Deuteronomio 29

1 Capitolo 29

Mosè richiama alla memoria le misericordie di Israele Dt 29:1-9

L'ira divina su coloro che si adulano nella loro malvagità Dt 29:10-21

La rovina della nazione ebraica Dt 29:22-28

Le cose segrete appartengono a Dio Dt 29:29

Versetti 1-9

Sia le misericordie precedenti che quelle nuove devono essere considerate come motivi di obbedienza. L'orecchio che ascolta, l'occhio che vede e il cuore che comprende sono un dono di Dio. Tutti coloro che li hanno, li hanno da Lui. Dio non dà solo cibo e vestiario, ma anche ricchezze e grandi proprietà a molti che non hanno la grazia. Molti godono dei doni, ma non hanno il cuore per percepire il Datore, né il vero disegno e l'uso dei doni. Siamo tenuti, per gratitudine e interesse, oltre che per dovere e fedeltà, ad osservare le parole dell'alleanza.

10 Versetti 10-21

L'alleanza nazionale stipulata con Israele, non solo è stata un esempio dell'alleanza di grazia stipulata con i veri credenti, ma ha rappresentato anche la dispensazione esteriore del Vangelo. Coloro che sono stati in grado di acconsentire alla nuova alleanza di misericordia e di grazia del Signore in Gesù Cristo, e di rinunciare a essere il suo popolo, dovrebbero cogliere ogni occasione per rinnovare la loro aperta professione di relazione con Lui e il loro obbligo nei suoi confronti, come Dio di salvezza, camminando in accordo con essa. Il peccatore è descritto come colui il cui cuore si allontana dal suo Dio; qui inizia la malizia, nel cuore malvagio dell'incredulità, che spinge gli uomini ad allontanarsi dal Dio vivente verso idoli morti. Anche a questo peccato gli uomini sono tentati, quando sono trascinati dalle loro passioni e dalle loro fantasie. Questi uomini sono radici che portano fiele e assenzio. Sono erbacce che, se lasciate libere, invadono l'intero campo. Satana può camuffare per un certo tempo questo boccone amaro, in modo che tu non ne abbia il sapore naturale, ma all'ultimo giorno, se non prima, il vero sapore sarà percepito. Si noti la sicurezza del peccatore nel peccato. Anche se sente le parole della maledizione, si ritiene al sicuro dall'ira di Dio. In tutto il libro di Dio non c'è minaccia più terribile di questa. Oh, se i peccatori presuntuosi la leggessero e tremassero! Perché è una vera e propria dichiarazione dell'ira di Dio, contro l'empietà e l'iniquità dell'uomo.

22 Versetti 22-28

L'idolatria sarebbe stata la rovina della loro nazione. Non è una novità che Dio porti giudizi desolanti su un popolo a lui vicino per professione. Non lo fa mai senza una buona ragione. A noi interessa cercare il motivo, per dare gloria a Dio e per mettere in guardia noi stessi. Così la legge di Mosè lascia i peccatori sotto la maledizione e sradicati dalla terra del Signore; ma la grazia di Cristo verso i peccatori penitenti e credenti li pianta di nuovo nella loro terra; e non saranno più tirati su, essendo custoditi dalla potenza di Dio.

29 Versetto 29

Mosè termina la sua profezia sul rifiuto degli Ebrei, così come San Paolo termina il suo discorso sullo stesso argomento, quando iniziò a realizzarsi, Rom 11:33. Ci è proibito indagare curiosamente sui consigli segreti di Dio e di determinarli. Ma siamo indirizzati e incoraggiati a cercare diligentemente ciò che Dio ha reso noto. Non ci ha nascosto nulla che sia utile per noi, ma solo ciò che è bene che ignoriamo. Il fine di tutta la rivelazione divina non è quello di fornire curiosi argomenti di speculazione e di discussione, ma di far sì che noi possiamo mettere in pratica tutte le parole di questa legge ed essere benedetti nelle nostre azioni. Questo la Bibbia lo rivela chiaramente; oltre a questo l'uomo non può andare con profitto. Con questa luce può vivere e morire comodamente ed essere felice per sempre.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata