Deuteronomio 21

1 Capitolo 21

L'espiazione di un omicidio incerto Dt 21:1-9

Rispettare una prigioniera presa in moglie Dt 21:10-14

Il primogenito non può essere diseredato per affetto privato Dt 21:15-17

Un figlio testardo da lapidare Dt 21:18-21

I malfattori non devono essere lasciati in sospeso tutta la notte Dt 21:22-23

Versetti 1-9

Se un assassino non poteva essere scoperto, si prevedeva una grande solennità per eliminare la colpa dal paese, come espressione di timore e detestazione di quel peccato. La provvidenza di Dio ha spesso portato meravigliosamente alla luce queste opere nascoste delle tenebre e il peccato dei colpevoli le ha spesso stranamente scoperte. Il timore dell'omicidio dovrebbe essere profondamente impresso in ogni cuore e tutti dovrebbero unirsi nell'individuare e punire i colpevoli. Gli anziani dovevano dichiarare di non aver in alcun modo contribuito o favorito il peccato. I sacerdoti dovevano pregare Dio per il Paese e la nazione, affinché Dio fosse misericordioso. Con le nostre preghiere dobbiamo svuotare quella misura che altri riempiono con i loro peccati. Questa solennità dovrebbe insegnare a tutti a usare la massima cura e diligenza per prevenire, scoprire e punire gli omicidi. Tutti noi possiamo imparare da qui a stare attenti a non partecipare ai peccati degli altri. E abbiamo comunione con le opere infruttuose delle tenebre, se non le rimproveriamo.

10 Versetti 10-14

In base a questa legge, un soldato poteva sposare la sua prigioniera, se lo desiderava. Questo poteva avvenire in alcune occasioni, ma la legge non mostra alcuna approvazione. La legge indica anche quanto siano vincolanti le leggi della giustizia e dell'onore nel matrimonio, che è un impegno sacro.

15 Versetti 15-17

Questa legge impedisce agli uomini di diseredare i figli maggiori senza una giusta causa. In questo caso, il principio relativo ai figli è ancora vincolante per i genitori, che devono riconoscere ai figli il loro diritto senza parzialità.

18 Versetti 18-21

Osservate come viene descritto il criminale. È un figlio testardo e ribelle. Nessun figlio doveva essere peggiore per debolezza di capacità, lentezza o ottusità, ma per ostinazione e caparbietà. Niente attira gli uomini in ogni sorta di malvagità e li indurisce in essa in modo più sicuro e fatale dell'ubriachezza. Quando gli uomini si danno al bere, dimenticano la legge di onorare i genitori. Suo padre e sua madre devono lamentarsi di lui presso gli anziani della città. I figli che dimenticano i loro doveri devono ringraziare se stessi e non biasimare i genitori, se vengono considerati con sempre meno affetto. Deve essere lapidato pubblicamente dagli uomini della sua città. La disobbedienza all'autorità di un genitore doveva essere molto cattiva, quando era ordinata una tale punizione; né è meno provocatoria nei confronti di Dio ora, anche se sfugge alla punizione in questo mondo. Ma quando i giovani diventano presto schiavi degli appetiti sensuali, il cuore diventa presto duro e la coscienza insensibile; e non possiamo aspettarci altro che ribellione e distruzione.

22 Versetti 22-23

Per la legge di Mosè, il tocco di un cadavere era contaminante, quindi i cadaveri non dovevano essere lasciati appesi, perché avrebbero contaminato la terra. C'è una ragione che si riferisce a Cristo: "Chi è impiccato è maledetto da Dio", cioè è il massimo grado di disonore e di riprovazione. Chi vede un uomo così appeso tra cielo e terra, lo riterrà abbandonato da entrambi e indegno di entrambi. Mosè, per mezzo dello Spirito, usa questa frase di essere maledetto da Dio, quando non intendeva altro che essere trattato in modo molto disonorevole, per poterla poi applicare alla morte di Cristo e mostrare che in essa ha subito la maledizione della legge per noi; ciò prova il suo amore e incoraggia la fede in lui.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata