Il Cristiano deve osservare il sabato?

Esodo 20:8-11

Per i principi che saranno usati qui per spiegare il sabato, vedi la domanda generale, "Qual è il ruolo della legge dell'Antico Testamento per il Cristiano oggi?". Secondo la risposta a quella domanda, il Cristiano deve ubbidire alla legge sul sabato - ma deve prima cercare di capire come Gesù la portò a compimento. Cioè quale era il significato della legge per gli Israeliti, e come quel significato è realizzato e pratico adesso, dopo la venuta di Gesù. Infatti, siccome Gesù è il signore del sabato (Mt 12:8), è lui che decide il vero significato del sabato e come metterlo in pratica.

Capire il significato del sabato è reso più complicato dal fatto che i Dieci Comandamenti ne danno due. In Es 20:8-11 è per ricordare il giorno di riposo per santificarlo, perché Dio creò tutto in sei giorni e poi si riposò il settimo giorno, poi benedisse e santificò quel giorno, il sabato. Nel racconto di Dt 5:12-15, invece, gli Israeliti dovevano osservare il sabato come giorno di riposo per santificarlo, perché erano stati schiavi in Egitto, da dove Dio li liberò con potenza. Queste diverse interpretazioni sono riconciliate da una lettera teologica della Bibbia, e soprattutto del tema del riposo. Infatti, la parola ebraica per il sabato è la parola per 'riposo'. In sei giorni, Dio creò tutto l'universo. Il settimo giorno, Dio si riposò dell'opera di creazione (anche se opera ancora in altri modi Gv 5:17, un fatto che Gesù utilizzò per giustificare che violava il sabato operando e in modo particolare guarendo nel giorno del sabato Gv 5:10-16). Poi Dio benedisse e santificò il sabato. Ma non è scritto che il settimo giorno finì, come è il caso con gli altri giorni dove leggiamo "Fu sera, poi fu mattina, ... giorno" (Gen 2:2-3). È come se Dio fosse ancora in questo periodo di riposo, e volesse che l'uomo godesse questo riposo benedetto e santificato con lui, nel giardino di Eden. Invece l'uomo si ribellò, preferendo di decidere per se stesso il bene e il male invece di stare in un perfetto rapporto con Dio. Quindi Adamo fu scacciato dal riposo. Il piano di Dio fu di riportare un popolo al suo riposo attraverso Gesù Cristo, ma preparò per quest'opera con la creazione della nazione d'Israele. Dio promise ai patriarchi che avrebbe creato il suo regno sulla terra in cui il suo popolo (Israele) sarebbe vissuto nella sua terra (l'attuale Palestina) sotto il governo di Dio. Per fare così, Dio li liberò dall'Egitto per creare la nazione, e poi li portò a Sinai, per spiegare loro come dovevano vivere come suo popolo, per poi portarli nella terra promessa (Es 19:4). A questo punto, a Sinai, diede il comandamento del sabato, affinché gli Israeliti ricordassero il riposo originale. Ma anche allora gli Israeliti si ribellarono, preferendo di non vivere sotto il governo di Dio. Così Dio non permise a quella generazione di entrare nel suo riposo. Quando, 40 anni più tardi, Mosè ribadì i 10 comandamenti alla generazione successiva, ricordò la salvezza dell'Egitto, perché stavano per entrare nel nuovo riposo. Per il collegamento fra il possesso della terra promessa e il riposo, vedi anche Dt 3:20,12:9; Gios 1:15. Non sono quindi due motivi contraddittori della legge del sabato, ma due lati della stessa medaglia. E solo una lettura di questo tipo include tutta la spiegazione della Bibbia: se leggessimo solo Esodo o solo Deuteronomio, potremo arrivare a conclusioni diverse, ma che non includerebbero tutto quello che la Bibbia dice.

Questa spiegazione del tema del riposo nella Bibbia è confermata e sviluppata in Ebr 3:7-4:13, che è una riflessione sia sul racconto di Mosè e Giosuè sia sul Sal 95. Gli Israeliti che uscirono dall'Egitto dovevano entrare nel riposo di Dio, ma siccome si ribellarono Dio non permise loro di entrare (Ebr 3:8-11 = Sal 95:8-11). Poi lo scrittore spiega che il riposo nella terra promessa era infatti il riposo dalla creazione (Ebr 4:4-5 = Gen 2:2; Sal 95:11). Poi c'è lo sviluppo: non solo gli Israeliti sotto Mosè non entrarono nel riposo, ma neanche la generazione successiva sotto Giosuè, benché avesse conquistata la terra promessa, perché Davide, scrivendo il Salmo 95 qualche secolo più tardi, parlò ancora della possibilità di entrare nel riposo per chi non si ribellava (Ebr 4:7-8 = Sal 95:8). Ma siccome neanche Davide diede il riposo al suo popolo, il riposo sabatico doveva rimanere ancora, e la promessa di entrarci è ancora valida oggi (Ebr 4:1-3,9-10). Dunque noi dobbiamo sforzarci di entrare nel riposo di Dio (Ebr 4:11). Il modo per entrarci è essere partecipi di Cristo fino alla fine e non indurirci, credendo e assimilando per fede la predicazione cristiana (Ebr 3:12-14; 4:2-3).

Quindi Gesù portò a compimento la legge del sabato dando il riposo (Mt 11:28 - un brano subito prima della critica da parte di Gesù di come gli Ebrei osservavano il sabato, e la sua affermazione di essere il signore del sabato in Mt 12:1-13), un riposo di cui l'osservanza del sabato era un ricordo dell'esistenza ma di cui l'umanità non era entrato. Ciò significa che il modo in cui osserviamo il sabato deve essere diverso dal modo nell'Antico Testamento. Ma il Nuovo Testamento non spiega il modo in cui bisogna ricordare il riposo che abbiamo in Cristo, per cui ci sarebbe la libertà personale. Quello che dice è che entriamo nel riposo sabato e cessiamo dalle nostre opere credendo per fede in Cristo (Ebr 4:2-3,10). Inoltre, l'osservanza del sabato (nel modo della legge ebraica) è un'ombra del futuro che sperimenteremo, mentre il corpo è Cristo, per cui non dobbiamo sentirci inferiori a quelli che osservano il sabato (Col 2:16-17; ma vedi anche Gal 4:8-11). Similmente, non dobbiamo disprezzare né chi stima un giorno (come il sabato) più di un altro, né chi stima tutti i giorni uguali (Rom 14:1-12).

Quello che è importante è che il modo in cui decidiamo di osservare il sabato deve essere un ricordo del riposo che abbiamo già in Cristo. Non deve esserci un peso, ma qualcosa che fa bene a noi e agli altri. Questa fu la critica principale da parte di Gesù del modo in cui alcuni suoi contemporanei osservavano il sabato (Mt 12:1-13).

Il sabato è spesso collegato a due altri principi. Il primo è che il sabato serve per dare riposo all'uomo, perché le persone hanno bisogno di riposarsi ogni tanto invece di lavorare sempre, e di credere che Dio provvederà a tutti i loro bisogni invece di cercare di guadagnare sempre di più lavorando di più. Mentre questo principio è vero, non è mai nella Bibbia un motivo per cui osservare il sabato. Come Es 31:12-17; Ez 20:12 spiegano, il sabato era un segno del patto fra Dio e Israele, e aveva a che fare con la santificazione e non il tempo libero per riprendersi dal lavoro. Se vogliamo riposarci dal lavoro il sabato, la domenica, o un altro giorno di settimana, è una buona idea per la nostra salute. Ma non ha niente a che fare con il sabato della Bibbia.

Il secondo principio è che è giusto che il popolo di Dio si riunisca ogni settimana. Mentre i Giudei del primo secolo si incontravano nelle sinagoghe ogni sabato, questa non era una pratica biblica. Gli Israeliti dell'Antico Testamento dovevano riunirsi tre volte ogni anno, per le grandi feste. Il sabato non era un giorno per riunirsi (Es 23:12-17). Quello che poi accadde è che quando i Giudei andarono in esilio in Babilonia, erano lontani da Gerusalemme e il tempio e non potevano osservare le leggi mosaiche sulle riunioni. Stabilirono quindi delle sinagoghe, dove si riunivano ogni sabato, non per fare i sacrifici ma per leggere la Parola di Dio e per pregare. Questa pratica continuò dopo il ritorno dall'esilio, fino ai giorni di Gesù e oltre. La pratica non era sbagliata, ma non era neanche comandata nell'Antico Testamento. Quando i primi Cristiani iniziarono le loro riunioni, spesso erano ogni giorno (At 2:46; 5:42), e poi l'evidenza delle epistole è di una riunione settimanale di domenica, non più di sabato, anche se non è né detto né comandato esplicitamente (At 20:7; 1Cor 16:2). Ma facendo così, non cambiarono il giorno di riposo dal sabato alla domenica. Cambiarono semplicemente il giorno delle loro riunioni dal settimo giorno della settimana, come era la pratica dei Giudei di quel tempo, al primo giorno della settimana, presumibilmente per ricordare la risurrezione di Gesù Cristo. Siccome Dio non comandò il giorno delle riunioni settimanali né ai Giudei né ai Cristiani, la chiesa primitiva era libera di scegliere il giorno che voleva, come possiamo scegliere anche noi.