Deuteronomio 20

1 Capitolo 20

Esortazione e proclama su coloro che sono andati in guerra Dt 20:1-9

La pace da offrire, le città da dedicare Dt 20:10-20

Versetti 1-9

Nelle guerre in cui Israele si impegnava secondo la volontà di Dio, poteva aspettarsi l'assistenza divina. Il Signore doveva essere la loro unica fiducia. Sotto questi aspetti erano tipi di guerra per il cristiano. Chi non è disposto a combattere, deve essere mandato via. La riluttanza può derivare dalla condizione esteriore dell'uomo. Dio non sarebbe servito da uomini costretti contro la loro volontà. Il tuo popolo sarà disposto, Sal 110:3. Nel correre la gara cristiana e nel combattere il buon combattimento della fede, dobbiamo mettere da parte tutto ciò che ci renderebbe riluttanti. Se la riluttanza di un uomo derivava dalla debolezza e dalla paura, egli poteva ritirarsi dalla guerra. La ragione è che il cuore dei suoi fratelli non deve venire meno come il suo. Dobbiamo stare attenti a non temere come quelli che hanno paura, Isa 8:12.

10 Versetti 10-12

Gli israeliti sono qui indirizzati verso le nazioni a cui hanno fatto guerra. Questo dimostra la grazia di Dio nel trattare con i peccatori. Egli proclama la pace e li prega di riconciliarsi. Ci mostra anche il nostro dovere nel trattare con i nostri fratelli. Chi è per la guerra, noi dobbiamo essere per la pace. Delle città date a Israele, nessuno dei loro abitanti deve essere lasciato. Poiché non ci si poteva aspettare che fossero guariti dalla loro idolatria, avrebbero danneggiato Israele. Queste norme non sono le regole della nostra condotta, ma la legge d'amore di Cristo. Gli orrori della guerra devono riempire il cuore di angoscia ad ogni ricordo; sono la prova della malvagità dell'uomo, del potere di Satana e della giusta vendetta di Dio, che flagella così un mondo colpevole. Ma quanto è terribile il caso di coloro che sono impegnati in un conflitto impari con il loro Creatore, che non si sottomettono a rendergli il facile tributo dell'adorazione e della lode! Li attende una sicura rovina. Non lasciate che il numero e la potenza dei nemici delle nostre anime ci sgomentino, né che la nostra stessa debolezza ci faccia tremare o vacillare. Il Signore ci salverà, ma in questa guerra non si impegnino i cuori affezionati al mondo o timorosi della croce e del conflitto. Si fa attenzione che, assediando le città, non vengano distrutti gli alberi da frutto. Dio è un amico migliore per l'uomo di quanto non lo sia per se stesso; la legge di Dio consulta i nostri interessi e le nostre comodità, mentre i nostri appetiti e le nostre passioni, che assecondiamo, sono nemici del nostro benessere. Molti dei precetti divini ci impediscono di distruggere ciò che serve alla nostra vita e al nostro cibo. Gli Ebrei intendono questo divieto come divieto di ogni spreco intenzionale, per qualsiasi motivo. Ogni creatura di Dio è buona; come nulla va rifiutato, così nulla va abusato. Possiamo vivere per desiderare ciò che sprechiamo con noncuranza.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata