Ebrei 10

1 Capitolo 10

L'insufficienza dei sacrifici per togliere il peccato, la necessità e la potenza del sacrificio di Cristo a questo scopo Ebr 10:1-18

Un'argomentazione per la santa audacia nell'accesso del credente a Dio attraverso Gesù Cristo, e per la fermezza nella fede, nell'amore reciproco e nel dovere Ebr 10:19-25

Il pericolo dell'apostasia Ebr 10:26-31

Le sofferenze dei credenti e l'incoraggiamento a mantenere la loro santa professione Ebr 10:32-39

Versetti 1-10

Avendo dimostrato che il tabernacolo e le ordinanze dell'alleanza del Sinai erano solo emblemi e tipi del Vangelo, l'apostolo conclude che i sacrifici che i sommi sacerdoti offrivano continuamente non potevano rendere perfetti gli adoratori per quanto riguarda il perdono e la purificazione delle loro coscienze. Ma quando "Dio manifestato nella carne" divenne il sacrificio e la sua morte sull'albero maledetto il riscatto, allora il Sofferente, essendo di valore infinito, le sue sofferenze gratuite ebbero un valore infinito. Il sacrificio espiatorio deve essere uno capace di acconsentire, e deve di sua volontà mettersi al posto del peccatore: Cristo lo ha fatto. La fonte di tutto ciò che Cristo ha fatto per il suo popolo è la volontà sovrana e la grazia di Dio. La giustizia introdotta e il sacrificio offerto da Cristo sono di potenza eterna e la sua salvezza non verrà mai meno. Hanno il potere di rendere perfetti tutti coloro che vi giungono; derivano dal sangue espiatorio forza e motivi per l'obbedienza e conforto interiore.

11 Versetti 11-18

Sotto la nuova alleanza, o dispensazione del Vangelo, il perdono è pieno e definitivo. Questo fa una grande differenza tra la nuova alleanza e l'antica. Nell'antica, i sacrifici dovevano essere ripetuti spesso e, in fin dei conti, si poteva ottenere solo il perdono per questo mondo. Nella nuova, un solo sacrificio è sufficiente a procurare a tutte le nazioni e a tutte le epoche il perdono spirituale, ovvero la liberazione dalla punizione nel mondo a venire. Questa potrebbe essere chiamata una nuova alleanza. Nessuno può pensare che le invenzioni umane possano essere utili a chi le mette al posto del sacrificio del Figlio di Dio. Che cosa resta, allora, se non cercare un interesse in questo sacrificio per fede; e il sigillo di esso alle nostre anime, mediante la santificazione dello Spirito fino all'obbedienza? Affinché la legge sia scritta nei nostri cuori, possiamo sapere che siamo giustificati e che Dio non si ricorderà più dei nostri peccati.

19 Versetti 19-25

Dopo aver chiuso la prima parte dell'epistola, l'apostolo applica la dottrina a scopi pratici. Poiché i credenti avevano una via aperta alla presenza di Dio, era loro dovere usare questo privilegio. Il modo e il mezzo con cui i cristiani godono di tali privilegi è il sangue di Gesù, il merito di quel sangue che egli ha offerto come sacrificio espiatorio. L'accordo tra la santità infinita e la misericordia perdonante non è stato chiaramente compreso finché la natura umana di Cristo, il Figlio di Dio, non è stata ferita e contusa per i nostri peccati. La nostra via verso il cielo è un Salvatore crocifisso; la sua morte è per noi la via della vita e per coloro che lo credono sarà preziosa. Devono avvicinarsi a Dio; sarebbe un disprezzo per Cristo, tenersi ancora a distanza. I loro corpi dovevano essere lavati con acqua pura, alludendo alle purificazioni previste dalla legge: così l'uso dell'acqua nel battesimo doveva ricordare ai cristiani che la loro condotta doveva essere pura e santa. Mentre traevano conforto e grazia dal Padre riconciliato per le loro anime, avrebbero adornato la dottrina di Dio loro Salvatore in ogni cosa. I credenti devono pensare a come essere utili gli uni agli altri, in particolare stimolandosi a vicenda a un esercizio più vigoroso e abbondante dell'amore e alla pratica delle buone opere. La comunione dei santi è un grande aiuto e un privilegio, oltre che un mezzo per essere saldi e perseveranti. Dovremmo osservare l'arrivo dei tempi di prova ed essere così stimolati a una maggiore diligenza. Per tutti gli uomini si avvicina un giorno di prova, il giorno della nostra morte.

26 Versetti 26-31

Le esortazioni contro l'apostasia e alla perseveranza sono sostenute da molte ragioni forti. Il peccato qui menzionato è una caduta totale e definitiva, quando gli uomini, con una volontà e una risoluzione piena e fissa, disprezzano e rifiutano Cristo, l'unico Salvatore; disprezzano e resistono allo Spirito, l'unico Santificatore; e disprezzano e rinunciano al Vangelo, l'unica via di salvezza e le parole di vita eterna. Di questa distruzione Dio dà ad alcuni noti peccatori, mentre sono sulla terra, un timoroso presentimento nelle loro coscienze, con la disperazione di poterla sopportare o sfuggire. Ma quale punizione può essere più dura del morire senza misericordia? Rispondiamo: morire per misericordia, per la misericordia e la grazia che hanno disprezzato. Quanto è terribile il caso in cui non solo la giustizia di Dio, ma anche la sua grazia e la sua misericordia abusate richiedono vendetta! Tutto questo non significa affatto che le anime che si addolorano per il peccato saranno escluse dalla misericordia o che sarà loro rifiutato il beneficio del sacrificio di Cristo, se sono disposte ad accettare queste benedizioni. Chi viene a Cristo, non lo scaccerà in nessun modo.

32 Versetti 32-39

Molte e varie afflizioni si unirono contro i primi cristiani, che ebbero un grande conflitto. Lo spirito cristiano non è uno spirito egoista; ci spinge a compatire gli altri, a visitarli, ad aiutarli e a supplicare per loro. Tutte le cose qui sono solo ombre. La felicità dei santi in cielo durerà per sempre; i nemici non potranno mai portarla via come i beni terreni. Questo ci ripagherà ampiamente di tutto ciò che possiamo perdere e soffrire qui. La maggior parte della felicità dei santi, per ora, è una promessa. È una prova della pazienza dei cristiani accontentarsi di vivere dopo aver compiuto il loro lavoro e rimanere in attesa della loro ricompensa fino a quando non arriverà il momento in cui Dio la darà. Egli verrà presto da loro alla morte, per porre fine a tutte le loro sofferenze e per dare loro una corona di vita. Il conflitto attuale del cristiano può essere aspro, ma finirà presto. Dio non si compiace mai della professione formale e dei doveri e servizi esteriori di coloro che non perseverano, ma li guarda con grande dispiacere. E coloro che sono stati mantenuti fedeli in grandi difficoltà per il tempo passato, hanno motivo di sperare che la stessa grazia li aiuti a vivere ancora per fede, fino a quando riceveranno la fine della loro fede e della loro pazienza, cioè la salvezza delle loro anime. Vivendo per fede e morendo nella fede, le nostre anime sono al sicuro per sempre.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata