Deuteronomio 25

1 Capitolo 25

Entità della punizione Dt 25:1-3

Il bue che calpesta il grano Dt 25:4

Matrimonio della moglie di un fratello Dt 25:5-12

Di pesi ingiusti Dt 25:13-16

Guerra contro Amalec Dt 25:17-19

Versetti 1-3

Ogni punizione deve essere solenne, in modo che coloro che la vedono siano terrorizzati e siano avvertiti di non commettere altri reati. E sebbene i criminali debbano essere svergognati e sottoposti a pene, per ammonimento e disonore, si deve fare attenzione che non appaiano del tutto vili. Felici coloro che sono castigati dal Signore per umiliarli, affinché non siano condannati con il mondo alla distruzione.

4 Versetto 4

È un'accusa agli agricoltori. Ci insegna a fare tesoro degli animali che ci servono. Ma dobbiamo imparare non solo a essere giusti, ma anche gentili con tutti coloro che sono impiegati per il bene della nostra parte migliore, le nostre anime, 1Cor 9:9.

5 Versetti 5-12

L'usanza qui regolata sembra essere stata nella legge ebraica per tenere distinte le eredità; ora è illegale.

13 Versetti 13-16

Il guadagno disonesto porta sempre una maledizione sui beni, sulle famiglie e sulle anime degli uomini. Felici coloro che giudicano se stessi, si pentono e rinunciano ai loro peccati e mettono da parte le cose cattive, per non essere condannati dal Signore.

17 Versetti 17-19

Tutti i persecutori e gli ingiuriatori del popolo di Dio prendano esempio dal caso degli Amalechiti. Quanto più tempo passa prima che arrivi il giudizio, tanto più terribile sarà alla fine. Amalec può ricordarci i nemici della nostra anima. Che possiamo essere in grado di uccidere tutte le nostre concupiscenze, tutte le corruzioni interne ed esterne, tutte le potenze delle tenebre e del mondo, che si oppongono al nostro cammino verso il benedetto Salvatore.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata