Deuteronomio 15

1 Capitolo 15

L'anno di uscita Dt 15:1-11

Per quanto riguarda la liberazione dei servi Dt 15:12-18

Rispettare le primizie del bestiame Dt 15:19-23

Versetti 1-11

L'anno di liberazione è un esempio della grazia del Vangelo, in cui viene proclamato l'anno di grazia del Signore e con il quale otteniamo la liberazione dei nostri debiti, cioè il perdono dei nostri peccati. La legge è spirituale e limita i pensieri del cuore. Sbagliamo se pensiamo che i pensieri siano liberi dalla conoscenza e dal controllo di Dio. È davvero un cuore malvagio quello che solleva pensieri malvagi dalla buona legge di Dio, come facevano quelli che, poiché Dio li aveva obbligati alla carità di perdonare, negavano la carità di dare. Chi vuole evitare l'atto del peccato, deve tenere lontano dalla propria mente il pensiero del peccato. È una cosa terribile avere il grido dei poveri giustamente contro di noi. Non rinnegare una gentilezza verso il tuo fratello; non diffidare della provvidenza di Dio. Ciò che fai, fallo liberamente, perché Dio ama chi dona con gioia, 2Cor 9:7.

12 Versetti 12-18

Qui viene ripetuta la legge sui servi ebrei. C'è un'aggiunta, che impone ai padroni di mettere nelle mani dei loro servitori una piccola scorta per provvedere a se stessi, quando vengono mandati via dalla loro servitù, dove non hanno ricevuto alcun salario. Possiamo aspettarci le benedizioni familiari, le sorgenti della prosperità familiare, quando prendiamo coscienza del nostro dovere verso i nostri familiari. Dobbiamo ricordare che siamo debitori della giustizia divina e non abbiamo nulla da pagare. Siamo schiavi, poveri e in via di estinzione. Ma il Signore Gesù Cristo, facendosi povero e versando il suo sangue, ha provveduto pienamente e gratuitamente al pagamento dei nostri debiti, al riscatto delle nostre anime e al soddisfacimento di tutti i nostri bisogni. Quando il Vangelo viene predicato con chiarezza, viene proclamato l'anno accettevole del Signore; l'anno della liberazione dei nostri debiti, della liberazione delle nostre anime e dell'ottenimento del riposo in Lui. Se la fede in Cristo e l'amore per lui prevalgono, trionfano sull'egoismo del cuore e sulla scortesia del mondo, eliminando le scuse che nascono dall'incredulità, dalla sfiducia e dalla cupidigia.

19 Versetti 19-23

Qui viene indicato cosa fare con le primizie. Oggi non siamo limitati come gli israeliti; non facciamo differenza tra un primo vitello o un agnello e il resto. Guardiamo quindi al significato nel Vangelo di questa legge, dedicando noi stessi e la prima parte del nostro tempo e delle nostre forze a Dio; e usando tutte le nostre comodità e i nostri piaceri a sua lode e sotto la direzione della sua legge, dato che li abbiamo tutti per suo dono.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata