Deuteronomio 1

1 Questo libro ripete gran parte della storia e delle leggi contenute nei tre libri precedenti: Mosè lo consegnò a Israele un po' prima della sua morte, sia a voce, perché avesse effetto, sia per iscritto, perché rimanesse. Gli uomini di quella generazione a cui la legge era stata data per la prima volta erano tutti morti, ed era sorta una nuova generazione a cui Dio volle farla ripetere da Mosè stesso, ora che stavano per possedere il paese di Canaan. In questo libro viene illustrato il meraviglioso amore di Dio per la sua chiesa; come egli abbia sempre preservato la sua chiesa per amore della sua misericordia, e come voglia ancora che il suo nome sia invocato in mezzo a loro. Queste sono le linee generali di questo libro, che mostra l'amore di Mosè per Israele e ne fa un tipo eminente del Signore Gesù Cristo. Applichiamo le esortazioni e le persuasioni alle nostre coscienze, per eccitare le nostre menti a un'obbedienza credente e grata ai comandi di Dio.

Capitolo 1

Le parole che Mosè disse a Israele nelle pianure di Moab, La promessa di Canaan Dt 1:1-8

Giudici provveduti per il popolo Dt 1:9-18

Dell'invio delle spie: l'ira di Dio per la loro incredulità e disobbedienza Dt 1:19-46

Versetti 1-8

Mosè parlò al popolo di tutto ciò che il Signore gli aveva dato come comandamento. Oreb distava solo undici giorni da Cades-Barnea. Questo per ricordare loro che la loro cattiva condotta aveva causato il loro noioso peregrinare; affinché comprendessero più facilmente i vantaggi dell'obbedienza. Ora devono andare avanti. Anche se Dio porta il suo popolo in difficoltà e afflizioni, sa quando è stato provato abbastanza a lungo. Quando Dio ci ordina di andare avanti nel nostro cammino cristiano, ci pone davanti la Canaan celeste per incoraggiarci.

9 Versetti 9-18

Mosè ricorda al popolo la felice costituzione del loro governo, che potrebbe renderli tutti sicuri e tranquilli, se non fosse colpa loro. Riconosce l'adempimento della promessa fatta da Dio ad Abramo e prega per il suo ulteriore compimento. Non siamo stretti nella potenza e nella bontà di Dio; perché dovremmo essere stretti nella nostra fede e nella nostra speranza? Agli israeliti furono date buone leggi e uomini buoni dovevano provvedere alla loro esecuzione, il che dimostra la bontà di Dio nei loro confronti e la cura di Mosè.

19 Versetti 19-46

Mosè ricorda agli Israeliti la loro marcia da Oreb a Cades-Barnea, attraverso quel grande e terribile deserto. Mostra quanto fossero vicini a un felice insediamento in Canaan. Ad aggravare l'eterna rovina degli ipocriti sarà il fatto che non erano lontani dal regno di Dio. Come se non bastasse la certezza del loro Dio davanti a loro, mandavano uomini davanti a loro. Non hanno mai guardato la Terra Santa, ma devono riconoscere che è una buona terra. E c'era qualche motivo per diffidare di questo Dio? Alla base di tutto c'era un cuore incredulo. Tutta la disobbedienza alle leggi di Dio e la sfiducia nel suo potere e nella sua bontà derivano dall'incredulità nei confronti della sua parola, così come tutta la vera obbedienza nasce dalla fede. È proficuo per noi dividere le nostre vite passate in periodi distinti; rendere grazie a Dio per le misericordie che abbiamo ricevuto in ciascuno di essi, confessare e chiedere il perdono di tutti i peccati che ricordiamo; e così rinnovare la nostra accettazione della salvezza di Dio e la nostra consegna di noi stessi al suo servizio. I nostri piani sono raramente utili; mentre il coraggio nell'esercizio della fede e nel cammino del dovere permette al credente di seguire pienamente il Signore, di ignorare tutto ciò che si oppone, di trionfare su ogni opposizione e di afferrare saldamente le benedizioni promesse.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata