Osea 5

1 Capitolo 5

I giudizi divini contro Israele Os 5:1-7

Minaccia di desolazione Os 5:8-15

Versetti 1-7

L'occhio penetrante di Dio vide l'inclinazione e la disposizione segreta al peccato, l'amore che la casa d'Israele aveva per i suoi peccati e il dominio che i suoi peccati avevano su di loro. L'orgoglio rende gli uomini ostinati in altri peccati. E poiché Giuda camminava sugli stessi passi, sarebbe caduto con Israele. Trattando a tradimento con il Signore, gli uomini ingannano solo se stessi. Coloro che vanno a cercare il Signore solo con le loro greggi e i loro armenti, e non con il loro cuore e la loro anima, non possono aspettarsi di trovarlo; e non ci sarà velocità per coloro che non cercano il Signore mentre può essere trovato. Vedete quanto sia importante per noi cercare Dio presto, ora, mentre è il tempo stabilito e il giorno della salvezza.

8 Versetti 8-15

La distruzione dei peccatori impenitenti non è un semplice discorso per spaventarli, è una sentenza che non sarà richiamata. È una misericordia che ci venga dato un avvertimento tempestivo, affinché possiamo fuggire dall'ira che verrà. La conformità ai comandamenti degli uomini, che contrastano i comandamenti di Dio, matura un popolo per la rovina. I giudizi di Dio sono talvolta per un popolo peccatore come una tignola, come la putredine o come un verme; come questi consumano i vestiti e il legno, così i giudizi di Dio li consumeranno. In silenzio, si crederanno sicuri e fiorenti, ma quando guarderanno il loro stato, si troveranno a deperire e a decadere. Lentamente, perché il Signore dà loro spazio per pentirsi. Molte nazioni, così come molte persone, muoiono di tisi. A poco a poco, Dio si abbatte sui peccatori con giudizi minori, per evitare quelli maggiori, se saranno saggi e prenderanno le dovute precauzioni. Quando Israele e Giuda si trovarono in pericolo, cercarono la protezione degli Assiri, ma questo contribuì solo a peggiorare la loro ferita. Saranno costretti a rivolgersi a Dio. Egli li ricondurrà a sé, attraverso le afflizioni. Quando gli uomini cominciano a lamentarsi più dei loro peccati che delle loro afflizioni, allora comincia a esserci qualche speranza per loro; e quando siamo sotto la condanna del peccato e le correzioni della verga, dobbiamo cercare la conoscenza di Dio. Coloro che sono portati dalle dure prove a cercare Dio con serietà e sincerità, lo troveranno un aiuto presente e un rifugio efficace, perché presso di lui c'è una redenzione abbondante per tutti coloro che lo invocano. Dove c'è Dio c'è una pace solida, e solo lì.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata