Deuteronomio 28

1 Capitolo 28

Le benedizioni per l'obbedienza Dt 28:1-14

Le maledizioni per la disobbedienza Dt 28:15-44

La loro rovina, se disobbedienti Dt 28:45-68

Versetti 1-14

Questo capitolo è un'ampia esposizione di due parole, la benedizione e la maledizione. Sono cose reali e hanno effetti reali. Le benedizioni sono qui anteposte alle maledizioni. Dio è lento all'ira, ma rapido nel mostrare misericordia. È un piacere per lui benedire. È meglio essere attirati verso il bene da una speranza infantile del favore di Dio, piuttosto che essere spaventati da un timore servile della sua ira. La benedizione è promessa a condizione che essi ascoltino diligentemente la voce di Dio. Se essi mantengono la religione, la sua forma e la sua forza, nelle loro famiglie e nella loro nazione, allora la provvidenza di Dio farà prosperare tutte le loro preoccupazioni esteriori.

15 Versetti 15-44

Se non osserviamo i comandamenti di Dio, non solo veniamo meno alla benedizione promessa, ma ci mettiamo sotto la maledizione, che comprende tutta la miseria, mentre la benedizione tutta la felicità. Osservate la giustizia di questa maledizione. Non si tratta di una maledizione senza causa o per una causa leggera. L'estensione e il potere di questa maledizione. Ovunque il peccatore vada, la maledizione di Dio lo segue; ovunque egli si trovi, essa ricade su di lui. Tutto ciò che possiede è sotto la maledizione. Tutti i suoi piaceri sono resi amari; non può trarne alcun vero conforto, perché l'ira di Dio si mescola ad essi. Vengono qui indicati molti giudizi che sarebbero stati il frutto della maledizione e con i quali Dio avrebbe punito il popolo ebraico per la sua apostasia e disobbedienza. Possiamo osservare l'adempimento di queste minacce nel loro stato attuale. Per completare la loro miseria, viene minacciato che, a causa di questi problemi, saranno privati di ogni conforto e speranza e abbandonati alla disperazione più totale. Coloro che camminano con la vista e non con la fede rischiano di perdere la ragione stessa, quando ogni cosa intorno a loro appare spaventosa.

45 Versetti 45-68

Se Dio infligge la vendetta, quali miserie può portare agli uomini la sua maledizione, anche in questo mondo presente! Ma questi non sono che l'inizio dei dolori per coloro che sono sotto la maledizione di Dio. Quale sarà allora la miseria di quel mondo in cui il loro verme non muore e il loro fuoco non si estingue? Osservate ciò che viene detto dell'ira di Dio, che deve venire e rimanere sugli Israeliti per i loro peccati. È sorprendente pensare che un popolo così a lungo beniamino del cielo sia stato così scacciato; e che un popolo così disperso in tutte le nazioni sia stato tenuto distinto e non mescolato ad altri. Se non volessero servire Dio con allegria, sarebbero costretti a servire i loro nemici. Possiamo giustamente aspettarci da Dio che, se non temiamo il suo nome temibile, subiremo le sue piaghe temibili; perché in un modo o nell'altro Dio sarà temuto. Viene descritta la distruzione minacciata. Sono stati infatti strappati dal paese, Dt 28:63. Non solo durante la cattività babilonese e quando Gerusalemme fu distrutta dai Romani, ma anche dopo, quando fu proibito loro di mettere piede a Gerusalemme. Non dovevano riposare; non dovevano riposare il corpo, Dt 28:65, ma essere continuamente in movimento, sia per la speranza di guadagno, sia per il timore di persecuzioni. Non c'è riposo per la mente, il che è molto peggio. Sono stati banditi da una città all'altra, da un paese all'altro; richiamati e banditi di nuovo. Questi eventi, se confrontati con il favore mostrato a Israele nei tempi antichi e con le profezie che li riguardano, non solo dovrebbero suscitare stupore, ma dovrebbero essere per noi una testimonianza, assicurandoci della verità delle Scritture. E quando si realizzeranno le altre profezie sulla loro conversione a Cristo, l'insieme sarà un segno e una meraviglia per tutte le nazioni della terra, e il precursore di una diffusione generale del vero cristianesimo. L'avverarsi di queste profezie sulla nazione ebraica, pronunciate più di tremila anni fa, dimostra che Mosè ha parlato per mezzo dello Spirito di Dio, il quale non solo prevede la rovina dei peccatori, ma li avverte affinché la prevengano con un vero e tempestivo pentimento, altrimenti rimarranno senza scuse. Ringraziamo il fatto che Cristo ci ha riscattati dalla maledizione della legge, facendosi maledizione per noi e portando nella sua persona tutta la punizione che i nostri peccati meritano e che altrimenti avremmo dovuto sopportare per sempre. A questo Rifugio e a questa salvezza fuggano i peccatori; i credenti si rallegrino e servano il loro Dio riconciliato con gioia di cuore, per l'abbondanza delle sue benedizioni spirituali.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata