Deuteronomio 4

1 Capitolo 4

Esortazioni accorate all'obbedienza e dissuasione dall'idolatria Dt 4:1-23

Avvertenze contro la disobbedienza e promesse di misericordia Dt 4:24-40

Città di rifugio nominate Dt 4:41-49

Versetti 1-23

La potenza e l'amore di Dio nei confronti di Israele sono qui il fondamento e la ragione di una serie di ammonimenti e di seri avvertimenti; e sebbene ci sia un ampio riferimento alla loro alleanza nazionale, tuttavia tutto può essere applicato a coloro che vivono sotto il Vangelo. A cosa servono le leggi se non a essere osservate e rispettate? La nostra obbedienza come individui non può meritare la salvezza, ma è l'unica prova che siamo partecipi del dono di Dio, che è la vita eterna per mezzo di Gesù Cristo. Considerando da quante tentazioni siamo circondati e quali desideri corrotti abbiamo in seno, abbiamo grande bisogno di custodire il nostro cuore con ogni diligenza. Non possono camminare rettamente coloro che camminano con negligenza. Mosè invita in particolare a fare attenzione al peccato di idolatria. Egli mostra quanto debole sarebbe stata la tentazione per coloro che pensavano rettamente; infatti questi pretesi dèi, il sole, la luna e le stelle, erano solo benedizioni che il Signore loro Dio aveva impartito a tutte le nazioni. È assurdo adorarli; dobbiamo forse servire quelli che sono stati creati per servirci? Fate attenzione a non dimenticare l'alleanza del Signore vostro Dio". Dobbiamo fare attenzione a non dimenticare in nessun momento la nostra religione. L'attenzione, la prudenza e la vigilanza sono un aiuto contro la cattiva memoria.

24 Versetti 24-40

Mosè ha sottolineato la grandezza, la gloria e la bontà di Dio. Se considerassimo qual è il Dio con cui abbiamo a che fare, dovremmo sicuramente prendere coscienza del nostro dovere nei suoi confronti e non osare peccare contro di lui. Dovremmo abbandonare un Dio misericordioso, che non ci abbandonerà mai, se gli saremo fedeli? Dove possiamo andare? Dobbiamo essere tenuti al nostro dovere con i vincoli dell'amore e dobbiamo essere spinti dalle misericordie di Dio ad aderire a Lui. Mosè sottolineò l'autorità di Dio su di loro e i loro obblighi nei suoi confronti. Osservando i comandamenti di Dio avrebbero agito con saggezza per se stessi. Il timore del Signore è saggezza. Coloro che godono del beneficio della luce e delle leggi divine, dovrebbero sostenere il loro carattere per la saggezza e l'onore, affinché Dio possa essere glorificato. Coloro che invocano Dio, lo troveranno certamente a portata di mano, pronto a dare una risposta di pace a ogni preghiera di fede. Tutti questi statuti e giudizi della legge divina sono giusti e retti, superiori agli statuti e ai giudizi di qualsiasi nazione. Ciò che videro sul monte Sinai fu un'anticipazione del giorno del giudizio, in cui il Signore Gesù sarà rivelato in un fuoco ardente. Devono anche ricordare ciò che udirono sul monte Sinai. Dio si manifesta nelle opere della creazione, senza parola né linguaggio, eppure la loro voce viene udita, Sal 19:1,3; ma a Israele si è fatto conoscere con la parola e il linguaggio, accondiscendendo alla loro debolezza. Il sorgere di questa nazione è stato ben diverso dall'origine di tutte le altre. Si vedano le ragioni della grazia gratuita: non siamo amati per il nostro bene, ma per il bene di Cristo. Mosè insiste sul sicuro beneficio e vantaggio dell'obbedienza. Con questo argomento aveva iniziato, al ver.1 : "Affinché possiate vivere, entrare e possedere il paese"; e conclude con il ver. 40 : "Affinché la vita sia buona per te e per i tuoi figli dopo di te". Ricorda loro che la loro prosperità dipenderà dalla loro pietà. L'apostasia da Dio sarebbe senza dubbio la rovina della loro nazione. Prevede la loro rivolta da Dio agli idoli. Quelli, e solo quelli, che lo cercano con tutto il cuore troveranno Dio a loro conforto. Le afflizioni ci spingono e ci stimolano a cercare Dio e, grazie alla grazia di Dio che le accompagna, molti vengono riportati alla ragione. Quando ti accadono queste cose, rivolgiti al Signore tuo Dio, perché sai cosa succede quando ti allontani da lui. Mettete insieme tutti gli argomenti e poi dite se la religione non ha la ragione dalla sua parte. Nessuno abbandona il governo del proprio Dio, se non coloro che abbandonano per primi la comprensione di un uomo.

41 Versetti 41-49

Questa è l'introduzione a un altro discorso, o sermone, che Mosè predicò a Israele, e che abbiamo nei capitoli successivi. Egli pone la legge davanti a loro, come la regola che dovevano seguire, la via che dovevano percorrere. La pone davanti a loro come il vetro in cui dovevano vedere il loro volto naturale, affinché, guardando in questa perfetta legge di libertà, potessero continuare a farlo. Queste sono le leggi date quando Israele era appena uscito dall'Egitto e che ora vengono ripetute. Mosè diede queste leggi mentre si accampavano contro Bet-Peor, luogo di idoli dei Moabiti. I loro trionfi attuali erano un potente argomento per l'obbedienza. Dobbiamo comprendere la nostra situazione di peccatori e la natura dell'alleanza benevola a cui siamo invitati. Ci vengono mostrate cose più grandi di quelle che Israele vide dal monte Sinai; ci vengono concesse misericordie più grandi di quelle che sperimentarono nel deserto o in Canaan. Ci parla uno che ha una dignità infinitamente più grande di Mosè, che ha portato i nostri peccati sulla croce e ci supplica con il suo amore in punto di morte.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata