Aggeo 2

1 Capitolo 2

Maggiore gloria promessa al secondo tempio rispetto al primo Ag 2:1-9

I loro peccati hanno ostacolato l'opera Ag 2:10-19

Il regno di Cristo predetto Ag 2:20-23

Versetti 1-9

Coloro che sono attivi nel servizio del Signore saranno incoraggiati a procedere. Ma allora non potevano costruire un tempio come quello di Salomone. Sebbene il nostro benevolo Dio si compiaccia se facciamo il meglio che possiamo nel suo servizio, tuttavia i nostri cuori orgogliosi difficilmente si lasceranno compiacere, a meno che non facciamo bene come altri, le cui capacità sono di gran lunga superiori alle nostre. Ai Giudei viene dato l'incoraggiamento a proseguire nell'opera nonostante tutto. Hanno Dio con loro, il suo Spirito e la sua presenza speciale. Anche se castiga le loro trasgressioni, la sua fedeltà non viene meno. Lo Spirito rimane ancora in mezzo a loro. E tra poco avranno il Messia in mezzo a loro: "Colui che deve venire". Convulsioni e cambiamenti avrebbero avuto luogo nella chiesa e nello stato dei Giudei, ma prima dovevano avvenire grandi rivoluzioni e tumulti tra le nazioni. Egli verrà come il Desiderio di tutte le nazioni; desiderabile per tutte le nazioni, perché in lui tutta la terra sarà benedetta con la migliore delle benedizioni; atteso e desiderato da tutti i credenti. La casa che stavano costruendo doveva essere piena di gloria, ben oltre il tempio di Salomone. Questa casa sarà riempita di una gloria di altra natura. Se abbiamo argento e oro, dobbiamo servire e onorare Dio con essi, perché la proprietà è sua. Se non abbiamo argento e oro, dobbiamo onorarlo con quello che abbiamo, ed egli ci accetterà. Siano confortati dal fatto che la gloria di quest'ultima casa sarà più grande di quella della prima, in ciò che sarà al di là di tutte le glorie della prima casa, la presenza del Messia, il Figlio di Dio, il Signore della gloria, personalmente e in natura umana. Nient'altro che la presenza del Figlio di Dio, in forma e natura umana, potrebbe realizzare questo. Gesù è il Cristo, è Colui che deve venire, e non dobbiamo cercarne altri. Questa profezia è sufficiente a mettere a tacere i Giudei e a condannare il loro ostinato rifiuto di Colui del quale tutti i loro profeti avevano parlato. Se Dio è con noi, la pace è con noi. Ma i Giudei sotto l'ultimo tempio ebbero molti problemi; ma questa promessa si realizza nella pace spirituale che Gesù Cristo ha acquistato con il suo sangue per tutti i credenti. Tutti i cambiamenti faranno sì che Cristo sia desiderato e apprezzato da tutte le nazioni. E i Giudei avranno gli occhi aperti per vedere quanto è prezioso Colui che hanno finora rifiutato.

10 Versetti 10-19

Molti hanno rovinato quest'opera buona, facendo ricorso a cuori e mani non santi, senza trarne alcun vantaggio. La somma di queste due regole della legge è che il peccato si impara più facilmente dagli altri che la santità. L'impurità del loro cuore e della loro vita renderà impuro davanti a Dio il lavoro delle loro mani e tutte le loro offerte. Il caso è lo stesso per noi. Quando siamo impegnati in un'opera buona, dobbiamo vigilare su noi stessi, per evitare di renderla impura con la nostra corruzione. Quando cominciamo a prendere coscienza del nostro dovere verso Dio, possiamo aspettarci la sua benedizione; e chi è saggio capirà l'amorevolezza del Signore. Dio maledirà le benedizioni dei malvagi e renderà amara la prosperità dei negligenti, ma addolcirà il calice dell'afflizione a coloro che lo servono diligentemente.

20 Versetti 20-23

Il Signore proteggerà Zorobabele e il popolo di Giuda in mezzo ai suoi nemici. Qui si preannuncia anche l'instaurazione e la continuazione del regno di Cristo, dalla cui unione il suo popolo è sigillato con lo Spirito Santo, sigillato con la sua immagine e quindi distinto da tutti gli altri. Qui si preannunciano anche i cambiamenti, fino al momento in cui il regno di Cristo abbatterà e occuperà il posto di tutti gli imperi che si sono opposti alla sua causa. La promessa si riferisce in modo particolare a Cristo, che discende in linea diretta da Zorobabele ed è l'unico costruttore del tempio del Vangelo. Nostro Signore Gesù è il sigillo alla destra di Dio, perché ogni potere è dato a lui e deriva da lui. Per mezzo di lui e in lui, tutte le promesse di Dio sono sì e amen. Qualsiasi cambiamento avvenga sulla terra, tutti promuoveranno il benessere, l'onore e la felicità dei suoi servitori.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata