Matteo 11

1 Capitolo 11

La predicazione di Cristo Mt 11:1

La risposta di Cristo ai discepoli di Giovanni Mt 11:2-6

La testimonianza di Cristo a Giovanni Battista Mt 11:7-15

La perversità dei Giudei Mt 11:16-24

Il Vangelo rivelato ai semplici. Gli affaticati invitati Mt 11:25-30

Versetto 1

Il nostro Divino Redentore non si è mai stancato del suo lavoro d'amore; e noi non dobbiamo stancarci di fare il bene, perché a tempo debito raccoglieremo, se non ci stanchiamo.

2 Versetti 2-6

Alcuni pensano che Giovanni abbia inviato questa inchiesta per la propria soddisfazione. Quando c'è vera fede, può esserci un misto di incredulità. L'incredulità residua degli uomini buoni può talvolta, nell'ora della tentazione, mettere in discussione le verità più importanti. Ma speriamo che la fede di Giovanni non sia venuta meno in questo caso, e che egli abbia solo desiderato che fosse rafforzata e confermata. Altri pensano che Giovanni abbia mandato i suoi discepoli da Cristo per soddisfarli. Cristo indica loro ciò che hanno udito e visto. Le graziose condiscendenze e compassioni di Cristo verso i poveri mostrano che era lui a portare al mondo le tenere misericordie del nostro Dio. Le cose che gli uomini vedono e sentono, se confrontate con le Scritture, indicano in che modo si trova la salvezza. È difficile vincere i pregiudizi e pericoloso non vincerli; ma coloro che credono in Cristo, la loro fede sarà tanto più lodata, onorata e glorificata.

7 Versetti 7-15

Ciò che Cristo disse di Giovanni non era solo a sua lode, ma anche a beneficio del popolo. Coloro che seguono la parola saranno chiamati a rendere conto dei loro miglioramenti. Pensiamo che quando il sermone è finito, la cura sia finita? No, allora inizia la cura più grande. Giovanni era un uomo abnegato, morto a tutti gli orpelli del mondo e ai piaceri del senso. Le persone, in tutte le loro apparenze, devono essere coerenti con il loro carattere e la loro situazione. Giovanni era un uomo grande e buono, ma non perfetto; per questo era inferiore ai santi glorificati. Il più piccolo in cielo sa di più, ama di più, fa di più per lodare Dio e riceve di più da Lui, rispetto al più grande in questo mondo. Ma per regno dei cieli qui si intende piuttosto il regno della grazia, la dispensazione del Vangelo nella sua potenza e purezza. Quale ragione abbiamo di essere grati che la nostra sorte sia gettata nei giorni del regno dei cieli, sotto tali vantaggi di luce e di amore! Moltissime persone furono influenzate dal ministero di Giovanni e divennero suoi discepoli. E quelli che si sforzavano di avere un posto in questo regno, che si pensava non avessero alcun diritto o titolo per ottenerlo, sembravano degli intrusi. Questo ci mostra quale fervore e zelo siano richiesti a tutti. L'io deve essere rinnegato; la piega, la struttura e il temperamento della mente devono essere modificati. Chi vuole avere un interesse nella grande salvezza, lo avrà a qualsiasi condizione, non la riterrà difficile e non abbandonerà la presa senza una benedizione. Le cose di Dio sono di grande e comune interesse. Dio non ci chiede altro che il giusto uso delle facoltà che ci ha dato. Gli uomini sono ignoranti perché non vogliono imparare.

16 Versetti 16-24

Cristo riflette sugli scribi e sui farisei, che avevano una superba presunzione di sé. Egli paragona il loro comportamento al gioco dei bambini, i quali, essendo irascibili senza motivo, litigano con tutti i tentativi dei loro compagni di compiacerli o di farli partecipare ai giochi per i quali erano soliti riunirsi. Le critiche degli uomini di mondo sono spesso molto insignificanti e mostrano una grande malizia. Hanno qualcosa da recriminare contro chiunque, per quanto eccellente e santo. Cristo, che era immacolato e separato dai peccatori, viene qui rappresentato in combutta con loro e da loro inquinato. L'innocenza più incontaminata non sarà sempre una difesa contro il rimprovero. Cristo sapeva che i cuori dei Giudei erano più aspri e induriti contro i suoi miracoli e le sue dottrine di quanto lo fossero quelli di Tiro e Sidone; perciò la loro condanna sarebbe stata maggiore. Il Signore esercita il suo potere onnipotente, ma non punisce nessuno più di quanto meriti e non nega mai la conoscenza della verità a coloro che la desiderano.

25 Versetti 25-30

Essere riconoscenti è da bambini. Quando ci rivolgiamo a Dio come a un Padre, dobbiamo ricordare che è il Signore del cielo e della terra, il che ci obbliga a rivolgerci a lui con riverenza come al sovrano Signore di tutto, ma anche con fiducia, come colui che è in grado di difenderci dal male e di rifornirci di ogni bene. Il nostro benedetto Signore aggiunse una notevole dichiarazione: il Padre aveva consegnato nelle sue mani ogni potere, autorità e giudizio. Siamo in debito con Cristo per tutta la rivelazione che abbiamo della volontà e dell'amore di Dio Padre, da quando Adamo ha peccato. Il nostro Salvatore ha invitato tutti coloro che si affaticano e sono oppressi a venire a lui. In un certo senso tutti gli uomini sono così. Gli uomini mondani si affaticano con le loro infruttuose preoccupazioni per la ricchezza e gli onori; i gaudenti e i sensuali si affannano alla ricerca di piaceri; lo schiavo di Satana e delle sue stesse passioni è il più misero fannullone della terra. Anche coloro che si affannano per stabilire la propria giustizia si affannano invano. Il peccatore convinto è carico di colpa e di terrore; il credente tentato e afflitto ha fatiche e pesi. Cristo invita tutti a venire a lui per riposare le loro anime. Solo lui dà questo invito; gli uomini vengono a lui quando, sentendo la loro colpa e la loro miseria e credendo nel suo amore e nel suo potere di aiutare, lo cercano con una fervente preghiera. È quindi dovere e interesse dei peccatori stanchi e pesanti venire a Gesù Cristo. Questo è l'appello del Vangelo: chi vuole, venga. Tutti coloro che vengono riceveranno il riposo come dono di Cristo e otterranno pace e conforto nei loro cuori. Ma nel venire a lui devono prendere il suo giogo e sottomettersi alla sua autorità. Devono imparare da lui tutto ciò che riguarda il loro conforto e la loro obbedienza. Egli accetta il servo volenteroso, per quanto imperfetto sia il suo servizio. Qui possiamo trovare riposo per le nostre anime, e solo qui. Non dobbiamo temere il suo giogo. I suoi comandamenti sono santi, giusti e buoni. Richiede abnegazione ed espone a difficoltà, ma ciò è abbondantemente ripagato, anche in questo mondo, da pace e gioia interiori. È un giogo rivestito d'amore. Sono così potenti gli aiuti che ci dà, così adeguati gli incoraggiamenti e così forti le consolazioni che si trovano nella via del dovere, che possiamo davvero dire che è un giogo piacevole. La via del dovere è la via del riposo. Le verità insegnate da Cristo sono tali da poter far correre le nostre anime. Questa è la misericordia del Redentore; e perché mai il peccatore affaticato e oppresso dovrebbe cercare riposo da altre parti? Veniamo a Lui ogni giorno, per essere liberati dall'ira e dalla colpa, dal peccato e da Satana, da tutte le nostre preoccupazioni, paure e dolori. Ma l'obbedienza forzata, lungi dall'essere facile e leggera, è un fardello pesante. Invano ci avviciniamo a Gesù con le labbra, mentre il cuore è lontano da Lui. Allora venite a Gesù per trovare riposo per le vostre anime.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata