Deuteronomio 32

1 Capitolo 32

Il canto di Mosè Dt 32:1-2

Il carattere di Dio, il carattere di Israele Dt 32:3-6

Le grandi cose che Dio aveva fatto per Israele Dt 32:7-14

La malvagità di Israele Dt 32:15-18

I giudizi che si sarebbero abbattuti su di loro per i loro peccati Dt 32:19-25

Vendetta meritata trattenuta Dt 32:26-38

La liberazione di Dio per il suo popolo Dt 32:39-43

L'esortazione con cui è stata pronunciata la canzone Dt 32:44-47

Mosè sale sul monte Nebo per morire Dt 32:48-52

Versetti 1-2

Mosè inizia con un appello solenne al cielo e alla terra, riguardo alla verità e all'importanza di ciò che stava per dire. La sua dottrina è il Vangelo, il discorso di Dio, la dottrina di Cristo; la dottrina della grazia e della misericordia attraverso di lui, e della vita e della salvezza attraverso di lui.

3 Versetti 3-6

"Egli è una roccia". È la prima volta che Dio viene chiamato così nella Scrittura. L'espressione indica che la potenza, la fedeltà e l'amore divini, rivelati in Cristo e nel Vangelo, formano un fondamento che non può essere cambiato o spostato, sul quale possiamo costruire le nostre speranze di felicità. E sotto la sua protezione possiamo trovare rifugio da tutti i nostri nemici e in tutti i nostri problemi, come le rocce in quei paesi riparavano dai raggi ardenti del sole e dalle tempeste, o erano fortezze dal nemico. "La sua opera è perfetta": quella della redenzione e della salvezza, in cui si manifesta tutta la perfezione divina, completa in tutte le sue parti. Tutti i rapporti di Dio con le sue creature sono regolati da una sapienza che non può sbagliare e da una giustizia perfetta. Egli è infatti giusto e corretto; si preoccupa che nessuno perda da lui. Un'accusa elevata è rivolta a Israele. Anche i figli di Dio hanno le loro macchie, quando sono in questo stato imperfetto; infatti, se diciamo di non avere peccato, di non avere macchie, inganniamo noi stessi. Ma il peccato di Israele non era un peccato abituale, noto, non pentito, che è un segno certo dei figli di Satana. Erano sciocchi a rinunciare alle loro misericordie per vanità bugiarde. Tutti i peccatori intenzionali, e in particolare i peccatori d'Israele, sono sprovveduti e ingrati.

7 Versetti 7-14

Mosè fornisce esempi particolari della gentilezza e della sollecitudine di Dio nei loro confronti. La cura dell'aquila per i suoi piccoli è un bellissimo emblema dell'amore di Cristo, che si è frapposto tra la giustizia divina e le nostre anime colpevoli, mettendo a nudo i nostri peccati nel proprio corpo sull'albero. E con il Vangelo predicato e gli influssi dello Spirito Santo, egli suscita e spinge i peccatori a lasciare la schiavitù di Satana. Ai versetti Dt 32:13-14, sono emblemi della conquista che i credenti hanno sui loro nemici spirituali, il peccato, Satana e il mondo, in Cristo e attraverso Cristo. Anche della loro sicurezza e del loro trionfo in lui; della loro felice condizione d'animo, quando sono al di sopra del mondo e delle sue cose. Questo sarà il caso benedetto dell'Israele spirituale in tutti i sensi negli ultimi giorni.

15 Versetti 15-18

Ecco due esempi della malvagità di Israele, ognuno dei quali era un'apatia da Dio. Questo popolo fu chiamato Jeshurun, "un popolo retto", come dicono alcuni; "un popolo che vede", come dicono altri; ma ben presto perse la reputazione sia della sua conoscenza che della sua rettitudine. Assecondavano i loro appetiti, come se non avessero altro da fare che provvedere alla carne per soddisfare le sue voglie. Coloro che si fanno un dio di se stessi e un dio del proprio ventre, nell'orgoglio e nella lussuria, e non sopportano che glielo si dica, abbandonano Dio e dimostrano di stimarlo poco. Non c'è che una sola via per l'accettazione e la santificazione del peccatore, per quanto i diversi modi di irreligione o di falsa religione possano mostrare quel favore per le altre vie, che spesso viene erroneamente chiamato candore. Quanto sono folli gli idolatri, che abbandonano la roccia della salvezza per correre sulla roccia della perdizione!

19 Versetti 19-25

La rivolta di Israele è stata descritta nei versetti precedenti, e qui seguono i propositi della giustizia divina nei loro confronti. Ci inganniamo se pensiamo che Dio si faccia beffe di un popolo infedele. Il peccato ci rende odiosi agli occhi del Dio santo. Guardate che male fa il peccato e considerate stolti coloro che se ne fanno beffe.

26 Versetti 26-38

L'idolatria e le ribellioni di Israele meritavano, e la giustizia di Dio sembrava richiedere, che fossero sradicate. Ma Egli ha risparmiato Israele, e li mantiene tuttora per essere testimoni viventi della verità della Bibbia e per mettere a tacere gli increduli. Sono conservati per scopi saggi e santi e le profezie ci danno un'idea di quali siano questi scopi. Il Signore non disonorerà mai il trono della sua gloria. È una grande saggezza, e aiuterà molto il ritorno dei peccatori a Dio, considerare seriamente la loro ultima fine, o lo stato futuro. Qui si intende in particolare ciò che Dio ha predetto per mezzo di Mosè, riguardo a questo popolo negli ultimi giorni; ma può essere applicato in generale. Oh, se gli uomini volessero considerare la felicità che perderanno e la miseria in cui certamente precipiteranno, se continueranno a commettere i loro peccati! Quale sarà la loro fine? Ger 5:31. Perché il Signore, a tempo debito, abbatterà i nemici della Chiesa, in segno di dispiacere per la loro malvagità. Quando i peccatori si ritengono più sicuri, improvvisamente cadono nella distruzione. E il momento in cui Dio appare per la liberazione del suo popolo è quello in cui la situazione è peggiore. Ma chi si affida a una roccia diversa da Dio, la vedrà fallire quando ne avrà più bisogno. Il rifiuto del Messia da parte della nazione ebraica è la continuazione della loro antica idolatria, apostasia e ribellione. Saranno portati a umiliarsi davanti al Signore, a pentirsi dei loro peccati e a confidare nel loro Mediatore, a lungo rifiutato, per la salvezza. Allora egli li libererà e renderà grande la loro prosperità.

39 Versetti 39-43

Questa conclusione del canto dice: 1. Gloria a Dio. Non si può sfuggire alla sua potenza. 2. Parla di terrore per i suoi nemici. Terrore per coloro che lo odiano. L'ira di Dio è qui rivelata dal cielo contro di loro. 3. Parla di conforto al suo popolo. Il canto si conclude con parole di gioia. Qualunque sia il giudizio sui peccatori, andrà bene per il popolo di Dio.

44 Versetti 44-47

Ecco la consegna solenne di questo canto a Israele, con l'esortazione a ricordare tutte le buone parole che Mosè aveva detto loro. Non si tratta di una sciocchezza, ma di una questione di vita o di morte: se la tenete a mente, sarete fatti per sempre; se la trascurate, sarete per sempre disfatti. Oh, se gli uomini fossero pienamente convinti che la religione è la loro vita, persino la vita delle loro anime!

48 Versetti 48-52

Ora che Mosè ha compiuto il suo lavoro, perché dovrebbe desiderare di vivere un giorno di più? Dio gli ricorda il peccato di cui si era reso colpevole e per il quale gli era stato impedito di entrare in Canaan. È bene che i migliori uomini muoiano pentendosi delle infermità di cui sono consapevoli. Ma coloro che hanno una prospettiva di fede e una speranza fondata di vita eterna oltre la morte, possono morire con comodità e facilità, quando Dio li chiama, nonostante i peccati che ricordano a se stessi.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata