Deuteronomio 13

1 Capitolo 13

Gli incitatori all'idolatria devono essere messi a morte Dt 13:1-5

Le relazioni che inducono all'idolatria non devono essere risparmiate Dt 13:6-11

Le città idolatriche non saranno risparmiate Dt 13:12-18

Versetti 1-5

Mosè aveva messo in guardia contro il pericolo che poteva derivare dai Cananei. Qui mette in guardia contro l'insorgere dell'idolatria tra di loro. È necessario per noi conoscere bene le verità e i precetti della Bibbia, perché possiamo aspettarci di essere provati da tentazioni di male sotto l'apparenza di bene, di errore sotto l'apparenza di verità; e nulla può opporsi giustamente a tali tentazioni, se non la chiara ed esplicita testimonianza della parola di Dio che afferma il contrario. E sarebbe una prova di sincero affetto per Dio che, nonostante pretesti speciosi, essi non fossero indotti ad abbandonare Dio e a seguire altri dei per servirli.

6 Versetti 6-11

La politica di Satana è quella di cercare di condurci al male attraverso coloro che amiamo, che meno sospettiamo di avere un disegno malvagio, che desideriamo compiacere e a cui siamo inclini a conformarci. Si suppone che l'allettamento provenga da un fratello o da un figlio, che sono vicini per natura; da una moglie o da un amico, che sono vicini per scelta e sono per noi come le nostre anime. Ma è nostro dovere preferire Dio e la religione agli amici più cari che abbiamo al mondo. Per compiacere i nostri amici, non dobbiamo infrangere la legge di Dio. Non devi acconsentire a lui, né andare con lui, né per compagnia, né per curiosità, né per ottenere il suo affetto. È una regola generale: "Se i peccatori ti seducono, non acconsentire" (Pr 1:10). E non dobbiamo ostacolare il corso della giustizia di Dio.

12 Versetti 12-18

Qui c'è il caso di una città che si ribella al Dio di Israele e serve altri dei. Si suppone che il crimine sia stato commesso da una delle città di Israele. Anche quando fu loro ordinato di preservare la loro religione con la forza, non fu loro permesso di portare altri ad essa con il fuoco e la spada. I giudizi spirituali sotto la dispensazione cristiana sono più terribili dell'esecuzione di criminali; non abbiamo meno motivi di quelli che avevano gli Israeliti per temere l'ira divina. Temiamo dunque l'idolatria spirituale della cupidigia e l'amore per i piaceri mondani e facciamo attenzione a non favorirli nelle nostre famiglie, con il nostro esempio o con l'educazione dei nostri figli. Che il Signore scriva la sua legge e la sua verità nei nostri cuori, che vi stabilisca il suo trono e che vi diffonda il suo amore!

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata