cencre:

Nuova Diodati:

Romani 16:1

Raccomandazioni, saluti ed esortazioni
Or io vi raccomando Febe, nostra sorella, che è diaconessa della chiesa che è in Cencrea,

Riveduta 2020:

Romani 16:1

Raccomandazioni e saluti
Vi raccomando Febe, nostra sorella, che è diaconessa della chiesa di Cencrea,

La Parola è Vita:

Romani 16:1

Saluti.
Verrà presto a trovarvi Febe, una cara credente della città di Cencrea, che lavora nella chiesa di quella città.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Romani 16:1

Raccomandazioni, saluti e voti
Vi raccomando Febe, nostra sorella, che è diaconessa della chiesa di Cencrea,

Martini:

Romani 16:1

Fa menzione l'Apostolo di alcuni tra' Romani, i quali per lo speciale loro merito vuol, che siano nominatamente salutati; da altri esorta a guardarsi: di altri porge i saluti a' Romani.
Vi raccomando la nostra sorella Febe, che serve la Chiesa di Chencre:

Diodati:

Romani 16:1

OR io vi raccomando Febe, nostra sorella, che è diaconessa della chiesa che è in Cencrea.

Commentario:

Romani 16:1

SEZIONE B Romani 16:1-20 Raccomandazioni

Paolo raccomanda anzitutto ai Romani di accogliere cristianamente la diaconessa Febe Romani 16:1-2; poi raccomanda loro di porgere i suoi saluti ai suoi conoscenti e collaboratori Romani 16:3-16; in ultimo, raccomanda loro di guardarsi dai falsi dottori Romani 16:17-20.

Romani 16:1-2. Febe. - Febe si considera con ragione come la portatrice della lettera ai Romani. Essa doveva recarsi a Roma per un qualche affare, forse legale, e Paolo la raccomanda nella chiusa dell'Epistola stessa ch'ella portava. Egli la presenta, in modo generale, come cristiana:

Vi raccomando Febe nostra sorella,

vostra e mia; quindi la presenta come avente un ufficio nella Chiesa:

che è diaconessa della chiesa di Cencrea,

Il Nuovo Testamento parla altrove di diaconi Atti 6; Filippesi 1:1; 1Timoteo 3:8; ma non di diaconesse (o serventi), salvo, secondo alcuni, in 1Timoteo 5:10. Certo è che se ne parla al secondo secolo e che Plinio (A. D. 111) narra di aver posto due ministrae christianae alla tortura. L'ufficio durò a lungo nella Chiesa greca ed è stato, in qualche guisa, ristabilito nel moderno protestantismo. Nella Chiesa romana ne tengon luogo le suore di carità, sebbene astrette da voti di celibato. La rigida separazione dei sessi nella società antica rendeva codesto ufficio tanto più necessario in vista dei soccorsi da prestare alle donne povere o malate od isolate. Il diaconato femminile ristretto alla cerchia di ogni singola congregazione, è stato stabilito con successo, qua e là, ma non è ancora divenuto generale. Cencrea era il porto orientale di Corinto, a qualche miglio dalla città.

Riferimenti incrociati:

Romani 16:1

2Co 3:1
Mat 12:50; Mar 10:30; 1Ti 5:2; Giac 2:15; 1P 1:22,23
Lu 8:3; 1Ti 5:9,10
At 18:18

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata