Deuteronomio 5

1 Capitolo 5

Il patto di Oreb Dt 5:1-5

I dieci comandamenti ripetuti Dt 5:6-22

La richiesta del popolo che la legge sia consegnata attraverso Mosè Dt 5:23-33

Versetti 1-5

Mosè richiede attenzione. Quando ascoltiamo la Parola di Dio dobbiamo impararla; e ciò che abbiamo imparato dobbiamo metterlo in pratica, perché questo è il fine dell'ascolto e dell'apprendimento: non riempire la nostra testa di nozioni o la nostra bocca di discorsi, ma dirigere i nostri affetti e la nostra condotta.

6 Versetti 6-22

Qui c'è qualche variazione rispetto a Es 20 come tra la preghiera del Signore in Mt 6 e Lu 11. È più necessario che ci leghiamo alle cose, che alle parole in modo inalterabile. La ragione originaria della consacrazione del sabato, tratta dal riposo di Dio dall'opera della creazione nel settimo giorno, non è qui menzionata. Anche se rimane sempre in vigore, non è l'unica ragione. Qui è tratto dalla liberazione di Israele dall'Egitto, perché questa era tipica della nostra redenzione da parte di Gesù Cristo, in ricordo della quale si doveva osservare il sabato cristiano. Nella risurrezione di Cristo siamo stati introdotti nella gloriosa libertà dei figli di Dio, con una mano potente e un braccio teso. Quanto è dolce per un'anima veramente afflitta dai terrori di una legge infranta, ascoltare il linguaggio mite e rigenerante del Vangelo!

23 Versetti 23-33

Mosè si riferisce alla costernazione causata dal terrore con cui è stata data la legge. Le apparizioni di Dio sono sempre state terribili per l'uomo, fin dalla caduta; ma Cristo, avendo tolto il peccato, ci invita a venire con coraggio al trono della grazia. Erano di buon umore, sotto le forti convinzioni della parola che avevano ascoltato. Molti hanno la coscienza turbata dalla legge che non è purificata; si estorcono loro giuste promesse, ma non si fissano e non si radicano in loro i buoni principi. Dio ha lodato ciò che hanno detto. Egli desidera il benessere e la salvezza dei poveri peccatori. Ha dato abbondanti prove di volerlo fare; ci dà tempo e spazio per pentirci. Ha mandato suo Figlio per redimerci, ha promesso il suo Spirito a coloro che lo pregano e ha dichiarato che non ha piacere nella rovina dei peccatori. Sarebbe bello per molti, se ci fosse sempre un cuore così, come sembra esserci a volte; quando sono sotto la condanna del peccato, o i rimproveri della provvidenza, o quando arrivano a guardare in faccia la morte. L'unico modo per essere felici è essere santi. Dite ai giusti: "Sarà bene per loro". Che i credenti si impegnino e si dilettino sempre di più a fare ciò che il Signore Dio ha comandato.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata