Qual è il ruolo della legge dell'Antico Testamento per il Cristiano oggi?

Questa è una domanda importante, e posso solo toccare alcuni dei brani più importanti che ne parlano. È utile iniziare a Mt 5:17-18, dove Gesù spiega il suo rapporto con la legge: non la abolisce (per cui Lu 16:17), ma la porta a compimento (cioè la completa, la adempie). Quindi non possiamo dire che la legge non ha nessun valore per il Cristiano, ma allo stesso tempo è incompleta, perché Gesù dà il suo vero senso. Così subito dopo Gesù spiega il senso 'completo' di alcuni comandamenti della legge. Prima di tutto, uno dei dieci comandamenti era "Non uccidere", ma Gesù dice che in realtà è un comandamento contro l'odio (Mt 5:21-26). Similmente il comandamento "Non commettere adulterio" diventa "non guardare una donna per desiderarla" (Mt 5:27-30). Il comandamento sul divorzio, invece, è abrogato (Mt 5:31-32), perché, come Gesù spiega in Mt 19:3-9, era permesso da Dio per la durezza dei cuori umani, ma da principio non era il proposito di Dio. Un altro comandamento, di non giurare il falso, viene reso irrilevante, perché Gesù dice di non giurare affatto (Mt 5:33-37). Poi Gesù va contro lo spirito di "Occhio per occhio e dente per dente" (Mt 5:38-42), mentre conferma "Ama il tuo prossimo" e contraddice l'interpretazione della tradizione ebraica (ma che non era nella legge) di odiare il nemico (Mt 5:43-47).

Con questi esempi, capiamo che "portare a compimento" i comandamenti ha un significato diverso per ogni comandamento. A volte il comandamento è reso più duro, a volte è interiorizzato, a volte è abrogato, a volte è confermato. Quando leggiamo i comandamenti etici nell'Antico Testamento, ogni caso va considerato separatamente, riflettendo sul modo in cui la venuta di Gesù e il suo insegnamento danno il vero senso del comandamento.

Un'altra parte della legge ha a che fare con il 'culto' della religione ebraica: i sacerdoti, il tempio, i sacrifici, e così via. In questi casi, "porta a compimento" ha il senso di 'adempie'. Non è che queste leggi fossero sbagliate e non vanno abolite, ma indicavano un'altra cosa oltre una lettura limitata al loro tempo. In modo particolare, insegnavano, prima della venuta di Gesù, cose su Dio e come ci si avvicinava a lui in Gesù. Gesù è il nostro sommo sacerdote: i sacerdoti spiegano il tipo di mediatore di cui abbiamo bisogno. Gesù è il vero tempio di Dio: il tempio a Gerusalemme spiega cosa significa che Dio vive fra gli uomini. Gesù è il perfetto sacrificio: i sacrifici spiegano perché il sacrificio è necessario per conoscere Dio, ma allo stesso i limiti dei sacrifici suggeriscono che ci vuole un sacrificio perfetto. Il libro di Ebrei è pieno di insegnamenti di questo tipo, per esempio Ebr 4:14-5:10; 7:1-8:6 per i sacerdoti, Ebr 9:1-10 per il tempio, e Ebr 9:11-10:18 per i sacrifici. La Bibbia chiama questi adempimenti 'tipo' e 'antitipo', oppure 'figura', 'ombra' o 'simbolo' e 'realtà' (Rom 5:14; Col 2:17; Ebr 8:5; 9:9,23; 10:1). Queste leggi quindi vanno osservate ancora, ma non nel senso letterale, ma piuttosto osservando il culto in Gesù nel modo in cui lui adempie le leggi.

Un altro aspetto di questa domanda è se dobbiamo osservare la legge per essere salvati. Su questo possiamo dare una risposta certa di 'No'. Per i brani che danno questa risposta, vedi il commento su Romani 10:5. In realtà, l'osservanza della legge non dava la salvezza neanche nell'Antico Testamento. I Giudei sono stati salvati per la grazia di Dio, e sia per vivere nel regno di Dio in cui sono entrati, sia per mantenere il rapporto con Dio nonostante il peccato che continuava, dovevano osservare la legge che Dio dava. Per esempio in Es 19:3-6 Dio raccontò come aveva salvato Israele dall'Egitto (l'esodo), e che Israele sarebbe stato il suo popolo se gli avesse ubbidito. Solo dopo, in Es 20, diede i 10 comandamenti. Infatti, la conseguenza della legge era di moltiplicare il peccato (Rom 5:20), perché c'erano più cose contro cui si poteva peccare. La conseguenza non era che persone erano salvate, se non in modo indiretto: capendo a causa della legge di essere peccatori, cerchiamo la grazia di Dio e siamo condotti a Cristo (Gal 3:23-25).

Per la domanda specifica sul sabato, vedi il commento su Esodo 20:8-11.