Deuteronomio 30

1 Capitolo 30

Misericordia promessa a chi si pente Dt 30:1-10

Il comandamento manifesto Dt 30:11-14

La morte e la vita davanti a loro Dt 30:15-20

Versetti 1-10

In questo capitolo c'è una chiara indicazione della misericordia che Dio ha in serbo per Israele negli ultimi giorni. Questo passo si riferisce agli avvertimenti profetici degli ultimi due capitoli, che si sono realizzati principalmente nella distruzione di Gerusalemme da parte dei Romani e nella loro dispersione fino ai giorni nostri; e non c'è dubbio che la promessa profetica contenuta in questi versetti debba ancora realizzarsi. In un futuro forse non molto lontano, la nazione ebraica si convertirà alla fede di Cristo e, secondo molti, si stabilirà nuovamente nella terra di Canaan. Il linguaggio usato è in gran parte una promessa assoluta, non un semplice impegno condizionato, ma la dichiarazione di un evento che si verificherà sicuramente. Infatti, il Signore stesso si impegna a "circoncidere i loro cuori"; e quando la grazia rigenerante avrà eliminato la natura corrotta e l'amore divino avrà soppiantato l'amore per il peccato, essi certamente rifletteranno, si pentiranno, torneranno a Dio e gli obbediranno; ed egli si rallegrerà di fare loro del bene. Il cambiamento che sarà operato su di loro non sarà solo esteriore, o consistente in mere opinioni, ma raggiungerà le loro anime. Produrrà in loro un odio totale per ogni peccato e un amore fervente verso Dio, come Dio riconciliato in Cristo Gesù; lo ameranno con tutto il cuore e con tutta l'anima. Attualmente sono molto lontani da questo stato d'animo, ma lo erano anche gli assassini del Signore Gesù, il giorno di Pentecoste, che però in un'ora si convertirono a Dio. Così sarà nel giorno della potenza di Dio; una nazione nascerà in un giorno; il Signore la affretterà nel suo tempo. Come promessa condizionale questo passo appartiene a tutte le persone e a tutti i popoli, non solo a Israele; ci assicura che i più grandi peccatori, se si pentono e si convertono, avranno i loro peccati perdonati e saranno restituiti al favore di Dio.

11 Versetti 11-14

La legge non è troppo alta per te. Non è conosciuta solo da lontano, non è riservata agli uomini di cultura. È scritta nei tuoi libri, in modo chiaro, perché chi corre possa leggerla. È nella tua bocca, nella lingua comunemente usata da te, in cui puoi sentirla leggere e parlarne tra i tuoi figli. È stato consegnato in modo che sia accessibile anche ai più poveri. Questo è particolarmente vero per il Vangelo di Cristo, al quale l'apostolo lo applica. Ma la parola è vicina a noi, e Cristo in quella parola; così che se crediamo con il cuore che le promesse del Messia si sono realizzate nel nostro Signore Gesù, e le confessiamo con la bocca, allora abbiamo Cristo con noi.

15 Versetti 15-20

Cosa si potrebbe dire di più commovente e in grado di suscitare impressioni profonde e durature? Ogni uomo desidera ottenere la vita e il bene, e sfuggire alla morte e al male; desidera la felicità e teme la miseria. È così grande la compassione del Signore che ha favorito gli uomini, con la sua parola, con una conoscenza del bene e del male tale da renderli per sempre felici, se non per colpa loro. Ascoltiamo la sintesi dell'intera questione. Se loro e gli altri ameranno Dio e lo serviranno, vivranno e saranno felici. Se loro o loro si allontanassero da Dio, abbandonassero il suo servizio e adorassero altri dei, sarebbe certamente la loro rovina. Non c'è mai stata, dopo la caduta dell'uomo, più di una via per il cielo, che è indicata in entrambi i Testamenti, anche se non con la stessa chiarezza. Mosè intendeva la stessa via di accettazione, che Paolo ha descritto più chiaramente; e le parole di Paolo significano la stessa obbedienza, di cui Mosè ha parlato più diffusamente. In entrambi i Testamenti la via buona e giusta viene avvicinata e rivelata chiaramente.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata