Zaccaria 13

1 Capitolo 13

La fontana per la remissione dei peccati, La condanna dei falsi profeti Zac 13:1-6

La morte di Cristo e la salvezza di un resto del popolo Zac 13:7-9

Versetti 1-6

Nel tempo menzionato alla fine del capitolo precedente, ai governanti e al popolo ebraico sarebbe stata aperta una fonte in cui lavare i loro peccati. Il sangue espiatorio di Cristo, unito alla sua grazia santificante. Finora è stata chiusa alla nazione incredula di Israele; ma quando lo Spirito di grazia umilierà e addolcirà i loro cuori, la aprirà anche a loro. Questa fonte aperta è il fianco trafitto di Cristo. Siamo tutti come una cosa impura. Ecco una fontana aperta per lavarci e dei ruscelli che scorrono verso di noi da quella fontana. Il sangue di Cristo e la misericordia perdonante di Dio in quel sangue, resa nota nella nuova alleanza, sono una fontana che scorre sempre, che non può mai essere svuotata. È aperta per tutti i credenti che, in quanto seme spirituale di Cristo, appartengono alla casa di Davide e, in quanto membri viventi della Chiesa, sono abitanti di Gerusalemme. Cristo, con la potenza della sua grazia, toglie il dominio del peccato, anche dei peccati amati. Coloro che sono lavati nella fontana aperta, come sono giustificati, così sono santificati. Le anime vengono allontanate dal mondo e dalla carne, questi due grandi idoli, per potersi attaccare solo a Dio. Viene qui preannunciata la profonda riforma che avrà luogo con la conversione di Israele a Cristo. I falsi profeti saranno convinti del loro peccato e della loro follia e torneranno ai loro compiti. Quando siamo convinti di essere usciti dalla via del dovere, dobbiamo dimostrare la verità del nostro pentimento ritornandovi. È bene riconoscere come amici coloro che, con una disciplina severa, ci fanno capire l'errore; perché le ferite di un amico sono fedeli, Pr 27:6. È sempre bene ricordare le ferite del nostro Salvatore. Spesso è stato ferito da amici che si professavano tali, anzi, persino dai suoi veri discepoli, quando agiscono contro la sua parola.

7 Versetti 7-9

Ecco una profezia delle sofferenze di Cristo. Dio Padre ha dato ordine alla spada della sua giustizia di scagliarsi contro il Figlio, quando egli ha fatto liberamente della sua anima un'offerta per il peccato. Come Dio, è chiamato "mio compagno". Cristo e il Padre sono una cosa sola. Egli è il Pastore che doveva dare la vita per le pecore. Se è un sacrificio, deve essere ucciso, perché senza lo spargimento del sangue vitale non c'è remissione. Questa spada si è scagliata contro di lui, ma egli non aveva alcun peccato di cui rispondere. Può riferirsi all'insieme delle sofferenze di Cristo, in particolare alle sue agonie nel giardino e sulla croce, quando sopportò un'angoscia indicibile finché la giustizia divina non fu pienamente soddisfatta. Colpisci il pastore e le pecore saranno disperse". Questo passo il Signore Gesù dichiara essersi adempiuto quando tutti i suoi discepoli, nella notte in cui fu tradito, lo abbandonarono e fuggirono. Ha avuto e avrà il suo compimento nella distruzione della parte corrotta e ipocrita della Chiesa professante. A causa del peccato dei Giudei nel rifiutare e crocifiggere Cristo e nell'opporsi al suo Vangelo, i Romani ne avrebbero distrutto la maggior parte. Ma un resto si sarebbe salvato. E se siamo il suo popolo, saremo raffinati come l'oro; egli sarà Dio e la fine di tutte le nostre prove e sofferenze sarà la lode, l'onore e la gloria all'apparizione del nostro Signore Gesù Cristo.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata