Osea 1

1 Si suppone che Osea appartenesse al regno di Israele. Visse e profetizzò per un lungo periodo. Lo scopo delle sue predizioni sembra essere quello di individuare, rimproverare e convincere la nazione ebraica in generale, e gli israeliti in particolare, dei loro numerosi peccati, in particolare dell'idolatria; viene anche notato lo stato corrotto del regno. Ma li invita al pentimento, con promesse di misericordia e previsioni del Vangelo della futura restaurazione degli Israeliti e dei Giudei e della loro conversione finale al cristianesimo.

Capitolo 1

Sotto una figura è rappresentata la vergognosa idolatria delle dieci tribù Os 1:1-7

La chiamata dei Gentili e l'unione di Israele e Giuda sotto il Messia Os 1:8-11

Versetti 1-7

Israele era prospero, ma poi Osea ha detto loro con coraggio dei loro peccati e ha predetto la loro distruzione. Gli uomini non devono lasciarsi lusingare dalle loro abitudini peccaminose perché prosperano nel mondo; e non durerà a lungo se continueranno ad essere colpevoli. Il profeta deve mostrare a Israele il suo peccato, mostrando che è estremamente odioso. La loro idolatria è il peccato di cui sono accusati. Dare a qualsiasi creatura quella gloria che è dovuta solo a Dio, è un'offesa e un affronto a Dio; come lo è per il marito il fatto che una moglie si prenda un estraneo. Il Signore, senza dubbio, aveva buone ragioni per dare un tale comando al profeta; avrebbe formato un'immagine toccante dell'immeritata bontà e dell'instancabile pazienza del Signore, e della pervicacia e ingratitudine di Israele. Dovremmo essere distrutti e stancati dalla metà di quella perversione altrui, con la quale mettiamo a dura prova la pazienza e irritiamo lo Spirito del nostro Dio. Dobbiamo anche essere pronti a sopportare qualsiasi croce che il Signore ci proporrà. Il profeta deve mostrare la rovina del popolo, nei nomi dati ai suoi figli. Preannuncia la caduta della famiglia reale nel nome del suo primo figlio: lo chiama Izreel, che significa "dispersione". Preannuncia l'abbandono della nazione da parte di Dio con il nome del secondo figlio: Lo-Ruama, "non amato" o "non ha ottenuto misericordia". Dio ha mostrato grande misericordia, ma Israele ha abusato dei suoi favori. Il peccato allontana la misericordia di Dio anche da Israele, il suo stesso popolo di professanti. Se la misericordia perdonante viene negata, non ci si può aspettare altra misericordia. Anche se alcuni, a causa dell'incredulità, vengono abbandonati, Dio avrà una chiesa in questo mondo fino alla fine dei tempi. La nostra salvezza è dovuta alla misericordia di Dio, non a un nostro merito. La salvezza è sicura, di cui Egli è l'Autore; e se Egli vuole operare, nessuno potrà impedirlo.

8 Versetti 8-11

Il rifiuto di Israele per un certo periodo di tempo è significato dal nome di un altro bambino: chiamatelo Lo-Ammi, "non il mio popolo". Il Signore disconosce ogni rapporto con loro. Noi lo amiamo, perché lui ci ha amati per primo; ma il nostro essere scacciati dall'alleanza è dovuto a noi stessi e alla nostra follia. La misericordia è ricordata in mezzo all'ira; il rifiuto, come non sarà totale, così non sarà definitivo. La stessa mano che ha ferito è tesa per guarire. Vengono fatte promesse molto preziose sull'Israele di Dio, che possono essere utili anche per noi. Alcuni pensano che queste promesse non avranno pieno compimento fino alla conversione generale degli ebrei negli ultimi giorni. Anche questa promessa è applicata al Vangelo, e al fatto che vi saranno accolti sia i Giudei sia i Gentili, da San Paolo, Rom 9:25-26, e da San Pietro, 1P 2:10. Credere in Cristo significa averlo come capo e affidarsi volentieri alla sua guida e al suo governo. E preghiamo per l'avvento del giorno glorioso in cui ci sarà un solo Signore su tutta la terra.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata