Nuova Riveduta:

Romani 3:5

Ma se la nostra ingiustizia fa risaltare la giustizia di Dio, che diremo? Che Dio è ingiusto quando dà corso alla sua ira? (Parlo alla maniera degli uomini.)

C.E.I.:

Romani 3:5

Se però la nostra ingiustizia mette in risalto la giustizia di Dio, che diremo? Forse è ingiusto Dio quando riversa su di noi la sua ira? Parlo alla maniera umana.

Nuova Diodati:

Romani 3:5

Ora se la nostra ingiustizia fa risaltare la giustizia di Dio, che diremo? Dio è ingiusto quando dà corso alla sua ira? (Io parlo da uomo).

Bibbia della Gioia:

Romani 3:5

Alcuni diranno: «Dopo tutto aver rotto il nostro patto con Dio è una cosa positiva, i nostri peccati servono a qualcosa, perché è proprio notando quanto siamo malvagi noi, che risulta più evidente la bontà di Dio. È giusto allora che il Signore ci punisca, quando i nostri peccati lo mettono in buona luce?» (Questo è ciò che dice certa gente).

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Romani 3:5

Ma se la nostra ingiustizia fa risaltare la giustizia di Dio, che diremo noi? Iddio è egli ingiusto quando dà corso alla sua ira? (Io parlo umanamente).

Diodati:

Romani 3:5

Ora, se la nostra ingiustizia commenda la giustizia di Dio, che diremo? Iddio è egli ingiusto, quando egli impone punizione? Io parlo umanamente.

Commentario:

Romani 3:5

Sussiste adunque il vantaggio del Giudeo, nonostante l'incredulità di alcuni (cfr. Romani 9-11) e quanto Paolo ha insegnato sulla condanna del peccatore giudeo non toglie nulla alla realtà della vocazione speciale d'Israele. Ma qui sorge un'altra obbiezione. Se perdura la fedeltà di Dio, se anzi, come nel, caso di Davide, dall'infedeltà dell'uomo esce, più mirabile la giustizia e santità di Dio, che si deve concludere da questo?

Ma se la nostra ingiustizia

morale, che include la menzogna e, l'incredulità prima mentovate,

fa risaltare la giustizia,

la perfezione morale,

di Dio,

facendola apparire più grande e più mirabile,

che diremo noi? Iddio è egli ingiusto quando dà corso alla, sua ira?

quando fa pesare l'ira sua sui peccatori, pagani o Giudei condannandoli? (cfr. Romani 2:8; 1:18). E affinchè niuno pensi che egli ragioni così per proprio conto, Paolo si affretta a notare:

(Io parlo umanamente)

lett. secondo l'uomo, cioè secondo il modo di parlare e di pensare dell'uomo naturale sempre pronto a trovar da ridire a quanto Iddio fa, e a cercare scuse per il proprio peccato 1Corinzi 3:3; 15:32. L'Apostolo avea, senza dubbio udita molte volte una si empia logica, nelle sue discussioni coi Giudei.

Riferimenti incrociati:

Romani 3:5

Rom 3:7,25,26; 8:20,21
Rom 4:1; 6:1; 7:7; 9:13,14
Rom 2:5; 3:19; 9:18-20; 12:19; De 32:39-43; Sal 58:10,11; 94:1,2; Na 1:2,6-8; 2Te 1:6-9; Ap 15:3; 16:5-7; 18:20
Rom 6:19; 1Co 9:8; Ga 3:15

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata