Nuova Riveduta:

Zaccaria 9:10

Io farò sparire i carri da Efraim,
i cavalli da Gerusalemme
e gli archi di guerra saranno distrutti.
Egli parlerà di pace alle nazioni,
il suo dominio si estenderà da un mare all'altro,
e dal fiume sino alle estremità della terra.

C.E.I.:

Zaccaria 9:10

Farà sparire i carri da Efraim
e i cavalli da Gerusalemme,
l'arco di guerra sarà spezzato,
annunzierà la pace alle genti,
il suo dominio sarà da mare a mare
e dal fiume ai confini della terra.

Nuova Diodati:

Zaccaria 9:10

Io farò scomparire i carri da Efraim e i cavalli da Gerusalemme; gli archi di guerra saranno annientati. Egli parlerà di pace alle nazioni; il suo dominio si estenderà da mare a mare, e dal Fiume fino all'estremità della terra.

La Parola è Vita:

Zaccaria 9:10

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Zaccaria 9:10

Io farò sparire i carri da Efraim, i cavalli da Gerusalemme, e gli archi di guerra saranno annientati. Egli parlerà di pace alle nazioni, il suo dominio si estenderà da un mare all'altro, e dal fiume sino alle estremità della terra.

Martini:

Zaccaria 9:10

Ed io torrò via i cocchi di Ephraim, e i cavalli di Gerusalemme, e gli archi guerrieri saranno spezzati; e quegli annunzierà la pace alle genti, e il suo dominio sarà di un mare all'altro, e dal fiume sino alla estremità della terra.

Diodati:

Zaccaria 9:10

Ed io sterminerò di Efraim i carri, e di Gerusalemme i cavalli; e gli archi di guerra saran distrutti; e quel Re parlerà di pace alle nazioni; e la sua signoria sarà da un mare all'altro, e dal Fiume fino agli estremi termini della terra.

Commentario abbreviato:

Zaccaria 9:10

9 Versetti 9-17

Il profeta si lancia in una gioiosa rappresentazione della venuta del Messia, di cui gli antichi ebrei spiegavano questa profezia. Egli assunse il carattere del loro re, quando entrò a Gerusalemme tra gli osanna della folla. Ma il suo regno è un regno spirituale. Non sarà portato avanti con la forza esteriore o con armi carnali. Il suo Vangelo sarà predicato al mondo e accolto tra i pagani. Lo stato di peccato è uno stato di schiavitù; è una fossa, o una prigione, in cui non c'è acqua, né conforto; e tutti noi siamo per natura prigionieri in questa fossa. Grazie al prezioso sangue di Cristo, molti prigionieri di Satana sono stati liberati dall'orribile fossa in cui altrimenti sarebbero morti, senza speranza né conforto. Mentre lo ammiriamo, cerchiamo di far sì che la sua santità e la sua verità si manifestino nel nostro spirito e nella nostra condotta. Queste promesse si realizzano nelle benedizioni spirituali del Vangelo di cui godiamo grazie a Gesù Cristo. Come la liberazione dei Giudei era tipica della redenzione di Cristo, così questo invito parla a tutti il linguaggio della chiamata del Vangelo. I peccatori sono prigionieri, ma prigionieri della speranza; il loro caso è triste, ma non disperato, perché in Israele c'è speranza per loro. Cristo è una fortezza, una torre forte, in cui i credenti sono al sicuro dalla paura dell'ira di Dio, dalla maledizione della legge e dagli assalti dei nemici spirituali. A lui dobbiamo rivolgerci con viva fede; a lui dobbiamo fuggire e confidare nel suo nome in tutte le prove e le sofferenze. È qui promesso che il Signore avrebbe liberato il suo popolo. Questo passo si riferisce anche agli apostoli e ai predicatori del Vangelo nelle prime epoche. Dio era evidentemente con loro; le sue parole dalle loro labbra trafiggevano i cuori e le coscienze degli ascoltatori. Furono mirabilmente difesi nelle persecuzioni e furono riempiti dagli influssi dello Spirito Santo. Furono salvati dal Buon Pastore come suo gregge e onorati come gioielli della sua corona. Sono rappresentati i doni, le grazie e le consolazioni dello Spirito, effusi nel giorno di Pentecoste, Atti 2, e nei tempi successivi. I conflitti dei figli di Sion sono stati e saranno acuti, ma il loro Dio darà loro il successo. Più siamo impiegati e soddisfatti della sua bontà, più ammireremo la bellezza rivelata nel Redentore. Qualunque dono Dio ci conceda, dobbiamo servirlo allegramente con esso; e, quando siamo rinfrescati dalle benedizioni, dobbiamo dire: Quanto è grande la sua bontà!

Riferimenti incrociati:

Zaccaria 9:10

Os 1:7; 2:18; Mic 5:10,11; Ag 2:22; 2Co 10:4,5
Zac 10:4,5
Sal 72:3,7,17; Is 11:10; 49:6; 57:18,19; Mic 4:2-4; At 10:36; Rom 15:9-13; 2Co 5:18,20; Ef 2:13-17; Col 1:20,21
Sal 2:8-12; 72:8-11; 98:1-3; Is 9:6,7; 60:12; Mic 5:4; Ap 11:15
De 11:24; 1Re 4:21

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia


     

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia


      


     

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata