Deuteronomio 8

1 Capitolo 8

Esortazioni e ammonimenti, in base ai precedenti rapporti del Signore con Israele e alle sue promesse Dt 8:1-9

Esortazioni e ammonizioni ulteriormente rafforzate Dt 8:10-20

Versetti 1-9

L'obbedienza deve essere: 1. Attenta, osservare per fare; 2. Universale, per eseguire tutti i comandamenti; e 3. Da un buon principio, con riguardo a Dio come Signore e loro Dio, e con santo timore di Lui. Da un buon principio, con una considerazione di Dio come Signore e loro Dio, e con un santo timore di lui. Per impegnarli a questa obbedienza. Mosè li invita a guardare indietro. È bene ricordare tutte le vie, sia della provvidenza che della grazia di Dio, attraverso le quali ci ha condotto nel deserto, affinché possiamo servirlo con gioia e confidare in lui. Devono ricordare le difficoltà in cui sono stati talvolta portati per mortificare il loro orgoglio e manifestare la loro perversità; per metterli alla prova, affinché essi e gli altri potessero conoscere tutto ciò che c'era nel loro cuore, e affinché tutti vedessero che Dio li aveva scelti, non per qualcosa in loro che potesse raccomandarli al suo favore. Devono ricordare le miracolose provviste di cibo e di vestiario concesse loro. Nessuno dei figli di Dio deve diffidare del proprio Padre, né intraprendere una strada peccaminosa per il rifornimento delle proprie necessità. In un modo o nell'altro, Dio provvederà a loro secondo il dovere e l'onesta diligenza, e in verità saranno nutriti. Può essere applicato spiritualmente: la parola di Dio è il cibo dell'anima. Cristo è la parola di Dio; di lui viviamo. Devono anche ricordare i rimproveri che hanno subito, e non senza necessità. Questo è l'uso che dobbiamo fare di tutte le nostre afflizioni; da esse dobbiamo essere stimolati al nostro dovere. Mosè li invita anche a guardare a Canaan. Guardiamo da che parte vogliamo, sia per guardare indietro che per guardare avanti, verso Canaan. Guardare da che parte vogliamo, sia guardando indietro che guardando avanti, ci fornirà argomenti per l'obbedienza. Mosè vide in quella terra un tipo di paese migliore. La Chiesa del Vangelo è la Canaan del Nuovo Testamento, innaffiata dallo Spirito nei suoi doni e nelle sue grazie, piantata con alberi di rettitudine, che portano frutti di rettitudine. Il cielo è la terra buona, in cui non manca nulla e dove c'è pienezza di gioia.

10 Versetti 10-20

Mosè indica il dovere di una condizione di prosperità. Che si ricordino sempre del loro Benefattore. In ogni cosa dobbiamo rendere grazie. Mosè li difende dalle tentazioni di una condizione prospera. Quando gli uomini possiedono grandi proprietà o sono impegnati in affari redditizi, trovano molto forte la tentazione dell'orgoglio, della dimenticanza di Dio e della mentalità carnale, e sono ansiosi e preoccupati per molte cose. In questo i poveri credenti sono avvantaggiati: percepiscono più facilmente che le loro provviste vengono dal Signore in risposta alla preghiera della fede e, per quanto strano possa sembrare, trovano meno difficoltà nel confidare semplicemente in Lui per il pane quotidiano. Assaporano una dolcezza che è generalmente sconosciuta ai ricchi, mentre sono anche liberati da molte tentazioni. Non dimenticare i precedenti rapporti di Dio con te. Ecco il grande segreto della Divina Provvidenza. L'infinita saggezza e bontà sono la fonte di tutti i cambiamenti e le prove che i credenti sperimentano. Israele ebbe molte prove amare, ma fu "per far loro del bene". L'orgoglio è naturale per il cuore umano. Si potrebbe pensare che un tale popolo, dopo la sua schiavitù nelle fornaci, abbia bisogno delle spine del deserto per umiliarsi? Ma l'uomo è così! E furono messi alla prova per essere umiliati. Nessuno di noi vive una sola settimana senza dare prova della propria debolezza, follia e depravazione. Solo per le anime dal cuore spezzato il Salvatore è davvero prezioso. Nulla può rendere efficaci le prove esteriori e interiori più adatte, se non la potenza dello Spirito di Dio. Osservate come si conciliano il dare di Dio e il ricevere, e applicatelo alla ricchezza spirituale. Tutti i doni di Dio sono in funzione delle sue promesse. Mosè ripete l'avvertimento che aveva spesso dato sulle conseguenze fatali dell'abbandono di Dio. Chi segue gli altri nel peccato, li seguirà nella distruzione. Se facciamo come i peccatori, dobbiamo aspettarci di fare come i peccatori.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata